Apri il menu principale

The Legend of Zelda: Link's Awakening

videogioco del 1993
The Legend of Zelda: Link's Awakening
videogioco
The Legend of Zelda-Link's Awakening.jpg
Copertina del gioco
Titolo originaleZeruda no Densetsu: Yume o Miru Shima
PiattaformaGame Boy, Game Boy Color
Data di pubblicazioneGame Boy:
Giappone 6 giugno 1993
Flags of Canada and the United States.svg agosto 1993
Zona PAL 18 novembre 1993

Game Boy Color:
Giappone 12 dicembre 1998
Flags of Canada and the United States.svg 15 dicembre 1998
Zona PAL 1º gennaio 1999

Virtual Console (3DS):
Giappone 8 giugno 2011
Flags of Canada and the United States.svg 7 giugno 2011
Zona PAL 8 giugno 2011
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 8 giugno 2011
GenereAvventura, azione
OrigineGiappone
SviluppoNintendo EAD
PubblicazioneNintendo
DirezioneTakashi Tezuka
ProduzioneShigeru Miyamoto
ProgrammazioneTakamitsu Kuzuhara, Kazuaki Morita
Direzione artisticaYōichi Kotabe
SceneggiaturaYoshiaki Koizumi, Kensuke Tanabe
MusicheKozue Ishikawa
SerieThe Legend of Zelda
Modalità di giocoGiocatore singolo
SupportoCartuccia, download
Distribuzione digitaleVirtual Console
Fascia di etàCEROB · ESRBE · OFLC (AU): G · PEGI: 7
Preceduto daThe Legend of Zelda: A Link to the Past
Seguito daThe Legend of Zelda: Ocarina of Time

The Legend of Zelda: Link's Awakening (ゼルダの伝説 夢をみる島 Zeruda no Densetsu: Yume o Miru Shima?) è il quarto videogioco della saga di Zelda, apparso su Game Boy nel 1993. Una seconda versione, questa volta a colori, uscì per il Game Boy Color nel 1998 col nome di The Legend of Zelda: Link's Awakening DX, che differiva dall'originale anche per la presenza di un dungeon aggiuntivo basato sui colori (assenti nella prima versione).

Nel Nintendo direct del 13 febbraio 2019 è stata annunciata una riedizione rivisitata del gioco. Il remake è in uscita per Nintendo Switch il 20 settembre 2019.

Indice

TramaModifica

Sconfitto Ganon in A Link to the past, Link si sente insicuro che altre persone come suo zio e il re possano perire definitivamente a seguito di un altro attacco da parte delle forze del male, così parte per un viaggio per allenarsi e migliorare le sue capacità di combattimento. Dopo un anno, Link fa ritorno a Hyrule via mare, ma una tempesta affonda la sua barca. Link si risveglia a Koholint, nella casa di Marin e suo padre Tarin, che lo hanno raccolto sulla spiaggia privo di sensi assieme al suo scudo. Recuperata la spada alla spiaggia, Link incontra Gufo, che gli spiega che è suo destino destare il Pesce Vento che dorme su un uovo in cima al monte di Koholint, ma per farlo gli serviranno gli otto Strumenti delle Sirene, protetti da una schiera di ombre nota come "Gli Incubi". Con l'aiuto di Gufo e altre creature (che non solo assomigliano alla fauna di Hyrule, ma anche del Regno dei Funghi e Dreamland), Link scopre che il sonno del Pesce Vento garantisce all'Isola di esistere, in quanto è il suo sogno che l'ha creato. Con in cuore la preoccupazione di quello che accadrà a Marin e gli altri abitanti, Link sconfigge gli Incubi e suona gli strumenti dall'uovo che si schiude, permettendo a Link di entrare. All'interno, Link incontra il capo degli Incubi: Incubo Mangia Sogni. Durante la battaglia, questi assume le sembianze di Ganon, Aghanim e Vaati. Link lo sconfigge e il Pesce Vento si desta, rivelando che Gufo, altri non era che la sua coscienza reincarnata. Il Pesce Vento, quindi, riporta Link nel "mondo degli svegli", dalla costa Hyruleana, dove Link si risveglia sui relitti della sua zattera. Guardando verso il cielo, però, Link scorge una nuvola con la forma del Pesce Vento e un gabbiano che le ricorda Marin.

Modalità di giocoModifica

Il gameplay ricorda molto quello visto già nell'episodio A Link to the Past, con la grafica a volo di uccello e tutta una serie di oggetti e armi selezionabili da un menu. Le musiche sono molto ricche in relazione ai limiti imposti dalla tecnologia offerta dal Game Boy. È presente una libreria dove sono riassunte tutte le informazioni base su come usare la spada e gli altri oggetti.

Ci sono alcune novità nel gioco:

  • Il tasto con cui il giocatore comanda la spada non è fisso, ma può essere deciso dal giocatore stesso (questa caratteristica resterà solo negli episodi usciti per console portatili)
  • La visuale varia in base a dove ci si trova: generalmente è "a volo d'uccello", ma alcune volte (come nei sotterranei o sott'acqua), la visuale diventa a scorrimento orizzontale. Elemento ripreso da Zelda II: The Adventure of Link .
  • L'uso della musica (già presente in The Legend of Zelda con il flauto e in A Link to the Past usata come mezzo di trasporto) prende una piega diversa. Ci sono tre melodie che Link può suonare, e ognuna ha un effetto diverso. Questo concetto verrà vastamente ampliato negli episodi successivi, in cui la musica sarà una parte fondamentale.
  • Per la prima volta Link può effettuare degli scambi di oggetti con vari personaggi dell'isola, in modo da portare a termine delle mini-subquest; oltretutto, in questo episodio di Zelda nasce anche il famoso gioco della pesca.

PersonaggiModifica

LinkModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Link (The Legend of Zelda).

MarinModifica

Una ragazza che abita al Villaggio Mabe con il padre Tarin. Soccorre Link e si affeziona a lui (e poi se ne innamora), soprattutto sapendo che viene dal mondo esterno. Il suo più grande desiderio è quello di diventare un gabbiano e volare per tutto il mare (cosa che accadrà, se si ottiene il 100%). Accompagna Link per un pezzo di strada e gli insegna la "Canzone del Pesce Vento", musica con cui Link lo sveglierà. Stando a Hyrule Hystoria, è la controparte onirica di Malon.

TarinModifica

Padre di Marin, caratterizzato dai folti baffi e l'aspetto paffuto. È molto pigro e goloso di funghi, tanto che, mangiandone uno avvelenato, si trasforma in un procione. È molto protettivo nei confronti di sua figlia, tanto da interrompere due momenti belli tra Link e Marin. È la controparte onirica di Talon e, come il contadino, ricorda sotto diversi aspetti Mario.

Gufo/Pesce VentoModifica

Una enorme balena volante variopinta. Mentre dormiva, fu attaccato dagli Incubi, che iniziarono a corrompere l'isola creata dai suoi sogni. Rifugiatosi dentro un uovo, il Pesce Vento da forma alla sua coscienza, sotto le sembianze di un Gufo (richiamo a Kaepora Gaebora), che guiderà Link durante il suo viaggio.

Incubo Mangia SogniModifica

Capo degli Incubi. Non ha una vera e propria forma, ma assume le sembianze di ciò che spaventa di più il suo avversario (nel caso di Link: Ganon, Aghanim e Vaati). Lo si trova nell'uovo del Pesce Vento, dove attacca Link con le sembianze dei nemici da lui affrontati e anche da quelli affrontati dai suoi antenati.

Abitanti del Villaggio MabeModifica

Oltre a Tarin e Marin, al loro villaggio vivono anche la Signora MiaoMiao, una donna con la passione per i Categnacci, gli anziani Nonna e Nonno Ulrira, quest'ultimo aiuta Link con alcuni indizi, se viene chiamato al telefono, e i signori Papahl e Mamahl, genitori di quattro bambini.

Bow-wowModifica

Il Categnaccio della Signora MiaoMiao. Dopo il primo dungeon, viene rapito dai Moblin. Link lo salva e questi, per riconoscenza, gli da una mano ad affrontare i mostri della palude, aprendo il varco del prossimo dungeon. Ha due bambini, un maschio e una femmina di nome YipYip molto viziata.

Abitanti del Villaggio degli AnimaliModifica

Villaggio composto da animali parlanti o antropomorfi. Vi vivono i fratelli Sale e Schule Donavitch, due coccodrilli che fanno, rispettivamente, il venditore e il pittore, uno Zora amichevole, l'Orso Cuoco, il pigro Tricheco e la capra Christine, che messaggia lettere d'amore con Mr. Write.

ManboModifica

Un pesce luna ballerino che insegna a Link il "Mambo di Manbo", che gli permette di teletrasportarsi nei dungeon e nell'isola.

WartModifica

Il rovesciato re degli incubi e capo della truppa 8-bit a Subcon. Dopo essere stato sconfitto da Mario, Luigi, Peach e Toad, dopo gli eventi di Super Mario Bros. 2, Wart si rifugia a Koholint dove, sotto il falso nome di Mamu (il suo nome giapponese), diventa un celebre ed esoso cantante. Per il "modico" prezzo di 300 rupie, insegna a Link la "Canzone dell'Anima di Rana", con cui Link può resuscitare i morti. Dopo aver lasciato la sua tana, Mamu dirà di essere andato in turnee, in realtà diretto a Subcon per una rivincita, durante gli eventi di BS Super Mario Bros. USA.

Mr. WriteModifica

Un uomo che ricalca molto il Dr. Wright di SimCity. Messaggia con Christine, la quale, ha spacciato una foto della Principessa Peach per un suo ritratto.

Allevatore di CoccòModifica

Un uomo appassionato di Coccò. Il suo aspetto è molto simile a quello di Luigi.

Principe RichardModifica

Ragazzo che possiede un castello al centro dell'Isola e una villa invasa da rane. Ricorda molto il Principe di Sablé di Kaeru no tame ni kane wa naru, che condivide lo stesso motore grafico di Link's Awakening.

SyrupModifica

Una strega buona che da a Link la polvere magica con cui riportare Tarin normale dalla forma procione, in cambio di un fungo.

Tracy la PazzaModifica

Allieva di Syrup, facendo verso a Maple o Irene. Vende a Link l'unguento magico (il sostitutivo delle fate nelle ampolle dei precedenti giochi). Ricompare anche in Captain★Rainbow come antagonista, dove rapisce Strutzi.

AltriModifica

Oltre a Tarin, l'Allevatore, Wart e il Categnaccio, compaiono molti altri nemici della serie di Mario: Goomba, Calamaki, Pesci Smack, Twomp, Fiammetti, Marghibruchi, Spettrini, Tipi Timidi, Boo e Piante Piranha. Compare anche un nemico che ritrae l'eroe di Dreamland: Anti-Kirby. Nonostante venga citata, questo è il primo gioco della serie a non avere la Principessa Zelda.

Altre versioniModifica

The Legend of Zelda: Link's Awakening DXModifica

Link's Awakening si tratta di uno dei giochi nati per Game Boy poi passati su Game Boy Color tramite la collana "DX" (Deluxe) che consiste nella ripubblicazione di alcuni giochi con l'aggiunta della gamma cromatica e qualche innovazione. In questo caso la versione DX contiene un dungeon segreto extra nel quale è possibile entrare spostando le lapidi del cimitero secondo un preciso ordine di colori scopribile in biblioteca e che una volta terminato permette di mettere le mani su una tunica speciale a scelta tra quella rossa e quella blu. La prima garantisce doppia potenza, la seconda doppia resistenza.

Durante la conferenza Nintendo dell'E3 2011 del 7 giugno è stata annunciata l'uscita del gioco nello stesso giorno in USA e l'8 giugno in Europa nel canale Nintendo eShop del Nintendo 3DS, nella sezione Virtual Console.

La versione per Nintendo SwitchModifica

Durante il Nintendo direct del 13 febbraio 2019 è stato annunciato il remake del gioco per Nintendo Switch, con rilascio previsto nello stesso anno[1].

AccoglienzaModifica

Recensioni e premi
Pubblicazione Punteggio
4.18/5[2]
8.7/10 (DX)[3]
10/10 (DX)[4]
Voti basati su più recensioni
91.23%[5]
90.39% (DX)[6]
Premi
Grafica e audio, sfida, controllo di gioco, complessivo[2]
56º miglior gioco Nintendo[7]
40° miglior gioco di tutti i tempi scelto dai lettori[8]
78° miglior gioco di tutti i tempi scelto dallo staff[9]
Miglior gioco per Game Boy del 1993[10]
Premio della redazione (DX)[10]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Jonathon Dornbush, The Legend of Zelda: Link's Awakening Remake for Nintendo Switch Announced, in IGN, 13 febbraio 2019. URL consultato il 14 febbraio 2019.
  2. ^ a b (EN) Nester Awards Results, in Nintendo Power n. 60, vol. 1, Nintendo of America Inc, maggio 1994, pp. 54-57.
  3. ^ (EN) Cameron Davis, The Legend of Zelda: Link's Awakening DX Review, in gamespot.com, 28 gennaio 2000. URL consultato il 13 marzo 2012.
  4. ^ (EN) Adam Cleveland, Legend of Zelda: Link's Awakening DX, in IGN.com, IGN Entertainment, Inc, 18 settembre 1999. URL consultato il 13 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2009).
  5. ^ (EN) The Legend of Zelda: Link's Awakening, su GameRankings. URL consultato il 13 marzo 2012.
  6. ^ (EN) The Legend of Zelda: Link's Awakening DX, in gamerankings.com. URL consultato il 13 marzo 2012.
  7. ^ (EN) NP Top 200, in Nintendo Power n. 200, vol. 1, Nintendo of America Inc, febbraio 2006, pp. 58-66.
  8. ^ (EN) Readers' Picks Top 100 Games: 31-40, in IGN.com, IGN Entertainment, Inc. URL consultato il 13 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 26 dicembre 2007).
  9. ^ (EN) ign's top 100 games Of All Time - 78. The Legend of Zelda: Link's Awakening, in IGN.com, IGN Entertainment, Inc. URL consultato il 13 marzo 2012 (archiviato dall'url originale il 26 settembre 2011).
  10. ^ a b (EN) Electronic Gaming Monthly's Buyer's Guide, in Electronic Gaming Monthly, Ziff Davis Media Inc, gennaio 1994.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN313413809 · BNF (FRcb16935658b (data) · WorldCat Identities (EN313413809