Apri il menu principale

Tarsius

genere di animale della famiglia Tarsiidae

DescrizioneModifica

Si tratta di animali lunghi una quindicina di centimetri, ai quali si sommano i 20–25 cm della coda. Le mani sono molto grandi, con dita lunghe in alcuni casi quanto l'intero braccio e dai polpastrelli rigonfi: l'indice ed il medio delle mani posteriori possiedono unghie utilizzate per il grooming, per espletare il quale essi non hanno tuttavia il pettine dentale tipico degli strepsirrini.

Hanno tutti ossa del tarso molto allungate, da cui il nome, e grandi occhi da animale notturno, i quali, tuttavia, mancano del tipico tapetum lucidum delle creature della notte.

Il cervello dei tarsi presenta differenze nell'arrangiamento sinaptico fra gli occhi ed il corpo genicolato laterale rispetto agli altri primati.[1]

BiologiaModifica

Sono animali arboricoli con abitudini notturne.

La loro dieta è prevalentemente insettivora, ma all'occorrenza non disdegnano catturare piccoli vertebrati, serpenti o saccheggiare i nidi d'uccello.

TassonomiaModifica

La posizione filogenetica dei tarsi fra i primati è stata sempre posta in discussione e nel corso degli anni essi sono stati posti prima fra le proscimmie, in seguito nel sottordine monofiletico degli Haplorrhini.

Il genere Tarsius comprende le seguenti specie[2]:

Altre due specie in precedenza assegnate a questo genere sono state segregate in generi a sé stanti:[2]:

Distribuzione e habitatModifica

Il genere è diffuso nelle isole della Sonda (Sud-est asiatico) e nelle Filippine.

NoteModifica

  1. ^ Rosa MG, Pettigrew JD, Cooper HM (1996) Unusual pattern of retinogeniculate projections in the controversial primate Tarsius. Brain Behav Evol 48(3): 121-129.
  2. ^ a b (EN) Groves C. & Shekelle M., The Genera and Species of Tarsiidae (PDF), in International Journal of Primatology, vol. 31, nº 6, 2010, pp. 1071–1082, DOI:10.1007/s10764-010-9443-1.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi