Apri il menu principale

1leftarrow blue.svgVoce principale: Unione Calcio Sampdoria.

I tifosi della Sampdoria in trasferta all'Olimpico di Roma per la finale di Coppa Italia 2008-2009.

Nella presente pagina sono riportate informazioni sui tifosi dell'Unione Calcio Sampdoria, società calcistica italiana con sede a Genova.

TifoseriaModifica

DemografiaModifica

I sostenitori della Sampdoria, secondo il sondaggio di settore condotto dall'istituto Demos & Pi pubblicato nel settembre 2010 sul quotidiano la Repubblica, sono il 4% della popolazione del Nord Ovest, risultando essere la quarta squadra, insieme al Torino, con più tifosi nella medesima zona.[1]

Secondo l'agenzia White, basatasi sui dati Sinottica di Eurisko, pubblicati da Il Secolo XIX in data 19 aprile 2013, è emerso che i tifosi della Sampdoria sono prevalentemente concentrati in tutta la Liguria (78,2%) ma si distribuiscono anche per tutto il Nord Ovest oltre che in alcune regioni come le Marche, il Lazio ed il Trentino-Alto Adige.[2]

Al momento la Sampdoria è la 7ª squadra d'Italia per numero di tifosi.

IdentitàModifica

Il tifo della Sampdoria è stato recentemente analizzato dall'agenzia White, su dati Sinottica di Eurisko, che ha tracciato anche un profilo del tifoso sampdoriano. I dati raccolti hanno evidenziato che il pubblico blucerchiato è prevalentemente di sesso maschile, ma è presente una quota rosa molto rilevante, inoltre l'età media si assesta sui 39 anni, il profilo di reddito è medio-alto mentre il tasso d'istruzione è tendente verso l'alto. Dal dato più specifico sulla suddivisione per sesso, si nota che la tifoseria sampdoriana è quasi equamente divisa tra uomini (51,79%) e donne (48,21%).[2]

StoriaModifica

 
Un'immagine risalente al 2007 della Gradinata Sud, il settore dello Ferraris di Genova in cui risiede il cuore della tifoseria blucerchiata.

Il nucleo storico della tifoseria blucerchiata è la Gradinata Sud, che nel 1983 è stata la prima curva ad essere interamente ricoperta da un bandierone e che rappresenta il settore dove si trovano i principali gruppi organizzati di tifosi, i Fedelissimi e gli Ultras Tito Cucchiaroni, che occupano rispettivamente la parte inferiore con i Fieri Fossato e superiore della gradinata con gli Struppa 86.[3]

I primi tifosi blucerchiati cominciarono ad unirsi nella prima metà degli anni sessanta, con la nascita di alcuni club come quello dei Fedelissimi, fondato da Beppe Andreotti nel novembre 1961.[4] Gli Ultras Tito Cucchiaroni nacquero invece nel 1969 e sono uno dei primi gruppi ultras al mondo nonché il primo gruppo in Italia ad utilizzare la denominazione Ultras, il cui acronimo sta per Uniti Legneremo Tutti i Rossoblù A Sangue; il loro nome è in omaggio all'attaccante argentino Tito Cucchiaroni, che in cinque anni di militanza alla Sampdoria ha realizzato quaranta reti.[3]

La curva sampdoriana si definisce apolitica.[5]

Gemellaggi e rivalitàModifica

Gemellaggi e amicizie[6]Modifica

Il gemellaggio con la tifoseria del Verona è iniziato nel 1973 prima della partita al Bentegodi valida per la 28ª giornata del campionato di Serie A. Le due tifoserie, dopo essersi scontrate nella partita di andata del 30 dicembre 1972, si riuniscono e trasformano in amicizia la loro rivalità. Con il Parma, il gemellaggio tra le due tifoserie è iniziato nel 1990 ed è sentito soprattutto tra Ultras Tito Cucchiaroni e Boys Parma. In occasione di Sampdoria - Parma del campionato di Serie A 1990-1991, infatti, i Boys Parma portarono a Genova lo striscione recante il messaggio: A noi l'Europa, a voi la gloria, lo scudetto alla Sampdoria. Nel 2012 è diventato il primo gemellaggio social in Italia ed è continuamente rinnovato in ogni sfida tra le due squadre che è sempre uno spettacolo di sport e civiltà.

Il gemellaggio con gli ultras della Ternana è iniziato negli anni settanta ed è portato avanti nel tempo soprattutto dai Fedelissimi, con numerose visite reciproche e molti attestati di simpatia tra le due tifoserie. Spesso gli striscioni Working Class e Freak ternani sono stati avvistati in gradinata, specie nelle Coppe. Nel 2000, quando entrambe le squadre militavano nel campionato cadetto, le tifoserie hanno rinnovato il gemellaggio. Il gemellaggio ufficiale con gli ultras del Bari risale al 2006, quando, a Cremona, lo striscione "Utc" è stato presente sopra quello "Ultras" Bari da trasferta, ma già molti anni prima tra le due tifoserie intercorrevano rapporti d'amicizia.

Unico gemellaggio con una tifoseria straniera è quello intrattenuto con l'Olympique de Marseille. Il gemellaggio tra le due tifoserie è iniziato il 4 gennaio 1987 quando i sostenitori del Marsiglia si sono riuniti a Genova per Sampdoria-Roma, terminata 0-0. Il 3 agosto 2013, nel corso della prima (ed unica) edizione del Trofeo Riccardo Garrone, il gemellaggio tra i sostenitori di Sampdoria e Olympique Marsiglia è stato rinnovato. Col Porto è, invece, presente un'ennesima amicizia con una tifoseria straniera. Noto è anche il gemellaggio tra i "Rude Boys" blucerchiati e gli ultras del FC St. Pauli; grazie al loro ideali comuni e al loro impegno contro razzismo e fascismo.

I tifosi sampdoriani un tempo avevano rapporti di amicizia con gli ultras modenesi e spezzini . Con i "canarini", non un vero e proprio gemellaggio, ma un rapporto di stima e rispetto reciproco, soprattutto in chiave anti-Genoa, tanto che Modena-Sampdoria del 1º maggio 2012 era resa accessibile anche ai doriani non possessori della tessera del tifoso. Il gemellaggio con gli "aquilotti" era iniziato nel 1977 ed i rapporti si sono man mano deteriorati, specie tra i gruppi "Ultras Spezia" e "Riviera Blucerchiata". L'amichevole Spezia-Sampdoria del 2006, giocata un sabato pomeriggio al "Picco" e un'altra amichevole, disputata nel 2009, hanno sancito una rottura ormai definitiva, anche se rimangono amicizie personali, soprattutto per via dell'odio che li accomuna nei confronti dei genoani. Il 30 dicembre 2011 è stata disputata un'amichevole tra le due squadre in cui sono stati raccolti fondi per l'alluvione di Genova del 4 novembre 2011, testimonianza del buon rapporto che ancora è presente tra le due società liguri.

Inoltre con la tifoseria del Savona c'è sempre stata simpatia (sin dagli anni settanta) anche se a causa delle abissali differenze di categoria è rimasto esclusivamente un rapporto di rispetto reciproco.

Ex-Gemellaggi[7]Modifica

In passato i blucerchiati hanno intrattenuto gemellaggi con i tifosi atalantini, cagliaritani, fiorentini, interisti, livornesi e spezzini. Con interisti e livornesi, il gemellaggio si è tramutato in rivalità. Con i bergamaschi, il gemellaggio tra gli "Ultras Tito" e le "Brigate Nerazzurre" è nato il 29 giugno 1977, in occasione dello spareggio per andare in serie A, disputato a Genova, tra la "Dea" e il "Casteddu". Durante questa occasione, le "Brigate" si sono sistemate nella "Gradinata Sud" e mischiate con gli "Ultras Tito", suggellando il gemellaggio. Il gemellaggio, che sembrava destinato a durare per molti anni, è terminato nella seconda metà degli anni ottanta a causa di litigi interni alla "Curva Nord" di Bergamo.

Il gemellaggio con la tifoseria del Cagliari è risalente ai primi anni novanta, ed era intrattenuto con gli "Sconvolts", rotto dai più giovani di loro, alcuni anni dopo, per il gemellaggio sempre più forte tra sampdoriani e veronesi, molto nemici dei sardi; nel 2000/01 a Cagliari, in curva ospiti, apparve lo striscione: "Ultras e Sconvolts amici 7 giorni su 7", con tanto di giri di campo con bandieroni. Stesse scene, sempre a Cagliari, nel 1992/93. Lo scioglimento ufficiale del gemellaggio è avvenuto in una gara di Coppa. In segno di rispetto verso il popolo sardo per l'alluvione che ha colpito la loro regione il 18 novembre 2013, nella "Gradinata Sud", in occasione della 13ª giornata del campionato di Serie A 2013-2014, sono apparsi striscioni dei "Fedelissimi" e dei "Fieri Fossato" in ricordo delle vittime: "Vicini alla Sardegna" e "Vicini al popolo sardo".

Vi era anche un gemellaggio con la tifoseria della Fiorentina, sorto a metà degli anni settanta e conclusosi nel 1989.

Rivalità[8]Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Derby di Genova.

La rivalità storica è quella con i supporter dell'altra squadra genovese, il Genoa, che impegna la compagine blucerchiata nel derby della Lanterna, considerato l'ottavo derby più sentito al mondo (il secondo in Italia, dopo quello di Roma) dal portale anglosassone "FootballDerbies.com". I primi scontri tra le due tifoserie risalgono agli anni sessanta. Altra rivalità molto sentita, anche se non quanto con i genoani, è con la tifoseria del Torino, “aggravata” dal lungo gemellaggio che ha legato i granata al Genoa.

I tifosi blucerchiati non hanno buoni rapporti con le tifoserie delle due squadre più note di Milano: Inter e Milan. I tifosi blucerchiati sono stati gemellati sino al 1992 con gli interisti, poi diventati rivali. Il 14 marzo 2012, i tifosi della Sampdoria si sono presentati allo stadio Meazza in occasione della sfida tra Inter e Marsiglia valida per la UEFA Champions League 2011-2012 per tifare a favore dei francesi e quindi contro il "Biscione". I rapporti con i tifosi milanisti sono sempre stati negativi: nel 1993 è avvenuta una vera e propria battaglia campale tra gli ultras blucerchiati e milanisti con un bilancio di sessanta feriti. Il rapporto tra le due tifoserie è tuttora burrascoso.

Con i partenopei, la rivalità è dovuta al gemellaggio che li lega ai genoani. Nel 2013 sia Napoli che Marsiglia si sono trovati nel Gruppo F della UEFA Champions League 2013-2014. Le tifoserie si sono scontrate per via del gemellaggio che le lega alle due squadre genovesi. In particolare, nella sfida tra le due squadre allo Stade Vélodrome, la tifoseria del Marsiglia ha esposto lo striscione: "I nemici dei nostri fratelli sono nostri nemici. Forza Samp".

Con i bolognesi, la rivalità è nata dopo l'ultima partita di campionato della stagione 1998-1999, quando, sul risultato di 1-2 per il Doria, Trentalange, all'ultimo minuto di gioco, ha concesso un rigore dubbio al Bologna. Il rigore, realizzato, ha condannato la Sampdoria alla retrocessione. Il 12 ottobre 1999, in occasione della partita di Coppa Italia 1999-2000 Sampdoria - Bologna, la tifoseria blucerchiata ha sfogato tutto il suo odio verso i rossoblù, nella notte che tutti gli sportivi genovesi, non solo i sampdoriani, ricordano come la «notte dei rubinetti».

Rivalità recenti sono quelle con i tifosi livornesi e varesini. Nel 2011 le auto dei tifosi blucerchiati sono state prese a bottigliate e sassate durante il loro passaggio sul lungomare di Livorno (in occasione della partita Livorno - Sampdoria) mentre nel 2012, in occasione della Finale Playoff per la A, i doriani, a Genova, hanno esposto lo striscione "L'Armata Blucerchiata ti fa paura A.S. Varese hai pianto in questura".

Rapporti negativi si sono registrati anche con le tifoserie della Juventus e della Lazio.

NoteModifica

  1. ^ Italia, il paese nel pallone (PDF), demos.it, 24 settembre 2010. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  2. ^ a b Damiano Basso, SAMPDORIA/La Ricerca della Lega, Il Secolo XIX, 19 aprile 2013. URL consultato il 19 febbraio 2014.
  3. ^ a b Storie di tifo: Juventus, Sampdoria e Atalanta..., calciomercato.com, 26 giugno 2011. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  4. ^ Claudio Freccia, SAMPDORIA, leonardo.it, 22 settembre 2011. URL consultato il 18 febbraio 2014.
  5. ^ Le dieci curve più calde del calcio italiano, vavel.com, 6 febbraio 2012. URL consultato il 18 febbraio 2014 (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2014).
  6. ^ Gemellaggi e amicizie della tifoseria organizzata Sampdoria:
  7. ^ Ex-Gemellaggi della tifoseria organizzata Sampdoria:
  8. ^ Rivalità della tifoseria organizzata Sampdoria:

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

  • Samp.tv, media ufficiale dell'UC Sampdoria
  • Sampdorianews.net, testata giornalistica on-line, specializzata sulle notizie della UC Sampdoria
  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio