The Blueprint 3

album di Jay-Z del 2009

The Blueprint 3 è l'undicesimo album in studio del rapper statunitense Jay-Z, pubblicato l'8 settembre 2009 dalle etichette discografiche Roc Nation e Atlantic Records. Candidato al Grammy Award al miglior album rap, l'album rappresenta il terzo capitolo della trilogia The Blueprint, iniziata nel 2001 con The Blueprint e proseguita nel 2002 con The Blueprint²: The Gift & the Curse.

The Blueprint 3
album in studio
ArtistaJay-Z
Pubblicazione8 settembre 2009[1]
Durata60:48
Dischi1
Tracce15
GenerePop rap[2]
EtichettaRoc Nation, Atlantic Records[3]
ProduttoreShawn Carter, Kanye West, No I.D., Al Shux, The Inkredibles, Timbaland, Swizz Beatz, The Neptunes
Registrazione2008-2009
Certificazioni
Dischi d'oroBandiera dell'Australia Australia[4]
(vendite: 35 000+)
Bandiera della Francia Francia[5]
(vendite: 150 000+)
Bandiera dell'Irlanda Irlanda[6]
(vendite: 7 500+)
Dischi di platinoBandiera del Canada Canada[7]
(vendite: 80 000+)
Bandiera del Regno Unito Regno Unito[8]
(vendite: 300 000+)
Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti (2)[9]
(vendite: 2 000 000+)
Jay-Z - cronologia
Album precedente
(2007)
Singoli
  1. D.O.A. (Death of Auto-Tune)
    Pubblicato: 5 giugno 2009
  2. Run This Town
    Pubblicato: 24 luglio 2009
  3. Empire State of Mind
    Pubblicato: 20 ottobre 2009
  4. On to the Next One
    Pubblicato: 15 dicembre 2009
  5. Young Forever
    Pubblicato: 11 gennaio 2010
  6. A Star Is Born
    Pubblicato: 25 giugno 2010

Commercialmente The Blueprint 3 è divenendo l'undicesimo progetto discografico del rapper a esordire alla prima posizione della Billboard 200 statunitense, vendendo oltre 476 000 copie in una sola settimana,[10] rendendo grazie a tale risultato Jay-Z l'artista solista con il maggior numero di album ad aver occupato il primo posto della classifica, superando il record precedente detenuto da Elvis Presley.[11]

Dall'album sono state estratti alcuni singoli, tra cui Run This Town con Kanye West e Rihanna ed Empire State of Mind con Alicia Keys, i quali hanno ottenuto successo commerciale e il sostegno della critica, facendo ottenere al rapper quattro Grammy Award, per entrambi nelle categorie alla miglior canzone rap e alla miglior collaborazione con un artista rap, nelle cerimonie del 2010 e 2011.

Descrizione e ricezione

modifica

Il rapper pubblica un terzo album della serie The Blueprint,[12] in un disco che per la prima volta dal 1999 (Vol. 3... Life and Times of S. Carter) non vede Just Blaze tra i produttori. In produzione si alternano Kanye West, No I.D., The Neptunes, Timbaland e Swizz Beatz.[13] Tra i tanti ospiti presenti, lo stesso West, J. Cole, Rihanna, Alicia Keys, Drake, Young Jeezy, Kid Cudi, Pharrell e Mr Hudson.[13]

Gli autori musicali criticano negativamente le tracce D.O.A.[2] e la reinterpretazione del classico degli Alphaville Forever Young,[13] oltre alla scelta di Jay-Z di introdurre un grande numero di ospiti nel suo prodotto a fini commerciali,[12][14][15] apprezzando il singolo Empire State of Mind,[2][13][16] prima canzone del rapper ad arrivare al primo posto negli Stati Uniti.[13] Jesal Padania di RapReviews afferma che «sembrava un album di Nas privato dei testi eccelsi per salvarlo».[16]

Accoglienza

modifica
Recensioni professionali
RecensioneGiudizio
AllMusic[14]     
Robert Christgau[17]A-
Entertainment Weekly[15]B+
RapReviews[16]          
PopMatters[18]     
Prefix[18]     
NME[18]     
The A.V. Club[12]B+
NOW[18]     
Pitchfork[18]          
Rolling Stone[18]     
The Guardian[18]     

Ottiene 65/100 su Metacritic, punteggio basato su 22 recensioni.[18] All'uscita è accolto da recensioni miste,[16][18] anche dai propri fan,[16] mentre alcuni appassionati lo considerano un «classico».[16]

Dave Bry di Complex non ha riscontrato una «continuazione concettuale evidente» rispetto agli altri due volumi della trilogia discografica, riporta che il rapper con il progetto sia riuscito a produrre «canzoni pop forti e inneggianti», anche se alcune risultino «troppo artificiose».[19] Brian Josephs di Spin ha scritto che il rapper con l'album «perdere la disinvoltura che era la sua essenza» poiché si tratta di «un album pop-rap per un artista che non ne aveva bisogno», definendo le produzioni di Kayne West e Timbaland «mediocri», ad eccezione di Empire State of Mind e On to the Next One, il cui produttore Swizz Beatz è stato definito dal giornalista un «elegante esempio» di hip-hop.[20]

Riconoscimenti

modifica

American Music Award[21]

  • 2009 – Miglior album Rap/Hip Hop

BET Hip Hop Awards[22]

  • 2010 – Album dell'anno

BRIT Award[23]

  • 2010 – Candidatura all'album internazionale dell'anno

Grammy Award[24]

NAACP Image Award[25]

  • 2010 – Candidatura al miglior album
  1. What We Talkin' About (featuring Luke Steele) – 4:04 – Kanye West, No I.D.
  2. Thank You – 4:10 – Kanye West, No I.D.
  3. D.O.A. (Death of Auto-Tune) – 4:15 – No I.D.
  4. Run This Town (featuring Rihanna & Kanye West) – 4:27 – Kanye West, No I.D.
  5. Empire State of Mind (featuring Alicia Keys) – 4:36 – Shux, Sewell-Ulepic (co-prod.), Hunte (co-prod.)
  6. Real as It Gets (featuring Jeezy) – 4:12 – The Inkredibles
  7. On to the Next One (featuring Swizz Beatz) – 4:17 – Swizz Beatz
  8. Off That (featuring Drake) – 4:06 – Timbaland, J-Roc
  9. A Star Is Born (featuring J. Cole) – 3:48 – Kanye West, No I.D., Kenoe (prod. agg.)
  10. Venus vs. Mars – 3:10 – Timbaland, J-Roc
  11. Already Home (featuring Kid Cudi) – 4:29 – Kanye West, No I.D. (prod. agg.), Bhasker (prod. agg.)
  12. Hate (featuring Kanye West) – 2:31 – Kanye West
  13. Reminder – 4:18 – Timbaland, J-Roc
  14. So Ambitious (featuring Pharrell) – 4:12 – The Neptunes
  15. Young Forever (featuring Mr Hudson) – 4:13 – Kanye West

Classifiche

modifica

Classifiche di fine anno

modifica
Classifica (2009) Posizione
massima
Australia[32] 17
Canada[33] 36
Regno Unito[34] 62
Stati Uniti[35] 12
US Top R&B/Hip-Hop Albums[36] 4
US Top Rap Albums[37] 1
Classifica (2010) Posizione
massima
Australia[38] 21
Francia[39] 192
Regno Unito[40] 91
Stati Uniti[41] 44
US Top R&B/Hip-Hop Albums[42] 12
US Top Rap Albums[43] 5
  1. ^ Esce l'8 settembre "The Blueprint3 [collegamento interrotto]
  2. ^ a b c (EN) Jay-Z Albums, Ranked, spin.com.
  3. ^ Mariel Concepcion, Jay-Z Confirms Roc Nation Deals With Sony, Atlantic, Billboard, 30 giugno 2009. URL consultato il 17 luglio 2009 (archiviato dall'url originale il 26 ottobre 2012).
  4. ^ (EN) Certificazioni ARIA Album 2010, su aria.com.au, ARIA. URL consultato il 10 aprile 2011.
  5. ^ snepmusique.com, http://www.snepmusique.com/fr/pag-259165-CERTIFICATIONS.html?year=2010&type=8.
  6. ^ Web Design Cork, su fireballmedia.ie.
  7. ^ musiccanada.com, http://musiccanada.com/gold-platinum/?fwp_gp_search=%22%22%20%22Jay-Z%22.
  8. ^ bpi.co.uk, https://web.archive.org/web/20171229231525/https://www.bpi.co.uk/platinum/platinumright.asp?rq=search_plat&r_id=33322 (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2017).
  9. ^ (EN) Jay-Z - Blueprint 3 – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 13 luglio 2023.
  10. ^ (EN) Jay-Z And The Beatles Dominate Album Charts, su Billboard, 16 settembre 2009. URL consultato il 12 marzo 2023.
  11. ^ (EN) 29 Black Music Milestones: Jay-Z Surpasses Elvis for Most No. 1 Albums, su Billboard, 8 febbraio 2011. URL consultato il 12 marzo 2023.
  12. ^ a b c (EN) The Blueprint 3, music.avclub.com.
  13. ^ a b c d e (EN) Ranking Jay-Z's Albums From Worst To Best, complex.com.
  14. ^ a b (EN) The Blueprint 3, allmusic.com.
  15. ^ a b (EN) The Blueprint 3, ew.com.
  16. ^ a b c d e f (EN) review, su rapreviews.com. URL consultato il 26 gennaio 2019.
  17. ^ (EN) Robert Christgau: CG: Jay-Z, su robertchristgau.com. URL consultato il 17 gennaio 2019.
  18. ^ a b c d e f g h i (EN) The Blueprint 3 by Jay-Z, metacritic.com.
  19. ^ (EN) Dave Bry, Ranking Jay-Z’s Albums From Worst To Best, su Complex, 11 settembre 2018. URL consultato il 12 marzo 2023.
  20. ^ (EN) Brian Josephs, Jay-Z Albums, Ranked, su Spin, 6 luglio 2017. URL consultato il 12 marzo 2023.
  21. ^ 2009 American Music Awards - Nominations, su ABC News, 3 dicembre 2009. URL consultato il 12 marzo 2023 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2009).
  22. ^ (EN) 2010 BET Hip Hop Awards Complete Winners List: Nicki Minaj and Jay-Z ruled the night, but they weren't the only big winners, su MTV News, 12 ottobre 2010. URL consultato il 12 marzo 2023.
  23. ^ (EN) Brit awards 2010: the winners, in The Guardian, 17 febbraio 2010. URL consultato il 12 marzo 2023.
  24. ^ (EN) Grammy Awards 2011: Winners and nominees for 53rd Grammy Awards, su Los Angeles Times, 12 marzo 2014. URL consultato il 12 marzo 2023.
  25. ^ (EN) Nikki Finke, 41st NAACP Image Award Nominations, su Deadline, 6 gennaio 2010. URL consultato il 12 marzo 2023.
  26. ^ a b c d e f g h i j k l m n (EN) The Blueprint 3, lescharts.com.
  27. ^ (EN) Canadian Albums, billboard.com.
  28. ^ (EN) Jay-Z, officialcharts.com.
  29. ^ (EN) Billboard 200, billboard.com.
  30. ^ (EN) Top R&B/Hip-Hop Albums, billboard.com.
  31. ^ (EN) Top Rap Albums, billboard.com.
  32. ^ (EN) Year-end Charts 2009, aria.com.au.
  33. ^ (EN) Canadian Albums, billboard.com.
  34. ^ (EN) End of Year Artist Albums Chart, officialcharts.com.
  35. ^ (EN) Billboard 200 (Year-end 2009), billboard.com.
  36. ^ (EN) Top R&B/Hip-Hop Albums (Year-end 2009), billboard.com.
  37. ^ (EN) Top Rap Albums (Year-end 2009), billboard.com.
  38. ^ (EN) Year-end Charts 2010, aria.com.au.
  39. ^ (FR) Top Album Annuel 2010, snepmusique.com.
  40. ^ (EN) End of Year Artist Albums Chart, officialcharts.com.
  41. ^ (EN) Billboard 200 (Year-end 2010), billboard.com.
  42. ^ (EN) Top R&B/Hip-Hop Albums (Year-end 2010), billboard.com.
  43. ^ (EN) Top Rap Albums (Year-end 2010), billboard.com.

Collegamenti esterni

modifica