Apri il menu principale

Teoria del complotto sul piano Kalergi

Teoria del complotto
Il conte Kalergi

La teoria del complotto sul piano Kalergi è la credenza secondo la quale esista un piano (chiamato piano Kalergi) d'incentivazione dell'immigrazione africana e asiatica verso l'Europa al fine di rimpiazzarne le popolazioni[1][2][3]. Prende il nome dal filosofo austriaco Richard Nikolaus di Coudenhove-Kalergi (1894-1972), paneuropeista storico, cui viene attribuita la paternità di tale piano; la teoria trova credito soprattutto in ambienti di estrema destra (nazionalisti, leghisti e separatisti[4][5][6]).

StoriaModifica

La teoria fu elaborata dal negazionista austriaco Gerd Honsik (condannato in due occasioni, nel 1992 e nel 2009, per avere pubblicamente negato la verità storica dell'Olocausto[7]) nel suo libro Addio Europa[8], attraverso un'opera di selezione, rielaborazione e decontestualizzazione[9] delle idee di Kalergi[7].

Questi, fondatore nel 1922 dell'Unione Paneuropea, aveva espresso, nella sua opera Pan-Europa. Un grande progetto per l'Europa unita e fin dalla fine della prima guerra mondiale, a ferite del conflitto ancora aperte, la necessità di un'integrazione continentale al fine di favorire la pacifica convivenza dei popoli. Inoltre, nel libro Praktischer Idealismus (1925), distingueva tra «uomo rustico», figlio dell'endogamia, forte di volontà ma debole di spirito, e «uomo urbano», frutto della mescolanza razziale (Blutmischung), povero di carattere ma ricco di spirito[10], preferendo quest'ultimo in quanto più propenso al mantenimento della pace quindi auspicandone una sua diffusione su scala mondiale, quindi non strettamente europea[10].

Tali concetti furono alla base della reinterpretazione di Honsik[7], il quale li rilesse in chiave di annullamento delle identità nazionali e locali, d'imposizione del meticciato etnico e di «genocidio» dei popoli europei per sostituirli con quelli asiatico-africani al fine di ottenere un'etnia indistinta di docili consumatori piegati al mercato e al desiderio di dominio mondiale da parte di non meglio precisate élite economiche[3][7].

Nonostante nel citato Praktischer Idealismus Kalergi si limiti alla critica di tesi quali quelle della razza superiore della mistica nazionalista tedesca e del superuomo nietzschiano, Honsik suggerisce che ivi si possano leggere le linee del presunto piano da lui denunciato: in realtà, lungi dal teorizzare nel suo Pan-Europa un'egemonia elitaria, Kalergi ipotizza unicamente un'unione confederata di Stati tra le diverse potenze europee con la garanzia reciproca della sovranità individuale e il rispetto delle diverse culture europee, in controtendenza agli ideali imperialistici e totalitari dell'epoca[3][7][11].

Nel secondo decennio del XXI secolo alcuni fattori, tra i quali la perdita di posti di lavoro non specializzati e il calo della stabilità economica in Europa a seguito della recessione del 2007 — impattante in maniera più o meno pesante su tutte le economie continentali — nonché l'afflusso in Europa di centinaia di migliaia di rifugiati e di migranti africani e asiatici in fuga dalle guerre e dalle precarie condizioni economiche[12][13][14], hanno favorito la diffusione delle teorie di Honsik, soprattutto tra le persone più colpite dagli effetti della crisi economica[15].

Anche in Italia il tema ha trovato sponda in una vasta galassia politica di destra fin dal 2015, inizialmente su un pamphlet di Matteo Simonetti[16] poi, a seguire, tramite la Lega Nord per voce del suo leader Matteo Salvini, attraverso gruppi populisti[3][17] e commentatori di un certo rilievo mediatico come Claudio Messora (all'epoca responsabile della comunicazione del Movimento 5 Stelle al Senato e al Parlamento europeo[16]), Diego Fusaro[18] (saggista attestato su posizioni di critica della modernità e del capitalismo[19]) o il giornalista e scrittore Magdi Allam[20] (attestatosi, dopo la conversione al cristianesimo, su posizioni di denuncia di supposti cedimenti dell'occidente all'Islam). Anche in Austria, più recentemente, la suggestione anti-Kalergi ha trovato terreno fertile negli ambienti di destra: uno degli esponenti più in vista del Partito della Libertà, Heinz-Christian Strache, all'epoca vicecancelliere (dimessosi nel maggio 2019 per un affare di corruzione) auspicava un programma di rilancio della natalità nel Paese ispirato ad analoghe politiche ungheresi di Viktor Orbán, definito come «il paladino dei popoli europei decisi a preservare in eterno le loro tradizioni e la loro civiltà e che non si arrendono alla prospettiva di essere rimpiazzati dagli africani e dai musulmani»[21].

La teoria del complotto così elaborata sostiene che tale fenomeno migratorio fosse da lungo tempo programmato, voluto e incentivato da non meglio specificate élite al fine di giungere a un'unica razza meticcia euro-asiatico-africana, un «gregge multietnico senza qualità e senza coscienza» che sostituisca le popolazioni residenti nel continente e che sia più «facilmente manipolabile» dalle citate élite[3][7][17]; a detta di chi denuncia tale presunto piano, camuffato sotto la promozione dell'integrazione europea, sarebbe quindi in corso un tentativo di «genocidio programmato» avente come scopo e conseguenza finale «l'annullamento dell'individuo»[17].

ConfutazioneModifica

L'esistenza di qualsivoglia etnia vittima del cosiddetto piano Kalergi è giudicata non veritiera stante il melting pot genetico che oramai contraddistingue da secoli i popoli occidentali. Per quello italiano, in particolare, la commistione è da sempre la più varia d'Europa[22]. Per quello francese, altresì, la natura consensuale (e non razziale) dell'appartenenza alla comunità nazionale è fatta risalire da Raphaël Glucksmann (figlio del filosofo André) al 1315[23].

Quanto, infine, alla pretesa “sostituzione”, è stato fatto rilevare che essa (al netto di improprietà semantiche che utilizzano termini volti a designare tutt'altre fattispecie, come “genocidio” o “invasione”) richiederebbe nel caso italiano, pur ai più elevati ritmi migratori riscontrati durante la crisi europea dei rifugiati del 2015, e considerando anche l'effetto coincidente dell'attuale calo demografico italiano, almeno tre secoli per compiersi[24].

NoteModifica

  1. ^ Cajelli, pag. 79.
  2. ^ Stefano Dalla Casa, Dai Protocolli dei savi di Sion al piano Kalergi: la lunga storia d'amore tra razzismo e fake news, in Wired, 25 agosto 2017. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  3. ^ a b c d e Clara Amodeo, Cos'è il piano Kalergi, la bufala dei migranti che uccideranno gli europei, in Linkiesta, 28 settembre 2015. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  4. ^ Leonardo Bianchi, Il "Piano Kalergi" è la teoria del complotto preferita da Salvini e dagli estremisti italiani, in Vice News, 18 agosto 2016. URL consultato il 24 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 19 agosto 2016).
  5. ^ Marco Pasciuti, Salvini e il piano Kalergi, così la bufala cospirazionista è diventata dottrina di governo, in Il Fatto Quotidiano, 12 febbraio 2018.
  6. ^ Vladimiro Polchi, Piano Kalergi: così s'inventa un complotto, in La Repubblica, 16 gennaio 2018. URL consultato il 31 ottobre 2019.
  7. ^ a b c d e f Vladimiro Polchi, Piano Kalergi: così s'inventa un complotto, in la Repubblica, 16 gennaio 2018. URL consultato il 30 novembre 2018.
  8. ^ Honsik.
  9. ^ Vladimiro Polchi, Piano Kalergi, così s'inventa un complotto, in la Repubblica, 16 gennaio 2018. URL consultato il 9 giugno 2019.
    «Nel suo libro del 2005, Addio Europa, Honsik cita testualmente frasi di Kalergi — spiega Errico Buonanno, autore di Sarà vero (Einaudi) — ma decontestualizzate».
  10. ^ a b Kalergi, pag. 23 «L’uomo del futuro remoto sarà meticcio. Le razze e le caste di oggi saranno le vittime del superamento di spazio, tempo e pregiudizio. La razza eurasiatica-negroide del futuro, simile nell’aspetto alla razza degli antichi Egizi, sostituirà la pluralità dei popoli con una molteplicità di personalità»
  11. ^ Il piano Kalergi per lo sterminio degli europei, su butac.it, 25 novembre 2014.
  12. ^ (EN) Adrian Edwards, UNHCR viewpoint: "Refugee" or "migrant" — Which is right?, su unhcr.org, Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, 11 luglio 2016.
    «The majority of people arriving this year in Italy and Greece especially have been from countries mired in war or which otherwise are considered to be 'refugee-producing' and for whom international protection is needed. However, a smaller proportion is from elsewhere, and for many of these individuals, the term "migrant" would be correct.».
  13. ^ Patrick Kingsley, Refugee crisis: apart from Syrians, who is travelling to Europe?, in The Guardian, 10 settembre 2015. URL consultato il 28 aprile 2019.
  14. ^ Jeanne Park, Europe's Migration Crisis, Council on Foreign Relations. URL consultato il 28 aprile 2019.
  15. ^ Misinformation, pag. 78.
  16. ^ a b Viola Stefanello, Cos’è il piano Kalergi, la teoria del complotto sugli immigrati a cui crede Salvini, in The Post Internazionale, 27 agosto 2018. URL consultato il 28 aprile 2019.
  17. ^ a b c Matteo Salvini contro il terribile Piano Kalergi, in neXtQuotidiano, 17 agosto 2015. URL consultato il 20 ottobre 2017.
  18. ^ David Allegranti, Fenomenologia di Fusaro, intellettuale disorganico perfetto per Lega e M5S, in il Foglio, 16 giugno 2017. URL consultato il 24 ottobre 2017 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2018).
  19. ^ Andrea Mollica, Diego Fusaro rilancia la bufala complottista e razzista del piano Kalergi, in Giornalettismo, 14 giugno 2017. URL consultato il 21 ottobre 2017.
  20. ^ Magdi Allam, L'invasione di clandestini e il Piano Kalergi: così gli italiani scompaiono, su magdicristianoallam.it, Magdi Cristiano Allam, 21 giugno 2015. URL consultato il 25 ottobre 2017.
  21. ^ Ultradestra cacciata in Austria per il video scandalo. Strache diceva: «Fermeremo la sostituzione etnica», in La Voce di Bolzano, 19 maggio 2019. URL consultato il 9 giugno 2019.
  22. ^ (EN) Marco Capocasa et al., Linguistic, Geographic and Genetic Isolation: A Collaborative Study of Italian Populations, in Journal of Anthropological Sciences, vol. 92, 2014, p. 2, DOI:10.4436/JASS.92001.
  23. ^ (EN) Thomas Chatterton Williams, The French Origins of “You Will Not Replace Us”, in The New Yorker, 4 dicembre 2017. URL consultato il 28 aprile 2019.
    «Raphaël Glucksmann made a similar critique of the idea of “pure” Frenchness. He observed, “In 1315, you had an edict from the king who said anybody who walks on the soil of France becomes a franc.”».
  24. ^ Guido Mariani, Come ti smonto il piano Kalergi in sette punti, in Lettera43, 12 agosto 2018. URL consultato il 28 aprile 2019.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica