Apri il menu principale

Tanti auguri/Amoa

singolo di Raffaella Carrà del 1978
Tanti auguri/Amoa
ArtistaRaffaella Carrà
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1978
Dischi1
Tracce2
GenerePop
EtichettaCBS, 6133
Raffaella Carrà - cronologia
Singolo precedente
(1978)
Singolo successivo
(1978)

Tanti auguri/Amoa è un singolo di Raffaella Carrà, pubblicato nel 1978.

Tanti auguri è stato scritto da Gianni Boncompagni e Daniele Pace, su musica di Paolo Ormi, Amoa da Gianni Boncompagni e Paolo Ormi.

Tanti auguri è diventato un evergreen della musica italiana e del repertorio della cantante, e viene spesso riproposto ancora oggi. Il ritornello è entrato poi nell'immaginario collettivo per lo slogan scanzonato ed ironico "come è bello far l'amore da Trieste in giù".[1]

La canzone, diventata anche un inno per la comunità gay, ebbe traduzioni in spagnolo e in castellano col titolo Hay que venir al sur.

Tanti auguriModifica

Il brano era la sigla del discusso programma di Rai 1 Ma che sera, girata nel parco tematico dell'Italia in miniatura. Il testo descrive i costumi di una donna libera e indipendente, esaltando il sesso in tutte le sue forme, "in campagna ed in città", riconfermando la soubrette come icona erotica degli italiani.[1]

La cantante estone Anne Veski ne realizzò una cover dal titolo Jätke võtmed väljapoole[2].

EdizioniModifica

Entrambi i brani sono contenuti nell'album Raffaella del 1978.

TracceModifica

Lato A
  1. Tanti auguri – 3:49 (Gianni Boncompagni-Daniele Pace-Paolo Ormi)

Durata totale: 3:49

Lato B
  1. Amoa – 3:28 (Gianni Boncompagni-Paolo Ormi)

Durata totale: 3:28

NoteModifica

  1. ^ a b [1]
  2. ^ [2].

Collegamenti esterniModifica

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica