Terza Divisione 1925-1926

(Reindirizzamento da Terza Divisione 1925-26)
Terza Divisione 1925-1926
Competizione Terza Divisione
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Organizzatore Comitati Regionali, Lega Nord e Lega Sud
Luogo Italia Italia
Formula Gironi all'italiana
Risultati
Promozioni Secondo il "Regolamento Campionati" stabilito dalla F.I.G.C.
Retrocessioni Stabilite dalla "Lega delle Società Minori", ma tutte annullate dalla "Carta di Viareggio".
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1924-1925 1926-1927 Right arrow.svg

Fu il III livello del XXV campionato di calcio italiano.

Era strutturata in campionati locali gestiti dai Comitati Regionali. Nel settentrione le vincitrici dei gironi eliminatori disputati a livello regionale accedevano alle finali interregionali gestite dalla Lega Nord delle Società Minori e le migliori due classificate di ogni girone finale venivano promosse in Seconda Divisione. Nel meridione la Lega Sud delle società minori non fece disputare le finali interregionali e i campioni regionali ottennero in linea di massima la promozione nella divisione superiore (anche se l'ascesa dipendeva anche da altri fattori di natura economica o infrastrutturale).
Mancano dati riguardanti i Comitati Regionali: Abruzzese-Molisano e Calabro-Lucano.
Il Comitato Regionale Umbro non era attivo: fu costituito solo dal 1928 col nome di Direttorio Regionale Umbro.

Quale norma transitoria introdotta all'inizio della stagione, la F.I.G.C. decise che in caso di parità di punti per l'assegnazione del primo posto in classifica non si sarebbe giocato lo spareggio ma doveva essere applicato il goal-average[1] (quoziente reti) ovvero il rapporto tra reti fatte e subite. Avrebbe regolato anche tutti gli altri pari merito.
Questa norma fu subito accantonata all'inizio della stagione seguente perché ci furono troppi casi sospetti di combine a causa di eclatanti risultati superiori alle 8-10 reti (forse concordati ma non provati) in modo da evitare problemi con le seconde classificate.

Per la prima volta dalla creazione della Terza Divisione, la neocostituita "Lega Nord delle Società Minori" introdusse la retrocessione in Quarta Divisione.
Fu un preciso calcolo legato alla quantità delle società iscritte: a fronte di tante società partecipanti a ogni campionato regionale, fatto un rapporto proporzionale tra società iscritte e partecipanti alla Quarta Divisione, a ogni girone spettavano 1,xx o 2,xx società da retrocedere arrotondate per difetto.

Alla fine della stagione, a seguito delle nuove norme stabilite dalla Carta di Viareggio le retrocessioni furono tutte annullate, ma non tutte le società della Quarta Divisione furono ammesse d'ufficio in Terza: una norma specifica voluta dalla Lega Nord della C.C.I. aveva stabilito che le società che avevano meno di due anni di anzianità non potevano essere ammesse alla categoria superiore e perciò in Lombardia ed Emilia, che avevano il numero più alto di gironi e società partecipanti a questo campionato, furono costrette a organizzarlo ancora fino alla stagione 1927-1928.

Comitati della Lega NordModifica

PiemonteModifica

Girone AModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
U.S. Arona Arona (NO)
S.S. Borgomanero Borgomanero (NO)
C.S. Crusinallese Crusinallo (NO)
Domo F.B.C. Domodossola (NO)
U.S. Intrese Intra (NO)
U.S. Omegnese Omegna (NO)
Stresa Sportiva Stresa (NO)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   Omegnese 18 12 +
2.   Crusinallese 14 12 +
3. Arona 13 12 +
4.   Domo 12 12 -
5. Borgomanero 10 12 -
  6.   Intrese 7 12 -
  7.   Stresa 0 12 -

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Girone BModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
U.S. Alta Italia Cuneo
U.S. Chieri Chieri (TO)
Ivrea F.B.C. Ivrea (TO)
S.C. Michelin Torino
G.S. S.P.A. Torino
U.S. Trinese Trino (NO)[2]
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Chieri 15 10 7 1 2 24 8 3,00
2.   S.P.A. 12 10 6 0 4 13 16 0,81
3. Trinese 10 10 5 0 5 ? ? ?
4.   Alta Italia 9 10 3 3 4 15 15 1,00
5.   Michelin 7 10 3 1 6 ? ? ?
  6. Ivrea 7 10 3 1 6 13 23 0,56

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Eporediese ritirata prima dell'inizio del torneo.

Girone CModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
Acqui U.S. Acqui Terme (AL)
U.S. Albese Alba (CN)
G.S.O. G.B. Borsalino Alessandria
S.C. Giovane Piemonte Torino
S.S. La Nicese Nizza Monferrato (AL)[3]
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   La Nicese 11 8 +
2.   Borsalino 11 8 +
3. Acqui 10 8 +
4. Albese 6 8 -
  5.   Giovane Piemonte 2 8 -

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

LiguriaModifica

Girone AModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
Entella F.C. Chiavari (GE)
Pegazzano F.B.C. La Spezia
Pro Quarto Quarto dei Mille (GE)[4]
C.S. Ruentes Rapallo (GE)
U.S. Sestri Levante Sestri Levante (GE)
S.S. Tigullio Santa Margherita Ligure (GE)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Rapallo Ruentes 15 10 7 1 2 29 9 3,22
2.   Tigullio 15 10 7 1 2 15 6 2,50
3.   Pro Quarto 10 10 4 2 4 14 19 0.74
4. Sestri Levante 7 10 1 5 4 12 19 0,63
5.   Pegazzano 7 10 2 3 5 12 24 0.50
  6. Entella 6 10 2 2 6 9 14 0,64

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Rapallo Ruentes ammesso alle finali grazie al goal-average.
Entella avrebbe dovuto retrocedere in Quarta Divisione. In seguito la Carta di Viareggio soppresse la Quarta Divisione in Liguria e tutte le sue società furono ammesse in Terza Divisione

Girone BModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
Edera F.C. Genova
U.S. Fulgor Borgoratti
D.S. Grifone Ausonia Genova
S.C. Molassana Molassana (GE)[4]
S.S. Pro San Gottardo Genova
C.S. Santa Margherita Genova
Spes F.C. Genova
U.S. Veloci Embriaci Genova
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   Molassana 21 14 +
2. Spes Genova 18 14 +
3.   Edera 16 14 +
4.   Pro San Gottardo (-1) 15 14 -
5. Grifone Ausonia 13 14 -
6. Santa Margherita 13 14 -
  7. Veloci Embriaci 10 14 -
  8.   Folgor Borgoratti 6 14 -

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Pro San Gottardo ha scontato 1 punto di penalizzazione in classifica per una rinuncia.

Girone CModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
U.S. Busallese Busalla (GE)
S.S. Esperia Rivarolese Rivarolo Ligure (GE)[4]
Fiorente F.C. Genova
S.S. Italia Nuova Bolzaneto (GE)[4]
U.S. Genovese Genova
U.S. Pontedecimo Pontedecimo (GE)[4]
U.S. Ronchese Ronco Scrivia (GE)
C.S. San Giorgio Rivarolo Ligure (GE)[4]
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   Genovese 22 14 +
2. Pontedecimo 18 14 +
3. Fiorente 14 14 +
4.   Italia Nuova 14 14 -
5.   Esperia Rivarolese 12 14 -
6.   San Giorgio 12 14 -
  7. Busallese 11 14 -
  8. Ronchese 7 14 -

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Girone DModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
U.S. Alba Docilia Albissola Marina (GE)[5]
A.V.I.S. Valleggia Quiliano (GE)[5]
Fornaci F.C. Savona (GE)[5]
Aurora F.C. Savona (GE)[5]
U.S. Miramare Savona (GE)[5]
U.S. Veloce Savona (GE)[5]
U.S. Ventimigliese Ventimiglia (IM)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Ventimigliese 18 12
2.   Miramare 17 12
3.   Aurora 11 12
4.   Fornaci 10 12 3 4 5 19 17 1,12
5.   Avis Valleggia (-4) 9 12
  6. Veloce 9 12
  7.   Alba Docilia 6 12

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Avis Valleggia ha scontato 4 punti di penalizzazione in classifica per quattro rinunce.

LombardiaModifica

Girone AModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
Arduino Pavia F.C. Pavia
G.S. Ferrovieri Milano
Italia F.C. Milano
S.C. Pro Broni Broni (PV)
Sport Iris Milan Milano
A.C. Stelvio Olona Milano
Vigor F.C. Milano
A.C. Vogherese Voghera (PV)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Stelvio 25 14 12 1 1 49 21 2,333
2. Vogherese (-1) 18 14 9 1 4 36 16 2,250
3.   Italia 18 14 8 2 4 32 19 1,684
4.   Iris Milan 17 14 7 3 4 29 21 1,381
5. Arduino Pavia 14 14 6 2 6 35 32 1,094
  6. Pro Broni 11 14 5 1 8 20 24 0,833
  7.   Ferrovieri 6 14 1 4 9 16 38 0,421
  8.   Vigor 2 14 0 2 12 10 56 0,179

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Va agli spareggi retrocessione.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Vogherese ha scontato 1 punto di penalizzazione in classifica per una rinuncia.

Girone BModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
S.S. Brugherio Brugherio (MI)
S.G. Gallaratese Gallarate (MI)[6]
U.S. Samaratese Samarate (MI)[6]
Saronno F.C. Saronno (MI)[6]
U.S. Sestese Sesto Calende (MI)[6]
S.S. Sommese Somma Lombardo (MI)[6]
A.S. Varesina Varese (CO)[6]
G.C. Vigevanesi Vigevano (PV)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. GC Vigevanesi 22 14 . . . . . .
2. Sestese 21 14 . . . . . .
3. Saronno 18 14 . . . . . .
4. Gallaratese 16 14 . . . . . 1,428
5. Varesina 16 14 . . . . . 1,350
  6. Sommese 9 14 . . . . . .
  7.   Samaratese 6 14 . . . . . .
  8.   Brugherio 3 14 . . . . . .

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Va agli spareggi retrocessione.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Girone CModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
C.S. Canturino Cantù (CO)
Esperia F.C. Como
S.C. Italia Ponte Chiasso (CO)
S.C. Lario Monte Olimpino (CO)
S.G. Pro Lissone Lissone (MI)
C.S. Savoia Cernobbio (CO)
Seregno G.C. Seregno (MI)
A.S. Seveso Seveso San Pietro Martire (MI)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Seregno 28 14 . . . . . .
2. Pro Lissone 22 14 . . . . . .
3. Esperia 21 14 . . . . . .
4.   Canturino 11 14 . . . . . .
5.   Lario 11 14 . . . . . .
  6.   Savoia 9 14 . . . . . .
  7.   Italia 4 14 . . . . . .
  8.   Seveso (-4) 0 14 . . . . . .

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Va agli spareggi retrocessione.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Seveso penalizzato di quattro punti per altrettante rinunce. Risulta a 0 e non a -1 punti perché all'epoca non si scendeva mai sotto lo zero.

Girone DModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
F.B.C. Abbiategrasso Abbiategrasso (MI)
Alba F.B.C. Cardano al Campo (MI)
S.C. Dergano Milano
S.C. Farini Milano
Minerva F.C. Milano
Parabiaghese Parabiago (MI)
G.S. Vigevanese Vigevano (PV)
Vis Nova S.C. Giussano (MI)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Abbiategrasso 24 14 . . . . . .
2.   Vigevanese 22 14 . . . . . .
3.   Dergano 20 14 . . . . . .
4. Minerva 18 14 . . . . . .
5.   Alba 13 14 . . . . . .
  6.   Farini 10 14 . . . . . .
  7. Vis Nova 3 14 . . . . . .
  8.   Parabiaghese 2 14 . . . . . .

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Va agli spareggi retrocessione.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Girone EModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
S.S. Casalbuttano Casalbuttano (CR)
Chiari F.C. Chiari (BS)
A.C. Codogno Codogno (MI)
Manerbio Manerbio (BS)
Sermidese Sermide (MN)
U.S. Soresinese Soresina (CR)
S.C. Suzzara Suzzara (MN)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Codogno 21 12 . . . . . .
2.   Manerbio 17 12 . . . . . .
3.   Casalbuttano 14 12 . . . . . .
4. Chiari 12 12 . . . . . .
5. Soresinese 11 12 . . . . . .
  6. Suzzara 7 12 . . . . . .
  7.   Sermidese 0 12 0 0 12 0 24 .

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Va agli spareggi retrocessione.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Girone FModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
A.L.P.E. Bergamo
F.C. Alzano Alzano (BG)
S.G.M. Forti e Liberi Monza (MI)
G.S. Marelli Sesto San Giovanni (MI)
G.S. Officine Meccaniche Milano
Pro Palazzolo Palazzolo sull'Oglio (BS)
Pro Victoria F.C. Monza (MI)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   Officine Meccaniche 19 12 . . . . . .
2. Alzano 19 12 . . . . . .
3. Marelli 16 12 . . . . . .
4. Pro Palazzolo 15 12 . . . . . .
5.   A.L.P.E. 8 12 . . . . . .
  6. Pro Victoria 7 12 . . . . . .
  7.   Forti e Liberi 0 12 . . . . . .

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Va agli spareggi retrocessione.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Spareggi salvezzaModifica

Annullato per annullamento delle retrocessioni in Quarta Divisione stabilito dalla Carta di Viareggio (avrebbero dovuto retrocedere due delle sei partecipanti).

Veneto-TrentinoModifica

Il Comitato Regionale Veneto-Trentino aveva sede a Padova.

Girone AModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
A.C. Bassano Bassano del Grappa (VI)
Bentegodi Verona Verona
G.S. Giorgione Castelfranco Veneto (TV)
A.C. Juventus Patavium Padova
A.C. Thiene Thiene (VI)
G.S. Tita Fumei Padova
U.G. Trento Trento
Giovani Calciatori Veronesi Verona
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Tita Fumei 23 14 . . . . . .
2. Thiene 19 14 . . . . . .
3. Bentegodi Verona 14 14 . . . . . .
4. Giorgione 14 14 . . . . . .
5. Bassano 13 14 . . . . . .
6.   Veronesi 7 14 . . . . . .
  7. Trento 7 14 . . . . . .
  8.   Juventus Patavium 0 14 . . . . . .

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Va agli spareggi retrocessione.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Girone BModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
A.C. Carraresi Padova
Dop. Ferrovieri Venezia
S.S. Forti e Liberi Adria (RO)
U.S. Ardor-Giudecca Venezia
A.C. Mestre Mestre (VE)
U.S. Mirese Mira (VE)
U.S. Montebellunese Montebelluna (TV)
U.S. Polesella Polesella (RO)
Schio F.C. Schio (VI)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   Ferrovieri 24 14 . . . . . .
2.   Carraresi 20 14 . . . . . .
2.   Montebellunese 20 14 . . . . . .
4.   Giudecca 17 14 . . . . . .
5. Mestre 15 14 . . . . . .
6.   Forti e Liberi 13 14 . . . . . .
  7. Schio 10 14 . . . . . .
  8.   Mirese 3 14 . . . . . .
  --   Polesella Ritirato

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Va agli spareggi retrocessione.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.
  Ritirato durante il campionato.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

La classifica pubblicata da Fontanelli è sbagliata perché non tiene conto degli 0-2 attribuiti per ogni rinuncia secondo regolamento campionati vigente all'epoca. Quella ufficiale pubblicata sui comunicati ufficiali del Comitato sia sul Veneto Sportivo che dal Gazzettino di Venezia è esatta, ma non è questa che è sbagliata. Vedere nel girone C l'Excelsior di Belluno dove il regolamento è stato applicato in modo corretto e coerente. Secondo la classifica ufficiale il Polesella si è ritirato alla 8ª giornata di andata.

Girone CModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
S.S. Concordes Motta di Livenza (TV)
S.S. Excelsior Belluno
S.C. Oderzo Oderzo (TV)
U.S. Olimpia Treviso
F.C. Pordenone Pordenone (Provincia del Friuli)
A.S. Portogruarese Portogruaro (VE)
U.S. Sanvitese San Vito al Tagliamento (Provincia del Friuli)
U.S. Virtus Rialtina Venezia
C.S. Vittorio Vittorio Veneto (TV)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Pordenone 26 16 11 4 1 50 18 2,78
2.   Virtus Rialtina 23 16 10 3 3 55 22 2,50
3.   Oderzo 23 16 11 1 4 54 31 1,74
4. Portogruarese 21 16 9 3 4 34 26 1,31
5.   Olimpia 20 16 9 2 5 37 32 1,16
6. Sanvitese 12 16 5 2 9 25 38 0,66
  7. Vittorio Veneto (-1)[7] 9 16 5 0 11 39 52 0,75
  8.   Concordes 7 16 3 1 12 20 55 0,36
  9.   Excelsior (-2)[8] 0[9] 16 1 0 15 9 49 0,18

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Va agli spareggi retrocessione.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Il Vittorio ha scontato 1 punto di penalizzazione in classifica per una rinuncia.
L'Excelsior Belluno ha scontato 2 punti di penalizzazione in classifica per due rinunce. (precedenti al ritiro)

Spareggi salvezzaModifica

Annullati per ritiro di Trento e di Vittorio, le cui retrocessioni in Quarta Divisione furono comunque annullate.

Venezia GiuliaModifica

Girone AModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
S.S. Edera Muggia (TS)
A.S. Edera Pola
C.S. Fiume Fiume
Soc. Ginnastica Trieste
S.S. Itala Gradisca d'Isonzo (Provincia del Friuli)
S.O.V. Trieste
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Fiume 14 10 ? ? ? 23 14 1,643
2.   Ginnastica Trieste 13 10 ? ? ? 30 15 2,000
3. Itala Gradisca 10 10 ? ? ? 18 12 1,500
4.   Edera Muggia 10 10 ? ? ? 11 16 0,688
  5. Edera Pola 9 10 ? ? ? 14 14 1,000
  6.   S.O.V. (-1) 3 10 ? ? ? 6 32 0,188

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

La classifica è tratta dai comunicati ufficiali del Comitato Regionale Giuliano (usata come fonte anche dal Tomasini) che riportò solo i punti e i gol fatti e subiti; dai suddetti comunicati risulta che il SOV fu penalizzato di un punto per forfait. Per Fontanelli-Lanzarini l'Itala di Gradisca concluse il campionato con 11 punti, per Tomasini[10] con 10 punti (senza segnalare esplicitamente alcuna eventuale penalizzazione per forfait). Le penalizzazioni sono comunque indicate su La Gazzetta dello Sport.
Secondo Fontanelli avrebbero dovuto retrocedere direttamente anche le penultime classificate. I comunicati ufficiali del Comitato Regionale Giuliano attestano invece che retrocedettero direttamente solo le ultime, mentre furono programmati per il 27 giugno (a Pola) e il 4 luglio 1926 (a Trieste) gli spareggi salvezza tra le penultime Edera Pola e Cittavecchia. Tuttavia il Comunicato Regionale Giuliano intimò al Cittavecchia di pagare le insolvenze in tempo utile, pena l'esclusione dagli spareggi e la conseguente retrocessione in Quarta Divisione. Non è noto se il Cittavecchia riuscì a mettersi in regola in tempo utile e se gli spareggi si fossero disputati, perché i giornali consultati non riportano nulla a proposito né hanno pubblicato i comunicati ufficiali successivi, mentre Fontanelli riporta la retrocessione diretta di Edera e Cittavecchia.

Girone BModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
C.S. Capodistria Capodistria (PL)
C.S. Cittavecchia Trieste
U.S. Giovanni Grion Pola
C.S. Ponziana Trieste
U.C. Pro Cervignano Cervignano del Friuli (PdF)
C.S. Veloce Fiume
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Ponziana 18 10 9 0 1 39 6 6,500
2. Grion Pola 18 10 9 0 1 51 11 4,636
3. Pro Cervignano 10 10 4 2 4 11 19 0,579
4.   Capodistria 8 10 4 0 6 18 27 0,667
  5.   Cittavecchia 4 10 1 2 7 7 33 0,212
  6.   Veloce 2 10 0 2 8 6 36 0,167

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).
Secondo Fontanelli avrebbero dovuto retrocedere direttamente anche le penultime classificate. I Comunicati Ufficiali del Comitato Regionale Giuliano attestano invece che retrocedettero direttamente solo le ultime, mentre furono programmati per il 27 giugno (a Pola) e il 4 luglio 1926 (a Trieste) gli spareggi salvezza tra le penultime Edera Pola e Cittavecchia. Tuttavia il Comunicato Regionale Giuliano intimò al Cittavecchia di pagare le insolvenze in tempo utile, pena l'esclusione dagli spareggi e la conseguente retrocessione in Quarta Divisione. Non è noto se il Cittavecchia riuscì a mettersi in regola in tempo utile e se gli spareggi si fossero disputati, perché i giornali consultati non riportano nulla a proposito né hanno pubblicato i comunicati ufficiali successivi, mentre Fontanelli riporta la retrocessione diretta di Edera e Cittavecchia.

EmiliaModifica

Girone AModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
A.C. Bologna Bologna
U.S. Bondenese Bondeno (FE)
Cento F.C. Cento (FE)
U.S. Copparese Copparo (FE)
Libertas Ferrara
Nettuno S.C. Bologna
C.S. Sant'Agostino Sant'Agostino (FE)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   Copparese 17 12 . . . . . .
2. Cento 15 12 . . . . . .
3.   Libertas 14 12 . . . . . .
4.   AC Bologna 12 12 . . . . . .
5.   Sant'Agostino 11 12 . . . . . .
  6.   Nettuno (-1) 8 12 . . . . . .
  7. Bondenese 6 12 . . . . . .

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Nettuno ha scontato 1 punto di penalizzazione in classifica per una rinuncia.

Girone BModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
C.S. 83ª Legione M.V.S.N. Fiorenzuola d'Arda (PC)
Pol. Casalecchio Casalecchio di Reno (BO)
A.S. Fornovese Fornovo di Taro (PR)
S.S. Juventus Salsomaggiore Terme (PR)
Juventus Sportiva Bologna
F.C. Sant'Ilario Sant'Ilario d'Enza (RE)
Sassuolo F.C. Sassuolo (MO)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Sassuolo[11] 21 12 . . . .. ..
2. Casalecchio 18 12 . . . .. ..
3.   Sant'Ilario 13 12 . . . .. .. ??
4.   83ª Legione M.V.S.N. 13 12 . . . .. .. ??
5.   Juventus 11 12 . . . .. ..
  6.   Juventus Sportiva 8 12 . . . .. ..
  7.   Fornovese (-6)[12] 0 12 . . . .. ..

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Fornovese ha scontato 6 punti di penalizzazione in classifica per sei rinunce.

Girone CModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
F.C. Castelbolognese Castel Bolognese (RA)
C.S. "Francesco Baracca" sez.calcio Pro Lugo Lugo (RA)
C.A. Faenza Faenza (RA)
U.S. Forti e Liberi Forlì
U.S. Imolese Imola (BO)
U.S. Libertas Rimini Rimini (FO)
U.S. Ravennate Ravenna
U.S. Renato Serra Cesena (FO)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Faenza 21 14 10 1 3 56 14
2.   Forti e Liberi 20 14 8 4 2 43 17
3. Ravennate 19 14 8 3 3 39 19
4.   Castelbolognese 16 14 6 4 4 25 18
5. Renato Serra 15 14 7 1 6 25 21
6. Libertas Rimini 8 14 3 2 9 13 39
  7. Baracca Lugo 7 14 2 3 9 10 39
  8. Imolese 6 14 2 2 10 19 63

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

ToscanaModifica

Girone AModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
A.C. A.S.S.I. Firenze
C.S. Firenze Firenze
U.S. Itala Ausonia Firenze
C.S. Rapid Peretola Firenze
S.S. Robur Siena
S.S. Signa Signa (FI)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   Signa 17 10 7 3 0 39 9 4,33
  2.   Firenze 16 10 6 4 0 29 7 4,14
3.   A.S.S.I. 11 10 4 3 3 22 15 1,47
4.   Rapid 7 10 3 1 6 7 32 0,22
  5. Robur 5 10 1 3 6 11 26 0,42
  6.   Itala Ausonia 4 10 2 0 8 11 30 0,37

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Va agli spareggi retrocessione.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Il Signa non ha ancora cambiato denominazione in S.S. delle Signe.
Il C.S. Firenze si fonde a fine stagione con la P.G.F. Libertas nell'Ass. Fiorentina del Calcio.

Girone BModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
U.S. Carrarese Carrara
F.C. Empoli Empoli (FI)
G.S. Enrico Toti Livorno
Mens Sana in Corpore Sano Siena
U.S. Pontedera Pontedera (PI)
C.S. Vigor Fucecchio (FI)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Carrarese 17 10
2. Empoli 16 10
3.   Vigor 10 10
4.   Enrico Toti 9 10
  5. Pontedera 7 10
  6.   Mens Sana Siena 1 10

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Va agli spareggi retrocessione.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Girone CModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
U.S. Castiglioncello Castiglioncello (LI)
S.C. Cucirini Cantoni Coats Lucca
S.S. Juventus Massa
Pietrasanta S.C. Pietrasanta (LU)
U.S. Sempre Avanti Piombino (LI)
G.S. Solvay Rosignano Marittimo (LI)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Pietrasanta 18 10
2. Juventus Massa 16 10
3.   Cantoni Coats 10 10
4. Sempre Avanti 8 10
  5.   Solvay 4 10
  6.   Castiglioncello 3 10

Legenda:

      Ammesso alle finali.
  Va agli spareggi retrocessione.
  Retrocesso ed in seguito riammesso.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).
Spareggi retrocessioneModifica

Gli spareggi furono disputati perché la Lega delle Società Minori aveva stabilito che alla Toscana spettava far retrocedere 4 squadre e perciò, oltre l'ultima classificata di ogni girone, doveva retrocedere in Quarta Divisione anche una penultima classificata dei 3 gironi.
Dopo la ratifica della Carta di Viareggio tutte le retrocessioni furono annullate.

Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
1. Robur 6 4 ???
2. Pontedera 6 4 ???
3.   Solvay (-2) 0 4

Legenda:

      Non retrocede dopo gli spareggi.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Il Solvay fu penalizzato di 2 punti per 2 rinunce, non ha punti attivi e perciò rimane a 0, come all'epoca prescriveva il regolamento che stabiliva che in caso di penalizzazione sarebbero stati detratti solo i punti conseguiti sul campo.

Finali nordModifica

Promosse sul campo la prima e la seconda classificata di ogni girone. Ulteriori promozioni per ripescaggio furono poi disposte a completamento degli organici.

Girone AModifica

Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
1. GC Vigevanesi 14 8 7 0 1 22 8 2,750
2. Ventimigliese 13 9 5 3 1 30 14 2,143
3. Chieri 11 9 5 1 3 17 14 1,214
4. Seregno 11 10 5 1 4 21 19 1,105
5. Stelvio 3 10 1 1 8 15 37 0,405
6.   Omegnese (-5) 0 10 2 0 8 8 21 0,381

Legenda:

      Non promossa per decisione disciplinare FIGC.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

L'Omegnese fu penalizzata di cinque punti per altrettante rinunce (all'epoca non si andava mai sotto zero in classifica).
Non furono omologate (cioè furono annullate ma non ripetute) le partite Chieri-Vigevanesi e Ventimigliese-Stelvio Olona per accertata combine.
Verdetti finaliModifica
  • Nessuna squadra del girone fu promossa per deliberazione del Direttorio Divisioni Inferiori Nord, quale misura punitiva per i troppi episodi di combine che, a detta del direttorio, avevano completamente falsato l'esito del girone.

Girone BModifica

Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Rapallo Ruentes 14 10 6 2 2 22 7 3,143
  2. Carrarese 12 10 6 0 4 24 10 2,400
  3. Faenza[13] 12 10 6 0 4 21 18 1,167
  4.   Signa[13] 12 10 5 2 3 14 21 0,667
5. Pietrasanta 6 10 3 0 7 18 21 0,857
6. Sassuolo (-2) 0 10 1 0 9 12 34 0,353

Legenda:

      Promossa e ammessa in Seconda Divisione 1926-1927.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Il Sassuolo fu penalizzato di due punti per altrettante rinunce.
La partita Pietrasanta-Faenza fu privata del punteggio (non influenzando il conteggio dei gol fatti e subiti) e venne data persa ad entrambe per accertata combine, per questo il totale dei punti non risulta uguale al totale delle partite giocate.

Girone CModifica

Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   Ponziana 18 10 9 0 1 45 14 3,21
  2.   Fiume 14 10 6 2 2 21 9 2,33
  3. Pordenone[13] 12 10 6 0 4 21 13 1,61
  4.   Tita Fumei (-1)[13] 8 10 4 1 5 21 19 1,10
  5.   Copparese (-1)[13] 3 10 2 0 8 11 41 0,27
6.   Ferroviario (-5) 0 10 1 1 8 7 30 0,23

Legenda:

      Promossa e/o ammessa in Seconda Divisione.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Tita Fumei e Copparese hanno scontato 1 punto di penalizzazione in classifica per una rinuncia.
Ferroviario penalizzato di 5 punti per ritiro dal campionato dopo il girone d'andata per 5 gare perse 0-2 a tavolino con penalizzazione di un punto per ogni gara. Perde tutti i punti conseguiti sul campo (3); in classifica non furono evidenziati i 2 punti negativi ma solo i 0 punti perché all'epoca non erano previsti i punti negativi. Furono infatti inseriti dalla FIGC nelle classifiche solo dopo il 1945.
Verdetti finaliModifica
  • La Ponziana e il Fiume sono promossi in Seconda Divisione.
  • Copparese, Fiume, Pordenone e Tita Fumei furono ammesse alla nuova Seconda Divisione a completamento organici.[14]

Girone DModifica

Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   La Nicese 15 10 7 1 2 19 8 2,375
  2. Abbiategrasso 13 10 6 1 3 31 15 2,067
  3. Codogno[13] 12 10 5 2 3 16 9 1,778
  4.   Genovese[13] 12 10 5 2 3 19 13 1,462
5.   Molassana 8 10 4 0 6 13 31 0,419
6.   Officine Meccaniche (-7) 0 10 0 0 10 0 22 0,000

Legenda:

      Promossa e ammessa in Seconda Divisione 1926-1927.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

L'Officine Meccaniche fu penalizzato di sette punti per altrettante rinunce (all'epoca non si scendeva mai sotto lo zero in classifica).

Comitati della Lega SudModifica

MarcheModifica

Girone unicoModifica

LazioModifica

Girone AModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
Ideale F.B.C. Roma
U.S. Romana Roma
S.S. Sempre Avanti Roma
Spes Piperno Roma
S.S. Vittoria Roma
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. US Romana 16 8
2.   Vittoria 11 8
3.   Sempre Avanti 7 8
4.   Ideale 4 8
5.   Spes Piperno 0 8

Legenda:

      Ammesso alle finali.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

2 punti di eventuali penalizzazioni non segnalate.

Girone BModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
C.S. Bancari Roma
Juventus F.C. Roma
F.S. Ostiense Roma Ostia
U.S. Viterbese Viterbo
S.S. Vivace Grottaferrata (RM)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Juventus Roma 15 8
2.   Ostiense 11 8
3. Viterbese 6 8
4. Vivace (-2) 3 8
5.   Bancari (-2) 1 8

Legenda:

      Ammesso alle finali.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Note:

Vivace e Bancari hanno scontato 2 punti di penalizzazione in classifica per due rinunce.

FinaleModifica

Risultato Luogo e data
Juventus Roma 1 - 1 US Romana Roma, 18 luglio 1926
US Romana 3 - 1 Juventus Roma Roma, 25 luglio 1926

Verdetti finaliModifica

CampaniaModifica

Girone unicoModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
S.S. Capri Capri (NA)
Liberty F.C. Napoli
U.S. Maddalonese Maddaloni (CE)
S.S. Silurificio Italiano Napoli
S.S. Virtus Sessa Aurunca (CE)
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Maddalonese 13 8 6 1 1 20 7
2.   Silurificio Italiano 12 8 6 0 2 19 6
3.   Virtus 11 8 5 1 2 15 9
4.   Capri 4 8 2 0 6 4 18
5.   Liberty 0 8 0 0 8 4 12

Legenda:

      Promossa in Seconda Divisione.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

PugliaModifica

Girone AModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
Alba Bari
Aurora Bari
Splendor Bari
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   Aurora 7 4 +
2.   Splendor 3 4 +
3.   Alba 2 4 +

Legenda:

      Ammesso alle finali.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Girone BModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
Bianco Verde Taranto
Liberty Taranto
Savoia Taranto
Virtus-Fortitudo Taranto
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   Virtus-Fortitudo 9 6 +
2.   Bianco Verde 8 6 +
3.   Liberty 7 6 +
4.   Savoia 6 6 -

Legenda:

      Ammesso alle finali.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

FinaleModifica

Risultato Luogo e data
Aurora 1 - 4 Virtus-Fortitudo Bari, ? ? 1926
Virtus-Fortitudo 1 - 0 Aurora Taranto, ? ? 1926

Verdetti finaliModifica

  • Virtus-Fortitudo campione pugliese di Terza Divisione.

CalabriaModifica

SiciliaModifica

Girone occidentaleModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
S.S. Aurora ?
S.S. Duillio ?
S.S. Internazionale ?
U.S. Juventus ?
S.S. Libertas ?
U.S. Sant’Agata Sant'Agata di Militello (ME)
U.S. Trinacria Messina
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1.   ?? ?? 12 +
2.   ?? ?? 12 +
3.   ?? ?? 12 +
4.   ?? ?? 12 -
5.   ?? ?? 12 -
6.   ?? ?? 12 -
7.   ?? ?? 12 -

Legenda:

      Ammesso alle finali.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

Girone orientaleModifica

Squadre partecipantiModifica
Club Città Stadio Stagione precedente
Edera Palermo
U.S. Indomita Palermo
Olimpia Palermo
Vigor S.C. Palermo
Classifica finaleModifica
Pos. Squadra Pt G V N P GF GS QR
  1. Vigor 11 6 +
2.   Indomita 8 6 +
3.   Olimpia 5 6 +
4.   Edera 0 6 -

Legenda:

      Ammesso alle finali.

Regolamento:

Due punti a vittoria, uno a pareggio, zero a sconfitta.
In caso di pari merito in qualsiasi posizione della classifica, le squadre sono classificate grazie al miglior quoziente reti (QR).

FinaleModifica

Verdetti finaliModifica

SardegnaModifica

NoteModifica

  1. ^ All'epoca la terminologia calcistica era ancora legata alla lingua inglese.
  2. ^ La provincia segnata è quella dell'epoca, ma la Provincia di Vercelli è nata nel 1927.
  3. ^ La provincia segnata è quella dell'epoca, ma la Provincia di Asti è nata nel 1935.
  4. ^ a b c d e f Era un comune autonomo fino al 1926, quando entrò a far parte della Grande Genova.
  5. ^ a b c d e f La provincia segnata è quella dell'epoca, ma la Provincia di Savona è nata nel 1927.
  6. ^ a b c d e f La provincia segnata è quella dell'epoca, ma la Provincia di Varese è nata nel 1927.
  7. ^ La squadra all'epoca aveva ancora il nome uguale a quello della città; a "Vittorio" non era ancora stato aggiunto "Veneto".
  8. ^ Ritirata dopo la 15ª giornata (doveva recuperare due gare che le sono state assegnate perse per rinuncia).
  9. ^ Fino al 1945 le penalizzazioni venivano applicate togliendo solo i punti guadagnati sul campo, non si andava sotto zero.
  10. ^ Cfr. Elvino Tomasini, I nerostellati del Grion di Pola - Cronistoria calcistica dal 1919 al 1943 (JPG), in L'Arena di Pola, n. 1885, 15 aprile 1975, p. 99.
  11. ^ Radiato dai ruoli federali (ottobre 1926) per inadempienze finanziarie nei confronti della S.S. Signa per una gara delle finali.
  12. ^ Ritirata definitivamente dopo la 7ª giornata, Le sono date perse per rinuncia tutte le rimanenti gare.
  13. ^ a b c d e f g Successivamente ammessa in Seconda Divisione 1926-1927 Nord alla compilazione dei nuovi quadri stagionali.
  14. ^ Fontanelli-Lanzarini, p. 86.

BibliografiaModifica

Giornali sportiviModifica

LibriModifica

  • Carlo Fontanelli e Alessandro Lanzarini, Cento anni di calcio - Italia 1925-26 - Juventus, atto II, Fornacette (PI), Mariposa Editrice S.r.l., aprile 1998.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio