Apri il menu principale

Todd Rundgren

musicista e produttore discografico statunitense

BiografiaModifica

Dopo aver pubblicato due LP con il gruppo garage-psichedelico dei Nazz, da lui stesso fondato a metà anni sessanta, ha iniziato nel 1970 la sua carriera solista. Nell'album d'esordio, Runt (Bearsville, 1970), realizzato praticamente in solitudine, si ha già un assaggio del suo eclettismo e della sua passione per la musica Soul (come si evince ad esempio in We Gotta Get You A Woman).

Dopo l'episodio minore, seppur di pregevole fattura Runt. The Ballad of Todd Rundgren (Bearsville, 1971), nel 1972 pubblica quello che è ritenuto generalmente il suo capolavoro, il trionfo del suo ego creativo: il doppio LP Something/Anything? (Bearsville, 1972). Le 25 canzoni dell'album testimoniano la genialità del polistrumentista e compositore, che fagocitando con disinvoltura ogni linguaggio musicale produce pezzi dalla perfezione cristallina.[1]

Pop dal gusto retro', soul d'alta scuola, diavolerie elettroniche, travolgente hard rock, parentesi folk, blues sanguigno, nostalgie beat: Rundgren manifesta eccellenti capacità di scrittura in ogni ambito affrontato, registrando nella maggior parte dei brani le parti di ogni strumento e consegnando alla storia un album epocale per profondità di scrittura, varietà di umori e qualità realizzativa.[2] I dischi successivi sono tutti di buon livello, a partire dal successivo A Wizard, A True Star (Bearsville, 1973).[3]

Parallelamente all'attività solista, Rundgren porta avanti anche il progetto Utopia, band di genere progressive rock. Notevoli anche i suoi risultati come produttore discografico: da citare almeno le storiche collaborazioni con The Band, New York Dolls, Grand Funk Railroad, Hall & Oates, Meat Loaf, The Tubes, Patti Smith, XTC e Bad Religion.

DiscografiaModifica

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Nick Logan e Bob Woffinden, Enciclopedia del rock, Milano, Fratelli Fabbri Editore, 1977.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN32184539 · ISNI (EN0000 0001 2023 4240 · LCCN (ENnr89011875 · GND (DE134504410 · BNF (FRcb13899276s (data) · NDL (ENJA00650799 · WorldCat Identities (ENnr89-011875