Apri il menu principale
Tommaso Pasquale Gizzi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Pasquale Gizzi.jpg
Template-Cardinal.svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato22 settembre 1787, Ceccano
Ordinato presbitero2 settembre 1810
Nominato arcivescovo18 febbraio 1839 da papa Gregorio XVI
Consacrato arcivescovo21 aprile 1839 dal cardinale Giacomo Filippo Fransoni
Creato cardinale12 luglio 1841 da papa Gregorio XVI
Pubblicato cardinale22 gennaio 1844 da papa Gregorio XVI
Deceduto3 giugno 1849, Lenola
 

Tommaso Pasquale Gizzi (Ceccano, 22 settembre 1787Lenola, 3 giugno 1849) è stato un cardinale italiano, Segretario di Stato pontificio tra il 1846 e il 1847.

Indice

BiografiaModifica

Nacque a Ceccano il 22 settembre 1787. Studiò al seminario di Ferentino e venne ordinato sacerdote nel 1810.

Conseguì la laurea utriusque iuris a Roma nel 1817; divenne così avvocato rotale (1819) e quindi funzionario della nunziatura di Lucerna come uditore (1820-1823). Dal 1823 al 1827 fu incaricato d'affari pontificio e in seguito, per circa un anno, ebbe l'incarico di internunzio. In qualità di mediatore papale rese così possibile l'incorporazione del cantone di Svitto nella diocesi di Coira (1824) e la riorganizzazione della diocesi di Basilea nel 1828.

Svolse poi analoghi incarichi a Monaco di Baviera, Torino, Vienna e Bruxelles. Inviato in seguito come Delegato apostolico ad Ancona (1837-1839), fu creato Arcivescovo titolare di Tebe nel 1839, e nel giugno 1839 si recò, in qualità di Nunzio apostolico, in Svizzera, a Svitto, dove rimase fino alla fine di aprile del 1841; in tale veste nel 1841 tentò, invano, di mobilitare le potenze europee contro la soppressione dei conventi argoviesi. Ricoprì in seguito il medesimo incarico a Torino (1841-1844).

Venne elevato al rango di cardinale-presbitero del titolo di Santa Pudenziana da Papa Gregorio XVI nel concistoro del 22 gennaio 1844.

Viene quindi nominato legato pontificio di Forlì. In questa veste, suscita gli elogi di Massimo d'Azeglio, nel testo Degli ultimi casi di Romagna (1846).

Appartenente all'ala riformista moderata della Curia romana, nello Stato Pontificio godeva di grande popolarità, tanto da essere considerato tra i papabili nel Conclave del 1846, nel quale raccolse inizialmente numerosi voti; nelle successive votazioni tuttavia le preferenze dei Cardinali si rivolsero al cardinal Giovanni Maria Mastai Ferretti che, eletto Papa col nome di Pio IX, lo nominò Segretario di Stato l'8 agosto 1846: poiché Gizzi era ritenuto un liberale, la sua nomina rafforzò l'idea popolare che anche Pio IX lo fosse, idea peraltro suggerita dai primi atti del pontificato.

Gizzi tuttavia si dimise l'estate successiva, il 17 luglio 1847. Gli successe il cardinal Gabriele Ferretti, cugino del Papa.

Morì il 3 giugno 1849, a Lenola, all'età di 61 anni. Fu sepolto, inizialmente nella Chiesa di S Maria Maggiore di Lenola: il 1º luglio 1992 la sua salma venne trasferita nel cimitero monumentale di Ceccano: domenica 25 ottobre 1992, festa di Cristo Re per il rito romano straordinario, le sue spoglie mortali furono trasferite nella Chiesa Collegiata di S Giovanni Battista e tumulate nella Cappella del Santissimo Sacramento ove riposano tuttora.

I discendenti del Gizzi godono del titolo di , Conti, Patrizi d'Osimo, Anagni e Ferentino. Si hanno tracce di discendenti tra Roma, Ceprano, Ceccano, Londra ed Oslo.

Genealogia episcopaleModifica

OnorificenzeModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN263096150 · ISNI (EN0000 0003 8212 6469 · SBN IT\ICCU\SBLV\296746 · GND (DE1071545094 · BAV ADV11188123 · CERL cnp02142403