Tommaso Porcacchi

umanista, geografo e traduttore italiano
Descrittione dell'Istria, da L'Isole più Famose del Mondo di Tommaso Porcacchi.

Tommaso Porcacchi (Castiglion Fiorentino, 1530Udine, ottobre 1576[1]) è stato un umanista, geografo, traduttore, poligrafo, bibliofilo ed erudito italiano.

BiografiaModifica

Nato in una famiglia poverissima della Val di Chiana, Tommaso Porcacchi riuscì a studiare grazie al mecenatismo del duca Cosimo I. Si stabilì a Firenze dove conobbe l'umanista Lodovico Domenichi che gli permise di pubblicare le sue prime opere, una Vita di Virgilio e la traduzione del IV libro dell'Eneide[2]. Grazie alla raccomandazione del Domenichi, Porcacchi entrò in contatto con il grande editore e stampatore di opere in lingua volgare Gabriele Giolito de' Ferrari, per cui nel 1559 si trasferì a Venezia, città dove mise su famiglia (sposò la poetessa Bianca d'Este) e rimase fino alla morte.

Nella città lagunare Porcacchi scrisse di numerosi argomenti, geografici, storici, archeologici; pubblicò traduzioni dal latino e dal greco (per es. di Quinto Curzio Rufo[3]) e una collana di storici greci, che in gran parte tradusse egli stesso: la «Collana historica», stampata dal Giolito dal 1563 al 1585. Come editore di testi in volgare Porcacchi ebbe l'intenzione di fare attività utile alla Controriforma. La sua attività fu molto ampia: curò fra l'altro le edizioni del Laberinto d'amore di Boccaccio[4], delle Storie fiorentine del Guicciardini[5], dell'Arcadia del Sannazaro[6], delle Rime e degli Asolani del Bembo[7][8], l'opera omnia del Delminio[9] e tanti altri. Del 1584 è la pubblicazione del Vocabolario nuovo, edito insieme alla Fabrica di Francesco Alunno[10].

Scrisse opere erudite, le più importanti delle quali sono un trattato sulle isole (L'isole più famose del mondo descritte da Thomaso Porcacchi da Castiglione) e un lavoro di etnologia sui funerali, e genealogiche.

Tommaso Porcacchi morì a Udine nell'ottobre 1576, probabilmente ospite dell'amico Ottaviano Manin. Venne sepolto presso la chiesa della Madonna delle Grazie, dove il Manin fece porre una lapide a sua memoria.

OpereModifica

 
La nobiltà della città di Como, 1568

(elenco parziale)

NoteModifica

  1. ^ Franco Pignatti, Tommaso Porcacchi, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 85, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2016.  
  2. ^ L'Opere di Vergilio cioè la Bucolica, la Georgica, & l'Eneida, nuouamente da diuersi eccellentiss. auttori tradotte in uersi sciolti, et con ogni diligentia raccolte da M. Lodouico Domenichi, con gli argomenti et sommari del medesimo posti dinanzi a ciascun libro. In Fiorenza : appresso i Giunti, 1556
  3. ^ Q. Curtio De' fatti d'Alessandro Magno, re de' macedoni, tradotto per Tomaso Porcacchi. In Vinegia : appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, 1558
  4. ^ Laberinto d'amore di m. Giouanni Boccaccio di nuouo ristampato & diligentemente corretto per Thomaso Porcacchi. Con le postille nel margine, & con la tauola in fine. In Vinegia : appresso Iacomo Vidali, 1575
  5. ^ La historia d'Italia di M. Francesco Guicciardini gentil'huomo fiorentino, nuouamente riscontrata con tutti gli altri historici & auttori, & ornata in margine con l'Annotationi de' riscontri fatti da Thomaso Porcacchi da Castiglione Arretino. Con un giudicio fatto dal medesimo, per discoprir tutte le bellezze di questa historia. In Venetia : appresso Giorgio Angelieri, 1574
  6. ^ Arcadia di M. Giacomo Sannazaro, più d'ogni altra, che sia stata stampata, copiosa. Nella quale si sono vnite le Annotationi di Tomaso Porcacchi, & di Francesco Sansouino, et aggiunte nuouamente molte osseruationi del signor Gio. Battista Massarengo ... Con la terza parte delle rime di esso auttore accresciuta di nuouo.In Pavia : appresso Andrea Viani, 1596
  7. ^ Rime di M. Pietro Bembo, tratte dal proprio original di lui: alle quali s'e aggiunta vna tauola di tutte le desinenze sotto le lettere uocali insieme co' uersi interi; con ogni accuratezza corrette & riuedute per Thomaso Porcacchi. In Vinegia : appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, 1562
  8. ^ Gli Asolani di M. Pietro Bembo, Nuovamente ristampati & diligentemente corretti. Con gli argomenti a ciascun libro, & con le postille in margine che dichiarano i vocaboli più difficili, fatte da Thomaso Porcacchi da Castiglione Aretino. In Vinegia : appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, 1571
  9. ^ Tutte l'opere di M. Giulio Camillo Delminio; il catalogo delle quali s'ha nella seguente facciata; nuouamente ristampate, & ricorrette da Thomaso Porcacchi con la tauola delle cose notabili, & con le postille in margine. In Vinegia : appresso Gabriel Giolito de' Ferrari, 1568
  10. ^ Della fabrica del mondo, di m. Francesco Alunno da Ferrara, libri dieci. Ne' quali si contengono le voci di Dante, del Petrarca, del Boccaccio, & d'altri buoni autthori, mediante le quali si possono scriuendo esprimere tutti i concetti dell'huomo di qualunque cosa creata. Con vn nuouo Vocabulario in fine, di tutte quelle voci, che mancauano nella Fabrica, & si leggono in diuersi altri autthori antichi & moderni; aggiunto da m. Thomaso Porcacchi per intera sodisfattione di chi desidera hauer piena cognitione della nostra lingua. Con due tauole copiosissime. In Venetia : appresso Gio. Battista Vscio, 1588

BibliografiaModifica

  • Giusto Fontanini, Biblioteca dell'Eloquenza italiana, Parma 1803, passim;
  • Salvatore Bongi, Annali di Gabriel Giolito de' Ferrari, Roma 1890-97, II, p. 232 e passim;
  • Giovanni Mischi, Una corrispondenza poetica nel '500: Ludovico Domenichi e Tommaso Porcacchi, in Miscellanea di letteratura e arte piacentina, Piacenza 1915.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN5042482 · ISNI (EN0000 0001 0865 0444 · SBN IT\ICCU\LO1V\130054 · LCCN (ENn82020144 · GND (DE124352405 · BNF (FRcb12535311m (data) · BAV ADV10284278 · CERL cnp01350073 · WorldCat Identities (ENn82-020144