Apri il menu principale
Tempio massonico
Santacruzmasontemple03.jpg
Tempio massonico di Santa Cruz de Tenerife
Localizzazione
StatoSpagna Spagna
Comunità autonomaCanarie Canarie
LocalitàSanta Cruz de Tenerife
Coordinate28°28′07.56″N 16°15′09.94″W / 28.468767°N 16.252761°W28.468767; -16.252761Coordinate: 28°28′07.56″N 16°15′09.94″W / 28.468767°N 16.252761°W28.468767; -16.252761
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione18991902
Realizzazione
ArchitettoManuel de Cámara y Cruz

Il tempio massonico di Santa Cruz de Tenerife è considerato uno dei principali templi massonici in Spagna, e il primo delle Isole Canarie. L'edificio fu costruito tra il 1899 e il 1902 per l'uso da parte di una loggia massonica.

Durante la dittatura spagnola di Francisco Franco il tempio fu chiuso, tuttavia non venne distrutto, come era successo ad altri templi nel resto della Spagna. Il tempio è stato dichiarato monumento di interesse culturale ed è in fase di restauro.

Indice

StoriaModifica

Su 8 agosto 1895 ha visto la creazione della Loggia Añaza, che consolidare rapidamente, raggiungendo riorganizzare la Massoneria nelle isole Canarie nel primo terzo del XX secolo.

Questo lodge è stato il impoulsora il tempio che è stato costruito tra il 1899 e il 1902, secondo il progetto dell'architetto comunale Manuel de Cámara, il cui finanziamento è stato incaricato di questo lodge. Tuttavia, la parte anteriore è certamente concludere fino al 1923.

L'edificio è stato utilizzato anche come una scuola libera, finanziata dal Lodge Añaza. La facciata ha una forte ispirazione egiziana, ha capitelli con foglie di palma in un grande frontone triangolare. Questo è uno sguardo con i raggi luminosi, che rappresentano l'Essere Supremo, Grande Architetto dell'Universo secondo il simbolismo massonico. Aggirare ogni colonna, ci sono due sfingi (quattro in totale). La porta d'ingresso è scolpito in legno con motivi geometrici; Sopra l'architrave è decorato con foglie di palma e un sole con le ali di un'aquila, simbolo di Horus.

L'edificio ha anche una riflessione di stanza nel seminterrato, realizzato in un tubo vulcanica naturale; Al secondo piano si trova la sala per banchetti con le finestre sulla facciata. L'ultimo livello ha poche camere.

Il Tempio massonico di Santa Cruz de Tenerife è sulla stessa latitudine (28 ° Nord) del Monastero di Santa Caterina (Egitto). Questo monastero è stato costruito sul luogo dove secondo l'Antico Testamento, Mosè riceve le Tavole della Legge.[1][2]

ExpolioModifica

Il 15 settembre 1936, nel primo decreto contro la massoneria emanato dal generale Francisco Franco, questa proprietà è confiscata e restituita alla Falange spagnola. Poco dopo, è diventata il negozio di una farmacia militare, l'attività che viene poi organizzata con un'ottica per l'esercito, mentre sulla parte superiore è stato attivato come caserma per i soldati fino al 1990, è rimasta chiusa fino ad oggi.

Infine, in tempi di democrazia, lo Stato ha venduto l'edificio alla città di Santa Cruz de Tenerife, nel 2001.

RestauroModifica

Attualmente l'edificio è in attesa di restauro e la riabilitazione per recuperare parzialmente distrutto dopo gli spazi di occupazione

Il Tempio massonico di Santa Cruz de Tenerife è stata dichiarata di interesse culturale nella categoria monumento.

Congresso massonicoModifica

Nel novembre 2016 si è svolto a Santa Cruz de Tenerife un congresso internazionale massonico chiamato Convento dell'Ordine, un evento si tiene ogni anno in diverse parti del mondo[3] ed è organizzato dal Consiglio Supremo del 33º grado e finale del Rito Scozzese antico e Accettato per la Spagna. Questa conferenza ha contribuito a raccogliere fondi per la riabilitazione del Tempio Massonico di Santa Cruz de Tenerife.[3]

Congresso hanno partecipato 17 dei 57 più alte punte regolari che esistono in tutto il mondo, circa 300 persone in quanto è molto importante per la comunità massonica data di tutto il mondo.[3] Durante l'incontro nel Tempio massonico ha ricoperto la firma l'atto della creazione della Confederación Iberoamericana de Supremos Consejos.[4]

Galleria d'immaginiModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica