Apri il menu principale

I perseguitati

film del 1953 diretto da Edward Dmytryk
(Reindirizzamento da The Juggler)
I perseguitati
Titolo originaleThe Juggler
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1953
Durata84 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1.37 : 1
Generedrammatico
RegiaEdward Dmytryk
SoggettoMichael Blankfort (Romanzo)
SceneggiaturaMichael Blankfort
ProduttoreStanley Kramer
Casa di produzioneColumbia Pictures
Distribuzione in italianoConsorzio Cinematografico
FotografiaJ. Roy Hunt
MontaggioHarry W. Gerstad, Aaron STell
MusicheGeorge Antheil
ScenografiaRudolph Sternad
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

I perseguitati (The Juggler) è un film statunitense del 1953 diretto da Edward Dmytryk.

TramaModifica

Hans Muller, ebreo tedesco, è un celebre prestigiatore sopravvissuto all'olocausto. Durante la persecuzione nazista ha perso la moglie e i figli; il suo stesso sistema nervoso è rimasto segnato dalle privazioni e dalle sofferenze inflittegli. Nel 1949 arriva in Palestina via mare, dove viene accolto in un campo profughi.
Quando viene sottoposto a un controllo, pensando di essere ancora sotto il nazismo, fugge terrorizzato, un agente della polizia locale nota l'uomo che vaga senza meta e gli chiede i documenti, Hans disperato ha una colluttazione con l'agente e ha la meglio, lasciando il poliziotto esanime a terra; credendo di averlo ucciso, si dà alla fuga cercando di arrivare alla frontiera. Sfinito, cade addormentato in un bosco: qui incontra Yehoshua, un piccolo orfano con il quale fa amicizia. Lungo la strada, i due vengono colpiti dall'esplosione di una mina e sono costretti a fermarsi in un kibbutz: Yehoshua ha una gamba rotta e di lui si prende cura Ya'El, una ragazza che comprende i problemi di Hans e cerca di infondergli fiducia nel futuro. Tra Hans e Ya'El nasce un sentimento, ma ben presto la polizia torna sulle sue tracce. Hans vorrebbe di nuovo fuggire e minaccia di uccidersi, ma Ya'El gli consiglia di costituirsi. Gli agenti, rendendosi conto delle sue condizioni, non infieriscono su di lui e Hans potrà rifarsi una vita insieme alla ragazza.

BibliografiaModifica

  • (EN) Lester D. Friedman, The Jewish Image in American Film, Secaucus, NJ: Citadel Press, 1987, pp. 148-149.
  • (EN) AA.VV., Jewish Film Directory, Trowbridge: Flicks Books, 1992, p. 108.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema