The Hollies

gruppo musicale inglese
The Hollies
The Hollies.jpg
Paese d'origineInghilterra Inghilterra
GenerePop rock
British invasion
Beat
Folk rock
Periodo di attività musicale1962 – in attività
[(EN) Sito ufficiale Sito ufficiale]

Gli Hollies sono un gruppo musicale inglese fondato agli inizi degli anni sessanta[1].

StoriaModifica

Con un repertorio costituito prevalentemente da canzoni di musica beat e pop rock hanno ottenuto un notevole successo commerciale specialmente fino agli anni settanta, quando hanno portato ai primi posti delle classifiche di vendita della Gran Bretagna diversi dischi singoli.

Minore successo hanno avuto negli Stati Uniti e negli altri paesi del mercato discografico europeo anche se hanno contribuito a creare la cosiddetta british invasion. Nel 1967 parteciparono al Festival di Sanremo in coppia con Mino Reitano con la canzone "Non prego per me", di Battisti e Mogol.

Il gruppo è stato fondato da Allan Clarke, Tony Hicks e Graham Nash. Successivamente Nash, in seguito a disaccordi sulla linea musicale che il complesso intendeva seguire, è emigrato negli Stati Uniti, iniziando una brillante carriera solista, partecipando inoltre al supergruppo Crosby, Stills, Nash & Young.

Dalla loro fondazione gli Hollies hanno cambiato più volte i componenti del gruppo.

A metà degli anni settanta alcuni dei dischi, tra cui Hollies furono affidati alla produzione di Alan Parsons.

Nel loro repertorio figurano diverse cover da canzoni di Bob Dylan eseguite in chiave pop con un nuovo arrangiamento, spesso arricchito da sezione di fiati e violini, fra cui Blowin' in the Wind e My Back Pages.

FormazioniModifica

  • Allan Clarke: chitarra, voce (1962-1971; 1973-1978; 1978-2000)
  • Tony Hicks: chitarra, voce (dal 1963)
  • Graham Nash: chitarra, voce (1962-1968: poi nei Crosby, Stills, Nash and Young; di nuovo con gli Hollies nel 1981, 1982, 1983-84)
  • Don Rathbone: batteria (1962-1963; poi manager)
  • Vic Steele: chitarra, voce (1962-1963)
  • Bobby Elliott: batteria (dal 1963)
  • Eric Haydock: basso (1963-1966; 1981)
  • Bernie Calvert: basso (1966-1981)
  • Terry Sylvester: voce, chitarra (1969-1981)
  • Mikael Rickfors: voce, chitarra, tastiere, basso (1971-1973)
  • John Miles: chitarra, voce (1981, 1999)
  • Alan Coates: voce, chitarra (1981-2004)
  • Dennis Haines: tastiere (1983-1989)
  • Steve Stroud: basso (1982-1985; 1990; 1996)
  • Ray Stiles: bass, voce (dal 1986)
  • Ian Parker: tastiere (dal 1990)
  • Carl Wayne: voce (2000-2004)
  • Peter Howarth: voce (dal 2004)
  • Steve Lauri: voce, chitarra (dal 2004)
  • Jamie Moses: chitarra, voce (1983)
  • Dave Carey: tastiere (1990)
  • Paul Bliss: tastiere (1978, 1982-1983)
  • Pete Wingfield: tastiere(1976-1981)
  • Peter Arnesen: tastiere (1978, 1982-1983)
  • Brian Chatton: tastiere (1981-1982)
  • Ian Harrison: voce (2003-2004)
  • Dougie Wright: batteria (1967)

DiscografiaModifica

Album in studioModifica

LiveModifica

  • 1976 - Hollies Live

RaccolteModifica

SingoliModifica

  • 1963 - (Ain't) That Just Like Me
  • 1963 - Searchin
  • 1963 - Stay
  • 1964 - Just One Look
  • 1964 - Here I Go Again
  • 1964 - We're Through
  • 1964 - Yes I Will
  • 1964 - I'm Alive
  • 1965 - Look Through Any Window
  • 1965 - If I Needed Someone
  • 1966 - I Can't Let Go
  • 1966 - Bus Stop
  • 1966 - Stop! Stop! Stop!
  • 1967 - On A Carousel
  • 1967 - Non prego per me / Devi avere fiducia in me
  • 1967 - Kill me quick / We're alive (Colonna sonora del film "Fai in fretta ad uccidermi... ho freddo!" )
  • 1967 - Carrie Anne
  • 1967 - King Midas In Reverse
  • 1968 - Jennifer Eccles
  • 1968 - Listen To Me
  • 1969 - Sorry Suzanne
  • 1969 - He Ain't Heavy He's My Brother
  • 1970 - I Can't Tell the Bottom From the Top
  • 1970 - Gasoline Alley Bred
  • 1971 - Hey Willy
  • Long Cool Woman In A Black Dress
  • The Baby
  • 1974 - The Day That Curly Billy Shot Down Crazy Sam McGee
  • 1974 - The Air That I Breathe
  • 1980 - Soldier
  • 1993 - The Woman I Love
  • Pay You Back With Interest
  • Dear Eloise
  • Long Dark Road
  • Magic Woman Touch
  • Another Night
  • Stop! In the Name of Love

NoteModifica

  1. ^ Carlo Bordone, Merry Melodies: Il pop in 100 album fondamentali, in Mucchio Extra, Stemax Coop, #22 Estate 2006.

BibliografiaModifica

  • Nick Logan e Bob Woffinden, Enciclopedia del rock, Milano, Fratelli Fabbri Editore, 1977.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN144398896 · ISNI (EN0000 0001 1292 1243 · Europeana agent/base/149129 · LCCN (ENn91058361 · GND (DE5229647-7 · BNF (FRcb13903988k (data) · NLA (EN47898984 · WorldCat Identities (ENlccn-n91058361