The Last Stand - L'ultima sfida

film del 2013 diretto da Kim Ji-Woon
The Last Stand - L'ultima sfida
The Last Stand 2.jpg
Una scena del film
Titolo originaleThe Last Stand
Lingua originaleInglese
Paese di produzioneUSA
Anno2013
Durata107 min
Rapporto2,40 : 1
Genereazione
RegiaKim Ji-Woon
SoggettoAndrew Knauer
SceneggiaturaAndrew Knauer, Jeffrey Nachmanoff, George Nolfi
ProduttoreLorenzo di Bonaventura
Produttore esecutivoGuy Riedel, Miky Lee, Michael Paseornek, Edward Fee
Casa di produzioneLionsgate Films
FotografiaKim Ji-Yong
MontaggioSteven Kemper
Effetti specialiJosh Hakian
MusicheMowg
ScenografiaFranco-Giacomo Carbone
CostumiMichele Michel
TruccoTarra D. Day
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

The Last Stand - L'ultima sfida (The Last Stand) è un film del 2013 diretto da Kim Ji-Woon.

È stato il primo film di Arnold Schwarzenegger dopo aver concluso l'esperienza da governatore della California (in carica dal 2003 al 2011), e nonché la prima pellicola in lingua inglese per il regista sudcoreano.

Indice

TramaModifica

Ray Owens, un ex poliziotto del dipartimento di polizia di Los Angeles, vive oggi a Sommerton Juncton, una tranquilla cittadina in Arizona, vicino al confine messicano, dove si guadagna da vivere come sceriffo. Un giorno il boss di un cartello della droga, Gabriel Cortez, sfugge all'FBI sparendo dal tribunale in cui è sotto processo, ruba una macchina e fugge a tutta velocità verso il confine con il Messico. Lo sceriffo, con l'aiuto di alcuni inesperti aiutanti, dovrà rincorrere il fuggitivo per impedirgli di espatriare.[1]

ProduzioneModifica

Progetto e sviluppoModifica

Lo sviluppo del progetto è stato concepito su uno spec script del novizio sceneggiatore Andrew Knauer, già apparso nella Black List del 2009, ossìa l'elenco delle sceneggiature più apprezzate di quell'anno ma non ancora prodotte che è stilato da esponenti dell'industria cinematografica hollywoodiana.[2] Nel 2011 Lorenzo Di Bonaventura, che aveva già in precedenza acquistato i diritti cinematografici per produrre il film, stipulò un contratto finanziario con la Lions Gate Entertainment sulla base del quale quest'ultima avrebbe cooperato nelle spese relative a questioni di marketing e distribuzione cinematografica.[3] Successivamente vengono assunti Jeffrey Nachmanoff e George Nolfi per rimaneggiare la sceneggiatura[4] mentre il budget stanziato per la realizzazione del film ammonta a 30 milioni di dollari.[5] La fotografia e la colonna sonora del film sono state affidate rispettivamente a Ji-yong Kim e Mowg, connazionali del regista con il quale avevano già collaborato in precedenti pellicole. Franco-Giacomo Carbone fu incaricato come disegnatore di produzione.

RegiaModifica

Nel settembre 2010 è stato reso noto che Kim Ji-Woon avrebbe diretto il film.[6] Appena ingaggiato, il regista ha dichiarato che avrebbe cercato di far fronte alle pretese del sistema hollywoodiano per difendere il suo stile e la sua visione del film[7] mentre riguardo al modo in cui si sarebbe approcciato a dirigere si è così espresso: «La mia idea per il film è realizzare una specie di mix tra Die Hard, storia tesa in cui si rischia di uccidere chiunque, e Mezzogiorno di fuoco, in cui bisogna proteggere qualcosa. Quindi il mio film riguarderà qualcosa che va protetto a costo della vita».[8] Durante la lavorazione il regista, di madrelingua coreana, si è affidato a due interpreti per dare indicazioni al cast artistico e tecnico.[9] Sebbene sia stato complicato all'inizio, il cast e la troupe si sono abituati in fretta, e lo stile enfatico e mimico di Kim Ji-Woon nel dirigere i film ha favorito la comprensione.[10] Il coordinatore degli stunt Darrin Prescott si occupò di dirigere la seconda unità delle riprese dei film. In qualità di produzione statunitense, il regista ha introdotto novità sul metodo di regia, che riguarda l'editing in loco e l'uso di filtri sulla pellicola durante la lavorazione.[11] Egli ha descritto il film come "una tela americana con i suoi colori sopra". Paragona la regia del suo primo film americano ad un matrimonio, eccitante e, a volte, disagevole all'inizio, ma ci si prende la mano col tempo.[10] Schwarzenegger commentò la sua regia dicendo: «Sotto molti aspetti, Kim Ji-woon è come James Cameron, Si occupa di tutto, dai dettagli fino alle riprese. Quando gesticola per mostrarci come vuole girare una scena, si può capire dove vuole arrivare e non c'è bisogno di aspettare la traduzione».[12] Commentando l'esperienza fatta negli Stati Uniti il regista ha dichiarato: «Girare a Hollywood non era necessariamente il mio obiettivo come regista, ma in qualche modo ho fatto qualcosa che mi piace. Voglio solo dare al pubblico la possibilità di godere di un film che parla di un'esperienza universale».[13] Benché Kim Ji-Woon fosse la prima scelta come regista, la produzione contattò anche il russo Timur Bekmambetov, a cui piacque il progetto ma decise invece di dirigere La leggenda del cacciatore di vampiri.[14]

CastModifica

Liam Neeson era originariamente indicato come maggiore interprete tanto da firmare un pre-contratto[15] a cui però ha rinunciato all'inizio del 2011 in favore di Taken - La vendetta.[16] Ad aprile 2011 un distributore polacco impegnato nel finanziamento di The Last Stand, ha annunciato che Arnold Schwarzenegger sarebbe stato uno dei protagonisti del film.[17] Nel mese successivo l'attore sembrò aver rifiutato il ruolo per interpretare il drammatico Cry Macho.[18][19][20] Il regista si è recato personalmente a casa di Schwarzenegger per convincerlo a recitare nel film.[21] La sua partecipazione al film è rimasta in bilico dopo che aveva deciso di rinunciare nuovamente alla carriera cinematografica per gestire lo scandalo mediatico e il divorzio che lo avevano travolto a maggio.[22] Il 12 luglio la Lionsgate ufficializza con un comunicato stampa che Arnold Schwarzenegger è stato scritturato per la parte del protagonista, pubblicando anche la sinossi del film.[3] Un membro della casa di produzione della pellicola, ha riferito che il film è stato pensato specificamente per un uomo di 63 anni che dovrà prendere alcune importanti decisioni morali: «Abbiamo bisogno di un'icona per rivestirlo e Arnold è l'uomo giusto».[23] A settembre Peter Stormare entra in trattative con la produzione per recitare la parte di Burrell, un veterano di guerra al soldo del villain.[4] Nello stesso mese Latino Review ha appreso che Rodrigo Santoro interpreta il ruolo del poliziotto Frank Martinez.[24] Jerry Bailey è il personaggio impersonato da Zach Gilford che è stato ingaggiato in ottobre[25] insieme a Jaimie Alexander, la quale veste i panni di Sarah Torrance.[26] L'11 ottobre inizia il casting delle comparse[27] e Variety annuncia che l'antagonista principale del film è lo spagnolo Eduardo Noriega, che riveste il ruolo di Gabriel Cortez.[28] Il 17 ottobre, data fissata per l'inizio delle riprese, la produzione rivela che sono stati ingaggiati Forest Whitaker, Luis Guzman, Harry Dean Stanton e Johnny Knoxville.[29] Il 31 ottobre viene riportato che l'ultima attrice a unirsi al cast artistico è stata Genesis Rodriguez per figurare nel ruolo di un agente dell'FBI.[30]

PersonaggiModifica

  • Arnold Schwarzenegger interpreta Ray Owens, un ex poliziotto di Los Angeles ritiratosi dalla metropoli per diventare sceriffo della tranquilla cittadina Summerton Junton, vicino al confine messicano.[3]
  • Forest Whitaker interpreta l'agente del governo John Bannister.
  • Eduardo Noriega interpreta Gabriel Cortez, uno spietato boss del narcotraffico che cerca di fuggire in messico con 400 milioni di dollari.[28]
  • Peter Stormare interpreta Burrel, braccio destro di Cortez, è a capo di una squadra di fuorilegge che tenterà di sopraffare Ray Owens e i suoi agenti.[4]
  • Rodrigo Santoro interpreta il poliziotto Frank Martinez, aiutante dello sceriffo, affidabile nel suo lavoro, anche se a volte ama sfogarsi e far festa quando può.[24]
  • Jaimie Alexander interpreta Sarah Torrance, un'agente che instaura una relazione con Frank.[26]
  • Zach Gilford interpreta Jerry Bailey, amico per la pelle di Frank.[25]
  • Luis Guzman interpreta Mike Figuerola.
  • Johnny Knoxville interpreta Lewis Dinkum.
  • Harry Dean Stanton interpreta il sig. Parson, un contadino di Summerton.
  • Génesis Rodríguez interpreta Ellen Richards, agente dell'FBI.

RipreseModifica

Tra agosto e settembre, su indicazione del regista, sono stati compiuti sopralluoghi sui luoghi più funzionali alla trama e alle riprese esterne del film. Il set degli esterni per Summerton Juncton è stato allestito tra settembre e ottobre nella cittadina di Belen, nel Nuovo Messico.[31] Schwarzenegger si è recato nel set il 4 ottobre per effettuare delle prove di ripresa,[32] poi si è dovuto trasferire in quello de I mercenari 2 in Bulgaria per compiere quattro giorni di riprese.[33] Il 17 ottobre 2011 è stata avviata la lavorazione del film con location divise tra Nuovo Messico e Nevada.[29][34][35] Il 18 novembre 2011, durante una inquadratura ravvicinata, Schwarzenegger si è schiantato contro una telecamera[36] procurandosi una ferita alla fronte che ha richiesto 8 punti di sutura.[37] Inoltre, a riprese ultimate si sarebbe sottoposto a un intervento alla spalla per ricucire quattro tendini al braccio,[36][38] conseguenza della scelta di non voler essere sostituito dalla controfigura durante le riprese girando di persona tutte le scene pericolose.[39] Il divo ha ammesso di non essere più agile e scattante come un tempo: «Avrei anche potuto interpretare un personaggio più tranquillo ma per me è una conquista tornare a saltare da un edificio all'altro, essere spettatore di enormi esplosioni, fare gli inseguimenti in macchina e prendere a pugni il nemico».[40] Dopo la prima settimana di dicembre la troupe si è spostata negli studi cinematografici di Albuquerque dove sono state filmate scene in uno stage a prova di suono. Le riprese sono state sospese il 17 dicembre per pausa festiva e sono ricominciate il 3 gennaio 2012 per girare scene ambientate in località come Bosque Farms, Laguna Pueblo, Mesita, Santa Fe e Albuquerque.[41] La lavorazione si è conclusa il 2 febbraio 2012[42] e la susseguente post produzione è proseguita a Los Angeles.

Post produzioneModifica

Gli effetti speciali sono stati realizzati dagli studi Lidar Guys e Method Studios, rappresentati da Josh Hakian come supervisore del campo visivo. La Movie Director Association ha concesso al regista dieci settimane di tempo per il montaggio del film, curato da Steven Kemper, senza possibilità di rettifiche ulteriori in corso d'opera.[43] L'aggiunta degli effetti sonori è avvenuta in soli otto giorni; a tal proposito il rumorista Michael Broomberg definì "ridicolo" il tempo avuto a disposizione per una fase che in genere richiede un mese di lavoro.[44] Il missaggio del suono e della colonna sonora (registrata a Seattle) si è svolto nell'ottobre 2012,[45] quindi il mese successivo il film è stato ultimato.[46]

PromozioneModifica

 
Logo del film.

Il 1º agosto 2012 sull'edizione online di USA Today è stata divulgata la prima immagine ufficiale che mostra Arnold Schwarzenegger nei panni dello sceriffo Ray Owens.[40] Due settimane dopo il programma televisivo Entertaiment Tonight trasmette un breve spot su The Last Stand mentre il sito web IGN pubblica la prima locandina del film, che ritrae la figura intera di Ray Owens con una pistola in mano, ed è presente la tagline «Not in his town. Not on his watch».[47] Il 16 agosto Apple.com ha diffuso su iTunes il primo trailer in lingua originale,[48] e il giorno seguente è stato allegato alle copie cinematografiche de I mercenari 2, al debutto nei cinema. L'11 ottobre, in occasione della convention New York Comic Con è stato mostrato un secondo poster realizzato con disegni stilizzati a tono fumettistico.[49] Il trailer definitivo, più lungo, è stato lanciato online in data 7 novembre dal sito MovieClips.com sul social network Google+.[50] Il 14 novembre viene diffusa in rete la locandina finale del film che mostra Ray Owens mentre imbraccia una mitragliatrice a canne rotanti; sottostante al titolo c'è la tagline «Retirement Is for Sissies».[51] Il 26 novembre è stato pubblicato il trailer internazionale, della durata di due minuti.[52] Il 10 dicembre è uscito il terzo trailer americano,[53] e tre giorni dopo è stato lanciato online quello in lingua italiana.[54] Il 21 dicembre la FilmAuro pubblica sulla propria pagina Facebook la locandina italiana del film.[55] A dieci giorni dall'uscita nelle sale statunitensi è stato inoltre diffuso sul web un backstage di 4 minuti che mostra alcuni momenti salienti nella lavorazione del film.[56] Un red band trailer, che presenta il film senza censure, fu pubblicato da Yahoo! Movies l'8 gennaio 2013,[57]; lo stesso giorno l'edizione online del Corriere dello Sport pubblica uno spot italiano di 30 secondi.[58]

DistribuzioneModifica

Data di uscitaModifica

 
Il Grauman's Chinese Theatre ha ospitato l'anteprima mondiale del film.

La distribuzione nelle sale cinematografiche statunitensi è fissato per il 18 gennaio 2013.[59] Lionsgate detiene i diritti di distribuzione casalinga e mondiale del film.[29] La prima mondiale del film ebbe luogo il 14 gennaio 2013 a Hollywood, Los Angeles. In Italia viene distribuito da FilmAuro attraverso l'appoggio della Universal Pictures, a partire dal 31 gennaio 2013.[60]

Le date di uscita internazionali previste nel corso del 2013 a tutt'oggi sono:[61]

CuriositàModifica

La scena in cui Lewis cade assieme al palo della corrente sulla vettura, è una coincidenza con le imprese che l'attore che lo interpreta, Johnny Knoxville, compie nel programma televisivo Jackass.

Nella scena in cui i protagonisti si preparano a fronteggiare i cattivi raccogliendo le armi, si vede Luis Guzmán impugnare la spada atlantidea che Arnold Schwarzenegger utilizzava nei film Conan il barbaro e Conan il distruttore.

NoteModifica

  1. ^ Trama del film su Mymovies
  2. ^ (EN) The Black List of 2009 (PDF), su blcklst.com. URL consultato il 9 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2011).
  3. ^ a b c (EN) Lions Gate Entertainment, Arnold Schwarzenegger to star in THE LAST STAND (DOC), su lionsgatepublicity.com, 12 luglio 2011. URL consultato il 26 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 25 novembre 2011).
  4. ^ a b c (EN) Jeff Sneider, Stormare joins Schwarzenegger in 'Stand' [collegamento interrotto], in Variety, 6 settembre 2011. URL consultato il 13 settembre 2011.
  5. ^ (EN) Jason Barr, Lionsgate Releases Details Regarding Arnold Schwarzenegger’s Character in THE LAST STAND, in Collider.com, 12 luglio 2011. URL consultato il 26 agosto 2011.
  6. ^ (EN) El Mayimbe, Exclusive: Kim Jee-Woon Makes A Last Stand!, in Latinoreview.com, 20 settembre 2010. URL consultato il 26 agosto 2011.
  7. ^ (EN) Colette Balmain, “Eating sushi with a little less wasabi”: Interview with Kim Jee-woon, in Newkoreancinema.com, 29 novembre 2010. URL consultato il 14 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 5 gennaio 2011).
  8. ^ (EN) Edward Douglas, Exclusive: Director Kim Ji-Woon on The Last Stand, in Comingsoon.net, 25 febbraio 2011. URL consultato il 26 agosto 2011.
  9. ^ (EN) Set Visit: The Last Stand starring Arnold Schwarzenegger!, in JoBlo.com, 7 novembre 2012. URL consultato il 15 novembre 2012.
  10. ^ a b (EN) Dave Trumbore, 20 Things to Know from Our Set Visit to THE LAST STAND, in Collider, 7 novembre 2012. URL consultato il 15 novembre 2012.
  11. ^ (KO) Songhojin, 니콜 키드먼은 연기기술자, 미아 바시코프스카는 애늙은이, in Nate, 5 maggio 2012. URL consultato il 24 dicembre 2012.
  12. ^ (EN) JI Yong-jin, KIM Jee-woon has Earned the Green Light for His First Hollywood Film, in Koreanfilm.or.kr, 8 gennaio 2012. URL consultato il 17 gennaio.
  13. ^ (KO) LA서 만난 '라스트 스탠드' 김지운 감독, in Koreadaily.com, 28 giugno 2012. URL consultato il 17 gennaio.
  14. ^ (EN) Dave Trumbore, Producer Lorenzo di Bonaventura Talks THE LAST STAND, in Collider, 7 novembre 2012. URL consultato il 15 novembre 2012.
  15. ^ Maurizio Encari, The Last Stand, Arnold Schwarzenegger è di nuovo in sella, in Everyeye.it, 13 luglio 2011. URL consultato il 14 settembre 2011.
  16. ^ (EN) Jeff Leins, Schwarzenegger Circling ‘The Last Stand’, in newsinfilm.com, 13 aprile 2011. URL consultato il 12 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2011).
  17. ^ (EN) B. Alan Orange, Arnold Schwarzenegger Starring in Last Stand for Jee-woon Kim!, in Movieweb.com, 6 aprile 2011. URL consultato il 26 agosto 2011.
  18. ^ Marco Triolo, Arnold Schwarzenegger in The Last Stand, in Film.it, 13 luglio 2011. URL consultato il 26 agosto 2011.
  19. ^ Simone Novarese, Arnold Schwarzenegger confermato in Cry Macho, in Badtaste.it, 7 maggio 2011. URL consultato il 26 agosto 2011.
  20. ^ Emilia Iuliano, Arnold Schwarzenegger torna al cinema con The Last Stand, in Bestmovie.it, 12 luglio 2011. URL consultato il 26 agosto 2011.
  21. ^ (EN) Harry Knowles, Harry interviews Arnold Schwarzenegger on the set of THE LAST STAND, in AICN, 10 novembre 2012. URL consultato il 28 novembre 2012.
  22. ^ Domenico Misciagna, Schwarzy si prende del tempo, in Comingsoon.it, 20 maggio 2011. URL consultato il 26 agosto 2011.
  23. ^ (EN) Mike Bracken, Arnold Schwarzenegger Prepares to Return to Movies and Make His 'Last Stand', in Movies.com, 12 luglio 2011. URL consultato il 26 agosto 2011.
  24. ^ a b (EN) El Mayimbe, Exclusive: Rodrigo Santoro in talks to join THE LAST STAND, in Latino Rewiew, 26 settembre 2011. URL consultato il 13 ottobre 2011.
  25. ^ a b (EN) Mike Fleming, ‘Friday Nights Lights’ QB Joins Arnold Schwarzenegger’s ‘Last Stand’, in Deadline.com, 3 ottobre 2011. URL consultato il 13 ottobre 2011.
  26. ^ a b (EN) Jeff Sneider, 'Thor' actress joins 'Last Stand', in Variety, 4 ottobre 2011. URL consultato il 13 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2011).
  27. ^ (EN) Lawrence Kaneshiro, Lionsgate feature film 'Last Stand' seeking military, police, firefighter types, su extra-casting.com, 11 ottobre 2011. URL consultato il 26 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2011).
  28. ^ a b (EN) Jeff Sneider, Noriega set for 'Last Stand', in Variety, 11 ottobre 2011. URL consultato il 13 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2012).
  29. ^ a b c (EN) Lions Gate Entertainment, THE LAST STAND commences production (DOC), su lionsgatepublicity.com, 18 ottobre 2011. URL consultato il 18 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2012).
  30. ^ (EN) Justin Kroll, Genesis Rodriguez to 'Stand', in Variety, 31 ottobre 2011. URL consultato il 31 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 2 novembre 2011).
  31. ^ (EN) Mike Daniels, Valencia Co. economy gets boost from new Schwarzenegger movie, in Kob.com, 4 ottobre 2011. URL consultato il 12 agosto 2012.
  32. ^ (EN) Abigail R. Ortiz, Schwarzenegger sighting [collegamento interrotto], in News-bulletin.com, 8 ottobre 2011. URL consultato il 14 ottobre 2011.
  33. ^ (EN) Simon Brew, The Expendables 2 round-up, su denofgeek.com, 10 ottobre 2011. URL consultato il 15 agosto 2012.
  34. ^ (EN) Abigail R. Ortiz, Hasta la vista Hollywood; Vamos todos a Belén [collegamento interrotto], in News-bulletin.com, 20 agosto 2011. URL consultato il 26 agosto 2011.
  35. ^ (EN) Lawrence Kaneshiro, The Last Stand; Schwarzenegger Style, su belen-nm.gov, 20 agosto 2011. URL consultato il 26 agosto 2011.
  36. ^ a b (KO) Kyungh Yang, 할리우드 요구와 충무로 감성, 접점 찾는 게 어려웠다, in Nate, 12 marzo 2011. URL consultato il 13 agosto 2012.
  37. ^ (EN) Randy Jennings, Exclusive Interview with The Last Stand's Ky Furneaux!, su thearnoldfans.com, 22 novembre 2011. URL consultato l'11 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2012).
  38. ^ (EN) Randy Jennings, Arnold Schwarzenegger on Hospital Stay with Sly Stallone, su extratv.com, 6 marzo 2011. URL consultato il 9 agosto 2012.
  39. ^ Super-Schwarzenegger a 64 anni gitra tutte le scene pericolose e non vuole usare le controfigure, in il Giornale, 27 novembre 2011. URL consultato il 20 dicembre 2011.
  40. ^ a b (EN) Bryan Alexander, In 'Last Stand,' Schwarzenegger makes good on promise, in USA Today, 1 agosto 2012. URL consultato il 3 agosto 2012.
  41. ^ IMDb, Luoghi delle riprese per The Last Stand, su imdb.it. URL consultato il 9 agosto 2012.
  42. ^ IMDb, Date delle riprese di The Last Stand, su imdb.it. URL consultato il 9 agosto 2012.
  43. ^ (EN) Director Kim Ji Woon “The best achievement was to work together with the Hollywood actors.” [collegamento interrotto], in innolife.co.kr, 14 marzo 2012. URL consultato l'11 gennaio 2012.
  44. ^ (EN) Tim Adler, Hollywood Expert Criticizes Shrinking Sound Budgets for Indie Films, in Hollywood Reporter, 18 ottobre 2012. URL consultato l'11 gennaio 2012.
  45. ^ (KO) 주성철, 할리우드는 ‘스튜디오 시스템’ 아닌 철저한 ‘오디언스 시스템’, in cine21.com, 4 ottobre 2012. URL consultato il 18 gennaio 2012.
  46. ^ (EN) Lee Tae Ho, Director Kim Ji-woon Wins Vision Award at 15th VisionFest in U.S., su kstar10.com, 1 novembre 2012. URL consultato il 18 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  47. ^ (EN) Jim Vejvoda, Poster Debut for Arnold Schwarzenegger's Last Stand, in IGN, 14 agosto 2012. URL consultato il 16 agosto 2012.
  48. ^ (EN) Apple, The Last Stand iTunes Movie Trailer, su trailers.apple.com. URL consultato il 16 agosto 2011.
  49. ^ (EN) Jim Vejvoda, NYCC: Exclusive Poster Debut for The Last Stand, in IGN, 11 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  50. ^ (EN) Google+, The Last Stand: Trailer Debut on MovieClips.com!, su plus.google.com. URL consultato l'8 novembre 2012.
  51. ^ (EN) Dave Trumbore, The Final Poster for THE LAST STAND, in Collider, 14 novembre 2012. URL consultato il 15 novembre 2012.
  52. ^ (EN) THE LAST STAND International Trailer, su filmofilia.com. URL consultato il 29 novembre 2012.
  53. ^ (EN) Break Exclusive: 'The Last Stand' Trailer, su break.com, 10 dicembre 2012. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  54. ^ Schwarzenegger nel trailer italiano di The Last Stand!, in BadTaste.it, 13 dicembre 2012. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  55. ^ Filmauro, Poster ufficiale italiano di The Last Stand, su facebook.com, 21 dicembre 2012. URL consultato il 23 dicembre 2012.
  56. ^ MovieClips COMINGSOON, The Last Stand B-Roll, su firstpost.com, 7 gennaio 2012. URL consultato il 16 gennaio 2013.
  57. ^ Yahoo!, Last Stand Redband Trailer, su screen.yahoo.com, 8 gennaio 2012. URL consultato il 9 gennaio 2013.
  58. ^ Corriere dello Sport, The last stand - il trailer in esclusiva, su corrieredellosport.it, 8 gennaio 2012. URL consultato il 16 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale l'8 gennaio 2015).
  59. ^ (EN) Mike Fleming, Arnold Schwarzenegger Is Back On January 18, 2013 As Lionsgate Sets Release Of ‘The Last Stand’, in Deadline.com, 20 luglio 2011. URL consultato il 26 agosto 2011.
  60. ^ Universal Pictures Italia, The Last Stand - L'ultima sfida - Universal Pictures [collegamento interrotto], su cinema.universalpictures.it. URL consultato il 6 dicembre 2012.
  61. ^ IMDb, Date di uscita per The Last Stand, su imdb.it. URL consultato il 15 agosto 2012.
  62. ^ Data di distribuzione nella regione di lingua francese.
  63. ^ Data di distribuzione nella regione di lingua tedesca e italiana.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema