The Guardian Weekly

The Gurdian Weekly
Logo
StatoRegno Unito Regno Unito
Linguainglese
Periodicitàsettimanale
Generestampa internazionale
Formatocompact
Fondazione1919
SedeKings Place, Londra
Diffusione cartacea122 828 copie
ISSN0958-9996 (WC · ACNP)
Sito webtheguardian.com/weekly
 

Il Guardian Weekly è giornale settimanale internazionale in lingua inglese con sede a Londra, pubblicato dal gruppo Guardian News and Media. È uno dei più antichi giornali internazionali di tutto il mondo, e ha lettori in 173 paesi. È stato fondato con lo scopo di diffondere le idee progressiste britanniche verso gli Stati Uniti dopo la prima guerra mondiale; la sua prima edizione è stata stampata una settimana dopo la firma del trattato di Versailles nel 1919. Comprendeva la seguente dichiarazione di intenti: «Puntiamo a presentare ciò che è meglio e più interessante del Guardian, ciò che è più caratteristico e indipendente del tempo, in una forma compatta settimanale».[1]

Il Guardian Weekly attinge alle risorse editoriali del Guardian e contiene anche articoli dell'Observer e del Washington Post e articoli tradotti dal francese Le Monde.

Il Guardian Weekly è stampato in Regno Unito, Stati Uniti e Australia. La diffusione del settimanale è di 122 828 copie, il secondo più alto numero, dietro The Economist, di qualsiasi settimanale globale con sede nel Regno Unito, con un pubblico di quasi 200 000 lettori.[2]

I lettori del Guardian Weekly hanno incluso negli anni il leader politico sudafricano Nelson Mandela, che sottoscrisse un abbonamento durante gli anni della sua prigionia, e che avrebbe successivamente definito la testata la sua "finestra sul mondo" (window on the wider world).[3]

È stato riportato dallo stesso giornale che George W. Bush fosse il primo presidente degli Stati Uniti successivo Jimmy Carter a non abbonarsi alla testata.[4]

Nel settembre 2006 un'edizione è stata vietata in Egitto per aver pubblicato articoli ritenuti offensivi verso l'Islam e il profeta Maometto.[5]

NoteModifica

  1. ^ Natalie Bennett, The Guardian Weekly at 90, in The Guardian Weekly, London, 15 giugno 2010. URL consultato il 20 aprile 2011.
  2. ^ The Economist Circulation ABC Certificates, in The Economist. URL consultato il 18 febbraio 2010 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2009).
  3. ^ About the Guardian Weekly, in The Guardian Weekly, London. URL consultato il 5 settembre 2013.
  4. ^ Oliver Burkeman, Bush reveals he is a Guardian reader (though sadly not a regular), in The Guardian, London, 18 novembre 2006. URL consultato il 25 novembre 2006.
  5. ^ Egypt bans newspaper editions offending Islam, in State Information Service, 25 settembre 2006. URL consultato il 29 settembre 2013.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Sito ufficiale, su guardian.com. URL consultato il 29 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 20 marzo 2016).