Tarasca

figura araldica
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il centro abitato dell'Ucraina, vedi Tarašča.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "Tarasque" rimanda qui. Se stai cercando il cannone antiaereo, vedi Type 53 T2 Tarasque.

La Tarasca[1] (in francese Tarasque) è un mostro che, secondo la leggenda, avrebbe devastato la Provenza, una regione francese. Il 25 novembre 2005, l'UNESCO ha inserito la Tarasca nella lista dei Patrimoni orali e immateriali dell'umanità[2].

Statua raffigurante la Tarasca nei pressi del castello di Tarascona, Francia

DescrizioneModifica

Nell'iconografia popolare, la Tarasca ha sei zampe tozze e robuste e il corpo coperto da una solida corazza simile a quella di una tartaruga, con sopra una cresta e vari aculei ossei. La lunga coda squamosa si conclude con una protuberanza cornea a forma di punta di lancia, mentre la testa è quella di un leone.

La leggendaModifica

 
Un simulacro della Tarasca

La leggenda vuole che la Tarasca fosse originaria della Galazia, patria del mitico Onachus, un mostro capace di bruciare qualsiasi cosa entrasse in contatto con il suo corpo, e che proprio dall'unione tra l'Onachus e il Leviatano, fosse nata la Tarasca. Quest'ultima giunse in Provenza, nei pressi del villaggio di Nerluc, e situata la propria tana nel letto del fiume Rodano, imperversò nella regione uccidendone gli abitanti e devastando ogni cosa.

Nella legenda aurea, Marta di Betania, assieme a sua sorella Maria di Betania, raggiunse le coste provenzali nel 48, in seguito alle persecuzioni in patria. Più precisamente approdarono nella zona della Camargue, nel paese attualmente chiamato Saintes-Maries-de-la-Mer. Qui trovarono il mostro, che venne ammansito da Santa Marta grazie alla preghiera: ad ogni Ave Maria recitata la Tarasca si rimpiccioliva in dimensioni[3].

Quando divenne completamente innocua, Marta la condusse nella città di Nerluc, che poi (in onore della Tarasca) prese il nome di Tarascona; nell'emblema della città è presente l'immagine della creatura mostruosa. Qui però i cittadini uccisero la creatura. Ancora oggi l'uccisione della Tarasca è celebrata a Tarascona l'ultima domenica di giugno.

La leggenda della Tarasca assomiglia molto alla storia de La bella e la bestia e King Kong. La creatura è affascinata e indebolita da una donna ma alla fine viene ucciso dagli esseri umani. Il concetto è vagamente simile nei miti del Enkidu e dell'unicorno: entrambi vengono tranquillizzati dalla presenza di una donna. La descrizione e la leggenda di tale creatura è simile ad altri mostri del Folclore francese come la Gargolla e la Vellosa.

Galleria d'immaginiModifica

AraldicaModifica

 
Stemma di Tarascona

La Tarasca figura come arma parlante nello stemma della città di Tarascona.

NoteModifica

  1. ^ Esempi testuali:
    Alberto Cousté, Breve storia del diavolo, traduzione di Francesca Saltarelli, Roma, Castelvecchi, 2017, ISBN 9788868268138.
    Eugène Canseliet, L'alchimia, traduzione di Paolo Lucarelli, Roma, Edizioni Mediterranee, 1996, ISBN 88-272-0583-7.
    Silvano Crepaldi, Santi e reliquie, Lampi di stampa, 2012, ISBN 8848813836.
    Paolo Rumiz, Annibale. Un viaggio, Milano, Feltrinelli, 2008, ISBN 978-88-07-01763-6.
  2. ^ (EN) UNESCO - Processional giants and dragons in Belgium and France, su ich.unesco.org. URL consultato il 28 luglio 2020.
  3. ^ The Golden Legend: The Life of Saint Martha, su web.archive.org, 30 marzo 2010. URL consultato il 28 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 30 marzo 2010).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica