Apri il menu principale

Tebaldo d'Este (...) figlio di Azzo II, servì fedelmente l'imperatore Ottone II. Creatasi una solida fama di condottiero a lui ricorsero i ferraresi mentre, perché li difendesse dalle minacce e dalle molestie dei paesi vicini.

Sempre pronto ad intervenire, riuscì a fermare tutti coloro che osavano troppo, in compenso fu proclamato signore di Ferrara.

A poco a poco la sua signoria si allargò su Lucca, Parma, Reggio, Modena e Mantova, e in ognuna di queste città costruì opere pubbliche, fortezze e chiese di grande valore artistico.

In una delle sue sontuose dimore alloggiò Ottone II, in Ferrara, ed egli seppe mantenere con l'imperatore vive relazioni di amicizia.

Diete alla propria famiglia dignità signorile e riconosciuta potenza. I suoi tre figli fin da giovani furono considerati come principi di sicuro avvenire.

BibliografiaModifica

  • F. Berni. Degli eroi della Serenissima Casa d'Este, ch'ebbero il dominio di Ferrara. 1640, Ferrara.
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie