Terapia a vibrazione locale

è un trattamento.

La terapia a vibrazione locale dalla lingua inglese focal vibration therapy, è un trattamento proposto per la riabilitazione in fisioterapia, logopedia, fisiatria, osteopatia, medicina dello sport, foniatria, ortopedia per disturbi muscolo-scheletrici, medicina veterinaria, eccetera.

Trattamento a vibrazione locale.JPG
Trattamento Intraorale a vibrazione locale.jpg

StoriaModifica

La Vibrazione Locale può essere applicata al corpo in diverse forme. Una è la terapia a vibrazione Meccanica Locale e l’altra è la Terapia a Vibrazione Total Body. I risultati clinici della Whole Body Vibration, fino al giorno d’oggi, sono contrastanti e non è chiara l’interazione e gli aspetti negativi. Tutto un'altra cosa per quanto riguarda invece la Terapia a Vibrazione Meccanica Locale. Nel 1963 si viene a sapere che la Terapia a Vibrazione Locale a bassa ampiezza è in grado di stimolare alcuni tipi di recettori nervosi impegnati nel controllo motorio.

In più nel 1963 viene confermato da Prof. Bianconi che la vibrazione meccanica locale, applicata ad un muscolo, ad adeguata ampiezze e frequenze (Hz), essa è in grado di attivare in modo differenziato e selettivamente le afferenze fusali primarie e secondarie, in base alle caratteristiche dello stimolo.

In oltre è stata dimostrata anche la possibilità di attivare in modo non invasivo (piacevole per il soggetto) classi selezionate di recettori. Inoltre, si evidenziò un altro aspetto eccezionale per la ricerca: per specifiche caratteristiche di frequenza (Hz) ed ampiezza della vibrazione locale, i recettori generano le medesime frequenze di potenziali d’azione conforme alla frequenza di vibrazione applicata. Perciò viene confermato che con adeguate frequenze ed ampiezza di vibrazione locale è possibile selezionare le afferenze attivate, e definire la frequenza di potenziali d’azione inviata al SNC (Sistema Nervoso Centrale).

DescrizioneModifica

Il termine di “vibrazione meccanica locale” si riferisce ad un’oscillazione meccanica attorno ad un punto d’equilibrio. La dimensione delle oscillazioni viene definito ampiezza. Il numero di oscillazioni / tempo definisce la frequenza. La frequenza e l’ampiezza sono i parametri di principali di questo concetto.

La vibrazione può essere applicata al nostro corpo principalmente in due forme diverse:

  1. può stimolare singoli muscoli o gruppi di muscoli e viene indicata come Focal Vibration (FV) (Terapia a Vibrazione Locale).
  2. può stimolare l’intero corpo ed in questo caso è chiamata Whole Body Vibration (WBV):

I risultati clinici, fino al giorno d’oggi, della Whole Body Vibration sono contrastanti e non è chiara l’interazione e gli aspetti negativi.

Diverso è invece il percorso scientifico della Focal Vibration (Terapia a Vibrazione Locale).

Nel 1963 è stato dimostrato che la Terapia a Vibrazione Locale a bassa ampiezza è in grado di stimolare in maniera efficace e selettivamente diversi tipi di recettori nervosi impiegati nel controllo motorio. Questa conferma scientifica permise un largo impiego della Terapia a Vibrazione Locale per studiare la fisiologia di questa parte del controllo motorio, e per individuare gli effetti benefici della stimolazione a vibrazione locale per la funzione motoria.

ApplicazioneModifica

Può essere applicata per:

NoteModifica


BibliografiaModifica

  • Bianconi R. and van der Meulen J. J. Neurophysiol. 1963; 26:177-90
  • Bovenzi M. G Ital Med Lav Erg 2005; 27:1, 58-64
  • Brown MC, Engberg I, Matthews PBC. J. Physiol. 1967;192;773-800
  • Barsties V Latoszek, J Voice. 2018 Jul 16. pii: S0892-1997(18)30149-8. doi: 10.1016/j.jvoice.2018.05.009
  • Brunetti, Scarponi, Roscini, Mannarino Pettorossi, Azzena GB, Filippi GM. SIMFER 2004
  • Brunetti O, Filippi GM, Liti A, Panichi R, Roscini M, Pettorossi VE. Knee Surg Sports Traumatol Arthrosc 2006;14:1180-1187.
  • Cardinale M, Wakeling J. Br J Sports Med. 2005;39:585-9
  • Celletti C., Camerota F., Paoloni M., Frascarelli F., Cometa A., Frascarelli M.A., Filippi G.M., Santilli V. Eur Med Phys 2005;41(Suppl. 1 To No. 4):29-30
  • Fattorini L, Ferraresi A, Rodio A, Azzena GB, Filippi GM. Eur J Appl Physiol 2006;98:79-87
  • Heath CJ, Hore J & Phillips CG.. J Physiol 1976;257:199-227
  • Hore J, Preston JB & Cheney PD. J Neurophysiol 1976;39:484-500.
  • Hortobàgyi T, del Olmo MF, Rothwell JC Exp Brain Res 2006;171:22–329
  • Issurin VB J Sports Med Phys Fitness. 2005 ;45:324-36
  • Jami L, Petit J. Exp Brain Res. 1976 Mar 15;24(5):485-93
  • Jones EG & Porter R. Brain Res Rev, 1980; 203:1-43.
  • Johannsen L, Ackermann H, Karnath HO. J Rehabil Med. 2003;35:249-253
  • Litta-Modignani R, Blivaiss Bb, Magid Eb, Priede I. Aerosp Med. 1964;35:662-7.
  • Marconi B, Filippi GM, Koch G, Pecchioli C, Salerno S, Don R, Camerota F, Saraceni VM, Caltagirone C. J Neurol Sci 2008;275:51-59
  • Matthews PBC. Edward Arnold, London; 1972
  • Nelson M.C. and Brereton P.F. Health 2005;43:472-479
  • Nokes LD, Thorne GC. Crit Rev Biomed Eng. 1988;15(4):309-49.
  • Petrofsky JS, Phillips CA. Cent Nerv Syst Trauma. 1984 Fall;1:57-74.
  • Remes P. Baillieres Clin Rheumatol. 1989;3(1):111-9.
  • Rosenkranz K, Rothwell JC J Physiol 2003;551: 649-660
  • Rosenkranz K, Rothwell JC. J. Physiol. 2004;561: 307-320
  • Schindler I, Kerkhoff G, Karnath HO, Keller I, Goldenberg G. J. Neurol. Neurosurg. Psychiatry 2002;73:412-419
  • Tihanyi TK, Horváth M, Fazekas G, Hortobágyi T, Tihanyi J. Clin Rehabil. 2007 ;21:782-9
  Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina