Taner Akçam

storico turco

Altuğ Taner Akçam (Ardahan, 23 ottobre 1953) è uno storico e sociologo turco. È stato uno dei primi accademici turchi a riconoscere e a discutere apertamente il genocidio armeno compiuto dal governo turco nel 1915.

Altuğ Taner Akçam

BiografiaModifica

Akçam ha studiato all'Università Tecnica del Medio Oriente di Ankara presso la facoltà di Scienze amministrative, dove nel 1976 si specializzò e intraprese immediatamente la carriera accademica.

Durante gli anni settanta, Akçam divenne un dirigente del gruppo militante Dev Yol e del suo periodico Devrimci Genclik Dergisi. Nel 1976 fu arrestato e condannato a dieci anni di prigionia per aver discusso pubblicamente del genocidio armeno, ma l'anno successivo fuggì di prigione e riparò nella Repubblica federale di Germania, dove gli venne riconosciuto asilo politico. In Germania Akçam proseguì le sue attività politiche e nel 1988 iniziò a lavorare per l'Istituto di ricerche sociali di Amburgo sulla storia delle violenze e delle torture in Turchia. Conseguì il suo dottorato presso l'Università di Hannover nel 1995 con una tesi su Nazionalismo turco e genocidio armeno sulla base dei tribunali militari di Istanbul tra il 1919 e il 1922.

Attualmente Akçam è Visiting Associate Professor di Storia presso la University of Minnesota, USA.

Bibliografia in italianoModifica

  • Nazionalismo turco e genocidio armeno. Dall'Impero ottomano alla Repubblica (2004; trad. it. Guerini e Associati, Milano, 2006). ISBN 88-8335-719-1.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN98405093 · ISNI (EN0000 0001 1000 5639 · LCCN (ENno93007872 · GND (DE103440984 · BNF (FRcb13175467s (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no93007872