The Microphones

gruppo musicale statunitense
The Microphones
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereIndie rock
Folk
Noise pop
Periodo di attività musicale1996 – 2020[1]
EtichettaK Records
Studio6

I The Microphones sono stati un gruppo musicale indie rock statunitense originario di Olympia (Washington) e facente capo a Phil Elvrum.

Nel 2004 Elvrum cambia nome al gruppo in Mount Eerie. Nel 2007 "rispolvera" il soprannome Microphones per pubblicare due singoli.

StoriaModifica

The MicrophonesModifica

Phil Elvrum (vero nome Phil Elverum) nasce a Anacortes, piccola città dello stato di Washington, il 26 maggio 1978. Inizia a sperimentare e, aiutato da Bret Lunsford, pubblica due cassette per la label KNW-YR-OWN. Dopodiché suona come batterista nella band di Lunsford, i D+, prima di trasferirsi ad Olympia. Qui conosce Calvin Johnson (K Records), che lo invita a suonare nel suo studio.

Nel 1998 pubblica Tests, il suo primo album (Elsinor Records), che combina le tracce pubblicate nelle sue prime cassette a nuovi lavori. Pubblica anche il singolo Bass Drum Dream. Appena un anno dopo, pubblica il suo secondo disco, ossia Don't Wake Me Up (K Records). Intraprende quindi un tour con Mirah, con la quale intraprende un lungo sodalizio artistico. Collabora anche con gli Old Time Relijun.

La successiva produzione di Elvrum, ovvero The Glow Pt. 2 (K Records, 2001), risulta più ambiziosa della precedente e questo è dovuto a una maggiore cura in produzione ed una migliore scrittura. Segue una raccolta di B-side e singoli chiamata Song Islands.

Dopo un lungo tour in Europa e Nord America, ricomincia a lavorare in studio. Nel 2003 pubblica Mount Eerie (K Records), un concept album il cui nome prende spunto dalla montagna sita sull'isola di Fidalgo (contea di Skagit), dove Elvrum ha passato l'adolescenza. Nel disco, che contiene 5 lunghe tracce, Elvrum muore, viene mangiato dagli avvoltoi e scopre il volto dell'universo[2]. Questo scenario immaginifico coincide con la fine dell'esperienza come The Microphones e l'inizio di quella come Mount Eerie.

Nel 2007 pubblicherà un 7" a nome The Microphones intitolato Don't Smoke/Get Off the Internet.

Mount EerieModifica

Dopo la pubblicazione del suo ultimo album come The Microphones, Elvrum annuncia l'avvio del progetto Mount Eerie. Pubblica quindi Live in Japan (2004), una album di registrazioni risalenti al 2003. L'album è, nonostante l'inserimento di nuovi brani, comunque accreditato a The Microphones.

Con il nome di Mount Eerie pubblica qualche singolo e si dedica preferibilmente all'attività live. Pubblica il triplo-CD Live in Copenaghen. Il primo album in studio a nome Mount Eerie è "No Flashlight" Songs of the Fulfilled Night (2005), distribuito da un'etichetta di proprietà dello stesso Elvrum, ossia la P.W. Elverum & Sun Ltd. Inizia quindi da qui a "mettersi in proprio".

Nel 2008 pubblica Lost Wisdom, registrato con Julie Doiron e Frederick Squire. Nel frattempo commercializza diversi EP, singoli e lavori vari. Di questi fa parte anche un libro fotografico chiamato Mount Eerie pts. 6 & 7 accompagnato da un 10".

Nel 2009 è la volta di Wind's Poem, che contiene accenni ambient. Seguono Clear Moon e Ocean Roar, entrambi datati 2012.

Discografia come The MicrophonesModifica

AlbumModifica

EP e altro materialeModifica

  • 2001 - Blood (LP in edizione limitata)
  • 2002 - Little Bird Flies into a Big Black Cloud (LP in edizione limitata)
  • 2002 - Song Islands (raccolta)
  • 2003 - The Singing from Mount Eerie (10")
  • 2003 - The Drums from Mount Eerie (10")
  • 2004 - Live in Japan (live)

Discografia come Mount EerieModifica

AlbumModifica

EP e altri lavoriModifica

  • 2004 - Seven New Songs of "Mount Eerie"
  • 2004 - Live in Copenaghen
  • 2004-2005 - Mount Eerie Dances with Wolves
  • 2005 - The Drums from "No Flashlight" by Mt. Eerie
  • 2005 - SINGERS
  • 2005 - Eleven Old Songs of Mount Eerie
  • 2007 - Mount Eerie pts. 6 & 7
  • 2008 - Black Wooden Ceiling Opening
  • 2009 - White Stag
  • 2010 - Song Islands vol. 2
  • 2013 - Live in Bloomington, September 30th, 2011

NoteModifica

  1. ^ riuniti occasionalmente nel 2007
  2. ^ Alessio Brunialti, Concept: 100 album fondamentali, in Mucchio Extra, Stemax Coop, #25 Primavera 2007.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN130527454 · ISNI (EN0000 0000 8954 9710 · LCCN (ENno2002106729 · WorldCat Identities (ENlccn-no2002106729
  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica