Teyonah Parris

attrice e produttrice cinematografica statunitense

Teyonah Parris (Hopkins, 22 settembre 1987) è un'attrice e produttrice cinematografica statunitense.

Teyonah Parris al San Diego Comic-Con International 2019

Iniziando la carriera nelle serie televisive statunitensi Mad Men e Survivor's Remorse, riceve il plauso della critica recitando nei film Dear White People, Chi-Raq e Se la strada potesse parlare, nominato ai premi Oscar.[1][2] Grazie alle sue performance ha ottenuto due Black Reel Awards e nomine agli Screen Actors Guild Award e NAACP Image Award.

BiografiaModifica

Nata e cresciuta a Hopkins, nella Carolina del Sud, ha freqentato la prestigiosa South Carolina Governor's School for the Arts and Humanities dove ha terminato l'undicesimo e il dodicesimo anno, prima di frequentare e diplomarsi alla Juilliard School.[3] Ha fatto il suo debutto televisivo nel 2010, con un ruolo da protagonista in The Good Wife.[4] Nel 2012, è stata scelta per un ruolo ricorrente come Dawn Chambers nella serie drammatica dell'AMC, Mad Men, interpretando il primo personaggio afroamericano della serie.[5]

Nel 2014 viene scelta nel film indipendente Dear White People, ruolo che le fa ottenere il plauso della critica cinematografica, vincendo il Black Reel Awards come miglior attrice emergente.[6][7] Nello stesso anno, inizia a recitare nella serie comedy di Starz, Survivor's Remorse.[8] Nel 2015, ha recitato nel film drammatico satirico Chi-Raq diretto da Spike Lee per il quale ottiene una nomina ai NAACP Image Award come miglior attrice e ottiene il Black Reel Award nella medesima categoria.[9][10] Ha interpretato il ruolo principale in Where Children Play diretto da Leila Djansi e ha recitato insieme a David Oyelowo in Five Nights in Maine. Nel 2016 ha interpretato la cantante R&B/Jazz Miki Howard nel film biografico The Miki Howard Story e ricopre il ruolo di attrice e produttrice del film TV Love Under New Management: The Miki Howard Story.[11]

Nel 2016, è stata scelta come protagonista nel film drammatico Buffalo Soldier Girl su una donna che, travestita da uomo, si è arruolata e ha combattuto la guerra civile afroamericana come Buffalo Soldier.[12] Nel 2017 ha avuto un ruolo ricorrente nella soap opera della Fox Empire, interpretando la detective Pamela Rose.[13] All'inizio del 2018, Parris è stata scelta per un ruolo da protagonista nel pilot della CBS Murder.[14] Nello stesso anno, ha recitato in Se la strada potesse parlare, un film drammatico scritto e diretto da Barry Jenkins, nominato ai Premi Oscar.[15] Tra il 2019 e il 2020 recita nel film Netflix Point Blank - Conto alla rovescia,[16] nel film per la HBO Charm City Kings e nel film The Photograph prodotto dall'Universal Pictures.[17][18]

Nel 2021 è presente nel cast del film Candyman e interpreta la versione adulta di Monica Rambeau, personaggio apparso nel film Captain Marvel, nella serie di Disney+ WandaVision.[19][20] Nel 2022 è prevista la partecipazione della Parris nel sequel di Captain Marvel, The Marvels, in cui ricoprerà il ruolo interpretato nella serie.[21]

FilmografiaModifica

CinemaModifica

TelevisioneModifica

CortometraggiModifica

  • Empire Corner, regia di J.P. Chan (2010) - Alma
  • Wu is Dead, regia di J.P. Chan (2010) - Alma
  • 90 Days, regia di Jennia Fredrique (2016) - Jessica

ProduttriceModifica

TeatroModifica

RiconoscimentiModifica

African-American Film Critics Association

MTV Movie & TV Awards

NAACP Image Award

  • 2016 – Candidatura per la miglior attrice per Chi-Raq[24]

Black Reel Awards

  • 2015 – Miglior attrice emergente per Dear White People[6]
  • 2015 – Candidatura per la miglior attrice non protagonista per Dear White People[6]
  • 2016 – Miglior attrice per Chi-Raq[9]
  • 2017 – Candidatura per la miglior attrice per Love Under New Management: The Miki Howard Story[25]
  • 2017 – Candidatura per il miglior Film televisivo o serie tv per Love Under New Management: The Miki Howard Story[25]
  • 2021 – Candidatura per la miglior attrice in un Film televisivo o serie tv per WandaVision[26]

Screen Actors Guild Award

  • 2013 – Candidatura per il miglior cast in una serie drammatica per Mad Men[27]

Doppiatrici italianeModifica

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Teyonah Parris è stata doppiata da:

NoteModifica

  1. ^ (EN) Teyonah Parris: Career and Personali life, su EW.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  2. ^ (EN) Teyonah Parris: News, Biograbhy and Career, su Entertainment Tonight. URL consultato il 31 marzo 2021.
  3. ^ (EN) 'Mad Men' secretary lands a new job with 'Dear White People', su nypost.com, 11 ottobre 2014. URL consultato il 24 marzo 2021.
  4. ^ (EN) Teyonah Parris on starring in Chi-Raq, Mad Men and working with Spike Lee, su the Guardian, 17 novembre 2016. URL consultato il 31 marzo 2021.
  5. ^ (EN) Mad Men: Teyonah Parris Becomes First African American In Mad Men Office, su Black Enterprise, 13 aprile 2012. URL consultato il 31 marzo 2021.
  6. ^ a b c (EN) 15th annual Black Reel Awards, su The Black Reel Awards, 17 dicembre 2014. URL consultato il 31 marzo 2021.
  7. ^ (EN) Advanced Course in Diversity, su nytimes.com, 17 ottobre 2014. URL consultato il 24 marzo 2021.
  8. ^ (EN) Teyonah Parris on Survivor’s Remorse, Mad Men, and Meeting LeBron, su vulture.com, 11 ottobre 2014. URL consultato il 24 marzo 2021.
  9. ^ a b (EN) 16th Annual Black Reel Award Nominations, su The Black Reel Awards, 16 dicembre 2015. URL consultato il 31 marzo 2021.
  10. ^ (EN) NAACP Image Award Nominations Unveiled, su deadline.com, 8 dicembre 2015. URL consultato il 25 marzo 2021.
  11. ^ (EN) Love Under New Management: The Miki Howard Story (2016). URL consultato il 31 marzo 2021.
  12. ^ (EN) Teyonah Parris In Talks To Star In 'Buffalo Soldier Girl' For Filmmaker Christine Swanson, su deadline.com, 5 maggio 2016. URL consultato il 24 marzo 2021.
  13. ^ (EN) 'Empire': Teyonah Parris To Recur In Season 4 Of Fox Series, su deadline.com, 27 settembre 2017. URL consultato il 24 marzo 2021.
  14. ^ (EN) Teyonah Parris to Star in CBS Pilot 'Murder', su variety.com, 5 febbraio 2018. URL consultato il 24 marzo 2021.
  15. ^ (EN) Teyonah Parris in Talks to Join Barry Jenkins' "Moonlight" Follow-Up "If Beale Street Could Talk" (Exclusive), su tracking-board.com, 25 settembre 2017. URL consultato il 24 marzo 2021.
  16. ^ (EN) Watch Anthony Mackie and Frank Grillo in clip from Netflix's action-thriller 'Point Blank', su EW.com. URL consultato il 31 marzo 2021.
  17. ^ (EN) Amanda N'Duka, Amanda N'Duka, Teyonah Parris, Jahi Winston To Star In ’12 O’Clock Boys’; Angel Manuel Soto Directing Film From Sony & Overbrook, su Deadline, 24 settembre 2018. URL consultato il 31 marzo 2021.
  18. ^ The Photograph. URL consultato il 31 marzo 2021.
  19. ^ (EN) 'Beale Street' Actress Teyonah Parris in Talks to Join Yahya Abdul-Mateen in 'Candyman' (Exclusive), su The Hollywood Reporter, 1º marzo 2019. URL consultato il 31 marzo 2021.
  20. ^ (EN) WandaVision Casts Mad Men Alum As Its Adult Monica Rambeau, su cbr.com, 20 luglio 2019 (archiviato dall'url originale il 21 luglio 2019).
  21. ^ Teyonah Parris su Captain Marvel 2: "Dobbiamo aspettare un paio di settimane per parlarne", su comicsuniverse.it, 26 gennaio 2021. URL consultato il 24 marzo 2021.
  22. ^ (EN) Dave McNary, Dave McNary, ‘Straight Outta Compton’ Named Top Film by African-American Film Critics, su Variety, 7 dicembre 2015. URL consultato il 31 marzo 2021.
  23. ^ (EN) Kimberly Nordyke, Kimberly Nordyke, MTV Movie & TV Awards: ‘WandaVision,’ ‘Borat Subsequent Moviefilm’ Among Nominees, su The Hollywood Reporter, 19 aprile 2021. URL consultato il 18 maggio 2021.
  24. ^ (EN) Variety Staff, Variety Staff, ‘Straight Outta Compton,’ ‘Empire,’ Michael B. Jordan Top NAACP Image Awards, su Variety, 6 febbraio 2016. URL consultato il 31 marzo 2021.
  25. ^ a b (EN) leothescorpio, 1st Annual Black Reel Awards for Television Nominations, su GoldDerby, 10 luglio 2017. URL consultato il 31 marzo 2021.
  26. ^ (EN) Plenty of “Love” in the Heart of the Country!, su The Black Reel Awards, 17 giugno 2021. URL consultato il 10 agosto 2021.
  27. ^ (EN) The 19th Annual Screen Actors Guild Awards | Screen Actors Guild Awards, su www.sagawards.org. URL consultato il 31 marzo 2021.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN314912333 · LCCN (ENns2015000470 · WorldCat Identities (ENlccn-ns2015000470