Apri il menu principale
The Last Tycoon
TheLastTycoon.png
Immagine dai titoli di testa della serie
Titolo originaleThe Last Tycoon
PaeseStati Uniti d'America
Anno2016-2017
Formatoserie TV
Generedrammatico, in costume
Stagioni1
Episodi9
Durata60 min (episodio)
Lingua originaleinglese
Rapporto16:9
Crediti
SoggettoGli ultimi fuochi (romanzo) di Francis Scott Fitzgerald
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
MusicheMychael Danna
Produttore esecutivoChristopher Keyser, Joshua D. Maurer, Billy Ray, David A. Stern, Alixandre Witlin
Casa di produzioneKippster Entertainment, City Entertainment, Home Run Productions, TriStar Television
Prima visione
Distribuzione originale
Dal17 giugno 2016
Al28 luglio 2017
DistributoreAmazon Video
Distribuzione in italiano
Data28 luglio 2017
DistributoreAmazon Video

The Last Tycoon è una serie televisiva statunitense. Ha debuttato con l'episodio pilota il 17 giugno 2016, mentre gli altri episodi sono stati pubblicati il 28 luglio 2017 sul servizio on demand Amazon Video. La serie è tratta dall'ultimo romanzo di Francis Scott Fitzgerald Gli ultimi fuochi. Il 9 settembre 2017 la serie viene cancellata dopo una sola stagione prodotta.[1]

In Italia, la serie è stata interamente pubblicata il 28 luglio 2017 su Amazon Video sia in lingua originale con sottotitoli in italiano che con il doppiaggio in lingua italiana.[2]

TramaModifica

La serie è ambientata nel 1936, quando il governo nazista sotto Adolf Hitler tentò di dettare la produzione cinematografica tradizionale di Hollywood. Monroe Stahr, personaggio liberamente ispirato al famoso produttore Irving Thalberg, combatte con il suo capo Pat Brady per violare le regole del Terzo Reich.

Personaggi e interpretiModifica

EpisodiModifica

Stagione Episodi Pubblicazione USA Pubblicazione Italia
Prima stagione 9 2016-2017 2017

NoteModifica

  1. ^ Amazon cancella anche The Last Tycoon, in ComingSoon.it. URL consultato l'11 settembre 2017.
  2. ^ Elenco Serie Tv 2017: calendario partenze, su tvblog.it, 7 giugno 2017. URL consultato il 9 giugno 2017.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione