Apri il menu principale

The Coup

gruppo musicale statunitense
The Coup
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereHardcore hip hop[1]
Political hip hop[1]
Alternative hip hop[1]
Periodo di attività musicale1991 – in attività
EtichettaWild Pitch Records
Dogday Records
75 Ark Records
Epitaph Records
Album pubblicati5
Studio5
Sito ufficiale

I The Coup sono un gruppo political hip hop di Oakland, formato nel 1992 dai rapper Raymond "Boots" Riley e E-Roc con il DJ Pam the Funkstress. E-Roc lasciò, d'accordo con gli altri componenti, dopo il secondo album, ma appare nella traccia Breathing Apparatus del terzo album della band, Steal This Album. La band non ha rimpiazzato E-Roc, quindi al momento è composta da un duo.

StoriaModifica

La band, che si ispira a Karl Marx e Mao Tse-Tung[1], abbina suoni elettronici a testi ironici, sarcastici e talvolta violenti contro il capitalismo, la politica statunitense, la violenza della polizia ed altro.

L'album di debutto della band fu Kill My Landlord nel 1993. Nel 1994 pubblicarono un altro album, Genocide and Juice. Dopo un'assenza di quattro anni dallo studio di registrazione, il gruppo pubblicò nel 1998 Steal This Album, che fu ben accolto dalla critica. Il titolo dell'album si riferiva a Steal this Book, libro della yppie Abbie Hoffman. Il magazine online Dusted definì Steal This Album il miglior album hip-hop degli anni '90[2].

Nel 2001, i The Coup pubblicarono Party Music per ottenere nuovi consensi. Tuttavia l'album vendette poco, in parte a causa di problemi di distribuzione. La prima copertina dell'album mostrava Pam the Funkstress e Riley di fronte al World Trade Center distrutto. La copertina fu terminata nel giugno 2001, e l'uscita della'album fu preparata per metà settembre. A causa dell'inquietante somiglianza della copertina con gli attacchi dell'11 settembre 2001, la pubblicazione dell'album fu rimandata fino a quando non fu trovata un'altra copertina.

L'attenzione causata dalla copertina dell'album portò alcune critiche alla band, in particolare alla traccia 5 Million Ways to Kill a CEO. L'opinionista conservatrice Michelle Malkin citò la canzone e definì l'album della band un vomitevole esempio di anti-americanismo spacciato per espressione intellettuale[3]

Il 15 novembre 2005, Tarus Jackson (AKA Terrance), che si era unito alla band come promoter, fu colpito a morte durante una rapina nella sua casa ad Oakland[4].

Le canzoni della band My Favorite Mutiny e Pork & Beef sono state incluse nel film Superbad[5], mentre Ridin' The Fence è stata inclusa nel video game Skate[6].

DiscografiaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c d (EN) The Coup, Allmusic.com. URL consultato il 26-04-2010.
  2. ^ (EN) Buy This Album, Dustedmagazine.com. URL consultato il 26-04-2010.
  3. ^ (EN) Stop giving America a bad rap, Jewishworldreview.com. URL consultato il 26-04-2010.
  4. ^ (EN) Member of The Coup Killed in Robbery, Hiphopmusic.com. URL consultato il 26-04-2010 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  5. ^ (EN) Superbad (2007) - Soundtracks, Imdb.com. URL consultato il 26-04-2010.
  6. ^ (EN) SKATE Soundtrack Announced, News.teambox.com. URL consultato il 26-04-2010 (archiviato dall'url originale il 12 marzo 2009).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Hip hop: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di hip hop