Tina Polito

cantante italiana
Tina Polito
Tina Polito.JPG
Tina Polito nel 1967
NazionalitàItalia Italia
GenereBeat
Pop
Periodo di attività musicale1965 – in attività
EtichettaVedette, Dinfo, Zeus, Giallo Records
Album pubblicati1
Studio1

Tina Polito (Fondi, 1953) è una cantante italiana.

BiografiaModifica

Penultima di sette figli, cinque sorelle e due fratelli (uno dei quali suona la chitarra), inizia la carriera giovanissima, partecipando a numerosi concorsi canori con un complessino di amici di cui è voce solista; in uno di questi, La porta del successo, che si tiene a San Felice Circeo, si mette in luce nel 1965 e viene notata da un talent scout della Vedette, che le propone un contratto discografico.

Debutta partecipando a Scala reale nel 1966, nella squadra capitanata da Nunzio Gallo, ottenendo un buon successo con Cerasella, ottenendo 56.465 voti[1]; il grande successo arriva però con la partecipazione a Settevoci, il noto programma televisivo canoro condotto da Pippo Baudo[2]: Tina vince con il brano Piangi, cerca e ridi, e successivamente vincerà altre tre puntate, con Il mondo è triste, I cinque orsacchiotti e Che uomo sei.

Piangi, cerca e ridi e I cinque orsacchiotti sono incluse nel suo secondo 45 giri, arrangiato dal maestro Francesco Anselmo: il secondo brano, pur risultando firmato per la Siae dal maestro Armando Sciascia (che usa i due pseudonimi Pantros e H. Tical), è una canzone del complesso dei Pooh, che viene incisa dalla band ma non pubblicata all'epoca[3][4].

A marzo del 1967 registra la sigla del programma televisivo 41º parallelo; presenta poi una sua versione di Caro Gesù bambino (canzone che aveva partecipato allo Zecchino d'Oro 1960), nel programma Cantabimbi della Tivù dei ragazzi.

Nel 1968, dopo aver cambiato casa discografica, partecipa alla Mostra Internazionale di Musica Leggera di Venezia con È il giorno dell'amore[5]; in questo periodo si esibisce con il complesso I Parker's Boys, formato da Angelo La Porta (chitarra), Nicola Zanni (basso), Alberto Catani (batteria) e Gianni Micciola (tastiere)[6].

Nel 1973 partecipa alla Piedigrotta: Le nuove Canzoni di Napoli.

Continua la carriera nel decennio successivo incidendo dischi per varie etichette e compiendo tournée in Italia e all'estero per poi ritirarsi dall'attività.

DiscografiaModifica

33 giriModifica

45 giriModifica

CDModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, Armando Curcio Editore, 1990; alla voce Polito, Tina, di Enzo Giannelli, pag. 1374
  • Dopo Rita e Gigliola vengo io, Tina, pubblicato su Giovani n° 3, 19 gennaio 1967, pagg. 44-45
  • Lo stivale di Tina, pubblicato su Ciao 2001 n° 5 del 26 febbraio 1969, pagg. 32-35