Tempio di Quirino

Tempio scomparso della Roma antica

Coordinate: 41°54′07.1″N 12°29′25.55″E / 41.901972°N 12.490431°E41.901972; 12.490431 Il Tempio di Quirino era un tempio di Roma, situato sul colle Quirinale.

StoriaModifica

Fu edificato dal console Lucio Papirio Cursore nel 290 a.C., forse su un altare più antico dedicato al dio Quirino dalle tribù sabine che in epoca arcaica avrebbero abitato il Quirinale (dando anche il nome al colle stesso).

DescrizioneModifica

Del tempio arcaico resta un'attestazione iconografica in un rilievo al Museo delle Terme, dove è raffigurato come un edificio tuscanico, con frontone decorato con la scena di Romolo e Remo che traggono gli auspici per la fondazione di Roma. Nel 16 a.C. venne restaurato da Augusto ed inaugurato il 29 giugno,[1] che lo trasformò in un tempio dorico diptero ottastilo, con una peristasi di 76 colonne doriche: così lo descrive Vitruvio[2]. Circondava il tempio un grande portico.

LocalizzazioneModifica

La localizzazione esatta del tempio doveva essere all'incrocio tra le attuali via del Quirnale e via delle Quattro Fontane, sul lato verso piazza Barberini, dove si trovava anche il Capitolium Vetus.

NoteModifica

  1. ^ Cassio Dione, LIV, 19.4.
  2. ^ Vitruvio, De Architectura, III, II, 7

BibliografiaModifica

  • Filippo Coarelli, Guida archeologica di Roma, Verona, Arnoldo Mondadori Editore, 1984.
  • Georges Dumezil, La religione romana arcaica. Miti, leggende, realtà , ed. it. Mondadori, Milano, 2018.
  • Angelo Brelich, Tre variazioni romane sul tema delle origini, a cura di Andrea Alessandri, Editori Riuniti, Roma, 2010, pp. 181-239.
  • Dario Sabbatucci, Mistica agraria e demistificazione, La goliardica editrice universitaria, Roma, 1986.
  • Dario Sabbatucci, La religione di Roma antica: dal calendario festivo all'ordine cosmico, Il Saggiatore, Milano, 1988.
  • Dario Sabbatucci, Sommario di storia delle religioni, Il Bagatto, Roma, 1985.
  • Dominique Briquel, Romulus jumeau et roi. Realites d' une legende, Les Belles Lettre, Paris, 2018.

Altri progettiModifica