Telescopio XO

Il Telescopio XO (in inglese XO Telescope) è un telescopio operativo dal 2003 posto sulla sommità del vulcano Haleakalā, a 3054 m, presente sull'isola hawaiana di Maui.[1]

Il telescopio è fornito di una coppia di lenti dal diametro di 200 mm. È utilizzato per individuare pianeti extrasolari utilizzando il metodo del transito. È simile al telescopio utilizzato per il Trans-Atlantic Exoplanet Survey o TrES.[1]

Il telescopio è stato costruito in un unico esemplare. La strumentazione è costata 60 000 dollari statunitensi, cifra che è stata abbondantemente superata dal costo dei programmi necessari per il suo funzionamento.[1]

Pianeti scopertiModifica

Il Telescopio XO ha scoperto cinque oggetti fino al 31 gennaio 2010, quattro dei quali sono pianeti gioviani caldi ed uno probabilmente una nana bruna; tutti scoperti utilizzando il metodo del transito.

Stella Costellazione Ascensione
retta
Declinazione Mag.
app.
Distanza (al) Tipo
spettrale
Pianeta Massa
(MJ)
Raggio
(RJ)
Periodo
orbitale

(g)
Semiasse
maggiore

(UA)
Eccentricità
orbitale
Inclinazione
(°)
Anno di
scoperta
XO-1 Corona Boreale 16h 02m 12s +28° 10′ 11″ 11.319 600 G1V XO-1 b 0,9 1,3 3,941534 0,0488 0 87,7 2006
XO-2 Lince 07h 48m 07s +50° 13′ 33″ 11,25 486 K0V XO-2 b 0,57 0,973 2.615838 0,0369 0 88,58 2007
XO-3 Giraffa 04h 21m 53s +57° 49′ 01″ 9,91 850 F5V XO-3 b 11,79 1,217 3,1915239 0,0454 0,26 84,2 2007
XO-4 Lince 07h 21m 33,1657s +58° 16′ 05,005″ 10.78 956 F5V XO-4 b 1,72 1,34 4,12502 0,0555 0,0024 88,7 2008
XO-5 Lince 07h 46m 51,959s +39° 05′ 40,47″ 12,1 881 G8V XO-5 b 1,15 1,15 4,187732 0,0508 0,0029 86,8 2008
X0-6 X0-6 b 2016 [2]

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Peter R. McCullough, et al., The XO Project: Searching for Transiting Extrasolar Planet Candidates, in Publications of the Astronomical Society of the Pacific, vol. 117, n. 834, 2005, pp. 783–795, DOI:10.1086/432024.
  2. ^ (EN) M. Crouzet et al., Discovery of XO-6b: A Hot Jupiter Transiting a Fast Rotating F5 Star on an Oblique Orbit, in The Astronomical Journal, vol. 153, n. 3, 3 febbraio 2017, DOI:10.3847/1538-3881/153/3/94.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica