Apri il menu principale

Questa è una lista dei tiranni ad Atene nell'epoca classica prima della nascita della democrazia e dopo la guerra del Peloponneso.

La polis di Atene fu fondata nel III millennio a.C. probabilmente dal sinecismo di villaggi micenei, difendendosi dai Dori alla fine del II millennio a.C.; la città ebbe sviluppo durante il Medioevo ellenico, ma nel VI secolo a.C. alcuni cittadini ateniesi tentarono di instaurare una tirannide.

CiloneModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Cilone.

Cilone fu un atleta che vinse le Olimpiadi nella doppia corsa nel 640 a.C.; l'anno dopo tentò di creare una tirannide, ma fu bloccato dalla potente famiglia nobiliare degli Alcmeonidi.

Dracone (624-620 a.C.)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Dracone.

Dracone è tutt'oggi conosciuto con il celebre aggettivo "draconiano" impiegato nel senso di "severo", "duro"; nel 624 a.C. emanò le prime leggi scritte che riguardavano la volontarietà dell'omicidio e che diminuirono il potere degli aristocratici nella polis e le violenze tra le famiglie nobiliari.

Solone (594-? a.C.)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Solone, Seisachteia e Riforma di Solone.

Nel 594 a.C. fu eletto arconte Solone, che in seguito emanò due importanti riforme, una riguardante l'estinzione dei debiti, l'altra la suddivisione della popolazione in base al proprio reddito (in medimni).

Pisistrato (546-528 a.C.)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Pisistrato.

Dopo un esilio, Pisistrato resse l'ultima tirannide dell'Atene classica. Aiutò la piccola proprietà terriera, istituì i giudici itineranti, diede impulso all'artigianato e ai commerci via mare accrescendo il valore della dracma sempre più utilizzata, fondò il primo tempio di Atena sull'Acropoli e rese la polis un centro culturale istituendo le prime rappresentazioni teatrali. La tirannide di Pisistrato è ricordata come un lungo periodo di pace.

Ippia (528-511 a.C.) e Ipparco (528-513 a.C.)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Ippia (tiranno) e Ipparco (tiranno).

A Pisistrato succedette il figlio Ippia. Nonostante il legame parentale nessun cittadino protestò. Ma nel 513 a.C. quando suo fratello Ipparco fu assassinato e Ippia fu cacciato dagli Alcmeonidi aiutati dagli spartani perché Ippia stava dalla parte del popolo mentre la famiglia stava dalla parte di un governo aristocratico.

I Trenta Tiranni (aprile 404-403 a.C.)Modifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Trenta tiranni.

La situazione ad Atene non andava affatto bene: nel 405 a.C. lo spartano Lisandro sconfisse la flotta ateniese presso Egospotami; la Lega di Delo si sfaldò portando all'abbandono della lega a tutte le città aderenti eccetto Samo. Nell'aprile del 404 a.C. un gruppo di trenta ateniesi filospartani fondarono un regime oligarchico sulla polis, chiamato appunto "dei Trenta Tiranni": condannarono a morte ed esiliarono i democratici presenti in città. Questo, però, durò solo un anno; nel 403 a.C. un gruppo di ateniesi ribelli alla tirannide rifugiatisi a Tebe comandati da Trasibulo vinsero i tiranni e ristabilirono la democrazia nella città. Nonostante questa crisi politica, ad Atene fiorì comunque l'attività culturale di filosofi, commediografi e oratori.

Voci correlateModifica