Apri il menu principale

Tata Matilda e il grande botto

film del 2010 diretto da Susanna White
Tata Matilda e il grande botto
Tata Matilda 2.png
I quattro protagonisti in una scena della pellicola
Titolo originaleNanny McPhee and the Big Bang
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America, Francia
Anno2010
Durata109 min.
Generecommedia, fantastico
RegiaSusanna White
SceneggiaturaEmma Thompson
ProduttoreTim Bevan, Lindsay Doran,
Eric Fellner, Debra Hayward,
Glynis Murray, Liza Chasin
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Tata Matilda e il grande botto (Nanny McPhee and the Big Bang) è un film del 2010 diretto da Susanna White, tratto dalla serie di libri Tata Matilda della scrittrice inglese Christianna Brand, sequel del film Nanny McPhee - Tata Matilda del 2005.

TramaModifica

In una fattoria inglese, durante la Seconda guerra mondiale, Isabel Green (Maggie Gyllenhaal) cerca di portare avanti la sua fattoria e il suo negozio dopo la difficile separazione dal marito, partito come soldato; a renderle la vita difficile ci pensano la sua anziana e pasticciona aiutante Mrs. Docherty e i suoi tre figli, Norman, Megsie e Vincent; la situazione diventa impossibile con l'arrivo dei cugini di città Cyril e Celia Gray, due ragazzini spocchiosi e altezzosi mandati dai loro genitori per allontanarli dalla guerra. Una sera, durante un litigio dei ragazzi, si presenta Tata Matilda, che comincia a impartire le proprie lezioni. Si presenta un altro problema nella fattoria quando lo zio Phil, cognato di Isabel e comproprietario della fattoria, ha perso la propria parte nel gioco e, per saldare il debito, cerca in tutti i modi di convincere la cognata a vendere la fattoria: per farlo non esita a ricorrere a mezzi sleali e scorretti, come far scappare i maialini destinati alla vendita, fino a far credere alla famiglia che il padre è caduto in guerra.

Sarà la fermezza di Norman, il maggiore dei fratelli, a dimostrare la falsità delle sue parole. Aiutato dal cugino Cyril e da Tata Matilda, Norman si reca a Londra per parlare con il padre di Cyril, Lord Gray, membro del Ministero della guerra; intanto Megsie, Celia e Vincent cercano di evitare la firma di Isabel sul contratto di vendita dello zio. Così tra le varie avventure, i bambini apprendono tutte le lezioni di Tata Matilda, che a quel punto si allontana e se ne va. La situazione lascia tutti sorpresi tranne Mrs. Docherty, che ricorda come Tata Matilda odiasse gli addii, rivelando di essere la piccola Aggie della prima pellicola. La famiglia Green correrà a fermare Tata Matilda per convincerla a restare, ma il felice ritorno del padre Rory farà capire loro che ormai non hanno più bisogno di lei.

PersonaggiModifica

  • Isabel Green: è la madre della famiglia Green; la sua vita è inizialmente impossibile ma ci penserà Tata Matilda a cambiarle le cose. Quando starà per vendere la fattoria suo figlio, Norman le farà cambiare idea.
  • Norman Green: è il maggiore dei tre figli. Sente dentro di sé che il padre è ancora vivo, e ne avrà la conferma.
  • Megsie Green: è la figlia di mezzo. È lei a disinnescare la bomba trovata nel giardino.
  • Vincent Green: è il più piccolo fra i tre figli. Romperà tanta porcellana, che poi verrà aggiustata dalla magia di Tata Matilda.
  • Cyril Gray: è il cugino di Norman, Vincent e Megsie, nipote di Isabel e fratello di Celia. Molto viziato e spocchioso, alla fine stringerà però un buon rapporto con i cugini.
  • Celia Gray: l'altra cugina di Norman, Vincent e Megsie nonché seconda nipote di Isabel e sorella di Cyril. Come il fratello anche lei all'inizio è molto viziata e spocchiosa, ma poi farà amicizia con i cugini, soprattutto con Megsie.
  • Tata Matilda: è la stessa tata della pellicola precedente, venuta in soccorso per aiutare una nuova famiglia impartendo le proprie lezioni.
  • Signora Docherty: è l'allegra e pasticciona aiutante di Isabel nel suo negozio. Alla fine confessa di essere la piccola Aggie della pellicola precedente.
  • Phil: è il cognato di Isabel. Bisognoso di soldi, incita la cognata a vendergli la fattoria.

Collegamenti esterniModifica