Apri il menu principale

Tavola Doria

dipinto di Leonardo da Vinci
Tavola Doria
Leonardo da vinci, Battle of Anghiari (Tavola Doria).jpg
AutoreIl Poppi (attr.)[1]
Data1503-1505
Tecnicaolio su tavola di pioppo
Dimensioni86×115 cm
UbicazioneFirenze, Galleria degli Uffizi

La Tavola Doria è un dipinto raffigurante la parte centrale della celebre opera pittorica murale della Battaglia di Anghiari[2] di Leonardo Da Vinci, realizzato tra il 1503 ed il 1505.

Indice

AttribuzioneModifica

L'autore é ignoto e per lo più è ritenuta una copia di un autore fiorentino del XVI secolo, magari il Poppi.

Negli schizzi di Leonardo per la battagla di Anghiari, non compaiono tra le armi usate, pugnali, coltelli o comuni armi bianche di dimensioni ridotte, ma solo lance lunghe oltre ogni limite, che sono fondamentali nel cadenzare la composizione e la campitura dell'opera. Le medesime sono magistralmente usate per la ripartitura grafica dei disegni che si possono consultare alla Galleria dell'Accademia di Venezia. Anche lo "stile" non sembra proprio di Leonardo. L'approfondimento del "segno" presente in un'opera è elemento fondamentale per l'attribuzione della medesima.

Storia recenteModifica

Della tavola non si avevano più notizie dal 1939, anno in cui fu venduta all'asta dalla famiglia Doria che la deteneva dal 1621. L'opera viene vincolata con decreto della Reale Soprintendenza alle Gallerie di Napoli, ma nel 1940 (per canali non potuti appurare) l'opera lascia Napoli e da allora se ne perdono le tracce.

L'opera, ricercata dal 1983 dalle forze di polizia italiane, era stata, nel settembre 1995, segnalata in Giappone[3] da Alessandro Vezzosi, uno dei massimi esperti mondiali di Leonardo.

Nel giugno 2012, grazie anche alle attività investigative dei Carabinieri del Comando Tutela Patrimonio Culturale, l'opera (conservata presso il caveau di una banca di Ginevra per conto del Tokyo Fuji Art Museum che l'aveva regolarmente ed in perfetta buona fede acquistata nel 1992) è stata donata all'Italia con un accordo con il Giappone che prevede per 26 anni un'alternanza espositiva tra i due paesi (due anni in Italia si alterneranno a quattro di esposizione in Giappone), al termine dei quali l'opera resterà permanentemente in Italia.

Prima del trasferimento a Firenze previsto per il 13 gennaio 2013, l'opera è stata esposta a partire dal 28 novembre 2012 al Palazzo del Quirinale, residenza del Presidente della Repubblica Italiana[4].

Prima del trasferimento quadriennale in Giappone, previsto per il giugno del 2014, sono in corso analisi scientifiche presso laboratori forensi per un tentativo di attribuzione certa del dipinto a Leonardo da Vinci grazie anche alla comparazione di alcune impronte digitali esistenti sull'opera che saranno poste a confronto con altre rilevate su dipinti leonardeschi.

NoteModifica

  1. ^ [1]
  2. ^ In molte fonti è spesso riportato erroneamente che il dipinto fosse un affresco.
  3. ^ LEONARDO: IL GIALLO DELLA 'TAVOLA DORIA', E' IN GIAPPONE, adnkronos.com, 16 settembre 1995. URL consultato il 15 marzo 2012.
  4. ^ La 'Tavola Doria' torna in Italia dopo 70 anni, adnkronos.com, 27 novembre 2012.

BibliografiaModifica

  • Louis Godart, La tavola Doria, Milano, Mondadori, 2012. ISBN 978-88-04-62687-9
  • (DE) Friedrich Piel, Tavola Doria. Leonardo da Vincis Modello zu seinem Wandgemälde der Anghiarischlacht: Texte - Materialien - Dokumente, München, 1995. ISBN 978-3-88219-411-1
  • Jürg Meyer zur Capellen; Claudio Falcucci (2012), Tavola Doria, notizie di un dipinto nascosto. Kermes: la rivista del restauro (n. 83): pp. 51–62

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4385089-3