Tigran L. Petrosyan

scacchista armeno
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'ex campione del mondo, vedi Tigran Vartanovič Petrosian.

Tigran Lvoni Petrosyan, meglio noto come Tigran L. Petrosian (in armeno: Տիգրան Լևոնի Պետրոսյան?; Erevan, 17 settembre 1984), è uno scacchista armeno.

Tigran L. Petrosyan (2008)

Il suo nome fu deliberatamente scelto da suo padre per onorare l'ex campione del mondo Tigran Vartanovič Petrosian. Quando Tigran Vartanovič vinse il campionato del mondo, suo padre decise che se avesse avuto un figlio lo avrebbe chiamato Tigran.[1]

Ottenne il titolo di Grande maestro nel 2002, all'età di 18 anni. In quell'anno ottenne la prima norma di GM al campionato del mondo under-18, la seconda nell'open di Batumi e la terza nell'open Aeroflot di Mosca.

Gioca nell'Internet Chess Club (ICC) con il nickname "Tigrano".

Ha vinto per due volte (2012 e 2013) il Campionato armeno di scacchi.

Ha ottenuto il proprio record Elo nella classifica FIDE di marzo 2015 con 2.671 punti, 71º al mondo e terzo tra i giocatori armeni.[2]

Controversia su cheating onlineModifica

Tigran L. Petrosian ha preso parte e ha vinto i Campionati della Chess.com Pro Chess League nell'ottobre 2020 per il team Armenia Eagles. A fine manifestazione, la vittoria della sua squadra è stata ribaltata ed è stato bandito a vita sia da Chess.com che dalla Pro Chess League per "regole del fair play non ancora specificate". Petrosian ha minacciato pesanti azioni legali. Gli Eagles si erano qualificati per ripescaggio contro i St.Louis Archbishops, che sono guidati dal campione americano e sfidante del Campionato del Mondo di Scacchi Fabiano Caruana, così come dal suo collega gran maestro americano Wesley So. Petrosian ha realizzato 3,5 su 4, con vittorie sia su Caruana che su So. I tre giocatori che ha battuto sono classificati al sesto, undicesimo e ventunesimo posto al mondo negli scacchi rapid, mentre Petrosian ha appena raggiunto la top 100, a 97. [3]

Principali risultatiModifica

NoteModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica