Theodor-Heuss-Platz (metropolitana di Berlino)

stazione della metropolitana di Berlino
U-Bahn.svg Theodor-Heuss-Platz
già Reichskanzlerplatz
già Adolf-Hitler-Platz
Berlin - U-Bahnhof Theodor-Heuss-Platz (15021516327).jpg
Stazione della metropolitana di Berlino
Inaugurazione 1908
Stato In uso
Linea U2
Localizzazione Berlino-Westend
Tipologia stazione sotterranea, passante, con banchine laterali
Mappa di localizzazione: Berlino
Theodor-Heuss-Platz
Theodor-Heuss-Platz
Metropolitane del mondo

Coordinate: 52°30′35″N 13°16′23″E / 52.509722°N 13.273056°E52.509722; 13.273056

La stazione di Theodor-Heuss-Platz è una stazione della metropolitana di Berlino situata sulla linea U2.

Prende il nome dal Theodor-Heuss-Platz, la piazza sotto cui sorge.

È posta sotto tutela monumentale (Denkmalschutz).[1]

StoriaModifica

La stazione fu inaugurata il 29 marzo 1908 col nome di Reichskanzlerplatz, nome della piazza omonima all'epoca.

La piazza e la stazione mantennero tale nome fino al 1933.

Fu costruita secondo il progetto di Alfred Grenander durante la seconda estensione occidentale del percorso Stammstrecke che si estendeva da Warschauer Straße fino a Knie (oggi Ernst-Reuter-Platz). Due settimane prima dell'apertura ufficiale, l'imperatore Guglielmo II di Germania ebbe l'occasione di viaggiare fino alla stazione, che era il capolinea della U2 fino all'apertura di Stadion (oggi Olympia-Stadion) nel 1913.

Nel 21 aprile 1933, durante il periodo nazista, la piazza fu rinominata Adolf-Hitler-Platz, (Adolf Hitler aveva un appartamento nelle vicinanze; il palazzo di Gioventù hitleriana era anch'esso situato lì[2]), di conseguenza anche la stazione prese questo nome. Dopo la Seconda Guerra mondiale gli alleati chiamarono nuovamente la stazione Reichskanzlerplatz, finché non fu definitivamente battezzata Theodor-Heuss-Platz il 18 dicembre 1963, in onore del presidente Theodor Heuss, che era morto sei giorni prima[3].

 
Particolare della stazione

La stazione dispone di due banchine, una per ogni direzione, che però non sono collegate, quindi i passeggeri, per raggiungere una delle due direzioni della U2, devono attraversare la strada per raggiungere i treni nella direzione in cui sono diretti.

Anche se ha subito solo pochi danni durante la seconda guerra mondiale, l'arredamento originale, tra cui le piastrelle di maiolica Kadyny, non viene mantenuto.

NoteModifica

  1. ^ (DE) U-Bahnhof Theodor-Heuss-Platz, su stadtentwicklung.berlin.de.
  2. ^ Gerhardt Boldt, La Fin de Hitler, 1949
  3. ^ J. Meyer-Kronthaler: Berlins U-Bahnhöfe. be.bra Verlag (1996)

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Capolinea Fermata precedente Linea U2 Fermata successiva Capolinea
Pankow   Kaiserdamm   Theodor-Heuss-Platz   Neu-Westend   Ruhleben