Apri il menu principale
Theophil Wurm
vescovo della Chiesa luterana
Incarichi ricopertiVescovo di Naumburg-Zeitz
 
Nato7 dicembre 1868 a Basilea
Deceduto28 gennaio 1953 (84 anni) a Stoccarda
 

Theophil Wurm (Basilea, 7 dicembre 1868Stoccarda, 28 gennaio 1953) è stato un vescovo luterano tedesco.

Indice

BiografiaModifica

Wurm, figlio di un pastore, fu molto attivo in politica; fu membro del Partito sociale cristiano prima della prima guerra mondiale e, successivamente, del Partito dei cittadini. Ebbe un seggio al Parlamento dello Stato di Württemberg (in tedesco Landtag) fino al 1920.

Da giovane, Wurm è stato un cappellano del carcere, diventando poi parroco quando aveva 45 anni. Progredì nella gerarchia ecclesiastica e divenne Landesbischof (vescovo) della Chiesa evangelica luterana a Württemberg nel 1933. Come molti uomini di chiesa, inizialmente favorì il regime nazista, cambiando tuttavia presto idea.

Nel settembre 1934, Wurm venne deposto dal suo vescovado da Muller per le sue opinioni sulla politica della chiesa, inclusa la dichiarazione di Barmen, e venne messo agli arresti domiciliari due volte. Queste misure estreme vennero poi revocate da Adolf Hitler sulla scia delle proteste e con la revoca del potere di Muller.

Wurm lasciò il cristianesimo tedesco, allineandosi con la Chiesa confessante e frequentando le sue sinodi, senza tuttavia sostenere le politiche più estreme della chiesa. Tuttavia, egli non era politicamente apatico; infatti fece numerosi reclami al partito nazista. Dopo l'inizio della guerra, protestò con gli omicidi di pazienti psichiatrici, nell'ambito del programma eutanasia[1]. Questo gli valse un bando, nel 1944, che non gli consentì di parlare in pubblico e di scrivere.

Ha partecipato ai movimenti di resistenza, presieduti da Carl Friedrich Goerdeler e Ludwig Beck. Venne ammirato dai suoi colleghi ecclesiastici e nel 1945 (in accordo con le iniziative di denazificazione degli alleati) venne eletto presidente del nuovo Consiglio della Chiesa protestante in Germania.

Fu uno dei firmatari della dichiarazione di colpevolezza di Stoccarda.

Muore a Stoccarda il 28 gennaio 1953, all'età di 84 anni.

OnorificenzeModifica

NoteModifica

  1. ^ Hoffmann, p. 81

BibliografiaModifica

  • Kenneth C. Barnes, Nazism, Liberalism, & Christianity: Protestant social thought in Germany & Great Britain, 1925-1937, University Press of Kentucky, 1991, ISBN 0-8131-1729-1, (Barnes).
  • Victoria Barnett, For the Soul of the People: Protestant Protest Against Hitler, Oxford University Press US, 1992, ISBN 019512118X (''Barnett'').
  • Matthew D. Hockenos, A Church Divided: German Protestants Confront the Nazi Past, Bloomington, Indiana University Press, 2004, ISBN 978-0-253-34448-9 (''Hockenos'').

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN72187296 · ISNI (EN0000 0000 8262 3383 · LCCN (ENn84175271 · GND (DE118635646 · CERL cnp02033680