Apri il menu principale

Tommy Lee

batterista, cantante e tastierista greco

BiografiaModifica

Gli iniziModifica

Nasce ad Atene, Grecia, da madre greca (Vasiliki Papadimitriou, una modella che è stata anche miss Grecia 1960) e padre statunitense di origini gallesi (David Lee Thomas Bass, un sergente dell'esercito statunitense). La famiglia si trasferì a Los Angeles tre anni dopo la nascita di Tommy.

Gli viene regalata una batteria all'età di 9 anni e i suoi idoli sono John Bonham, Charlie Watts e Peter Criss. La sua maturazione tecnica cresce molto in fretta tanto che, nel periodo delle scuole superiori, viene chiamato a suonare le percussioni nelle bands cittadine.

I suoi primi gruppi sono gli US 101 e i Suite 19. Con i Suite 19, durante le serate musicali che si tenevano in città, conosce Nikki Sixx, il quale, colpito dallo stile di Lee, lo convince a formare un gruppo. I due reclutano il cantante Vince Neil (compagno di scuola di Tommy) ed il chitarrista Mick Mars, dando vita ai Mötley Crüe.

I Mötley CrüeModifica

Con i Mötley Crüe, Tommy cavalcherà il successo grazie ad album storici come l'esordio Too Fast for Love (1981), Shout at the Devil (1983), Girls, Girls, Girls (1987) nonché Dr. Feelgood (1989) (disco tramite il quale la band raggiungerà il primo posto nella classifica statunitense dei dischi più venduti).

Con la band, Tommy dimostra di essere un batterista molto tecnico e, soprattutto, abile nella spettacolarizzazione delle sue performance; degno di nota è il numero da lui messo in atto durante il tour del 1987, ove rinchiuso in una gabbia rotante e ancorato assieme alla batteria, compiva un assolo roteando sopra il pubblico in senso verticale.

Dopo i gloriosi anni ottanta, per la band seguì un lento e progressivo declino dovuto all'arrivo di nuove tendenze musicali ed al continuo abuso di droghe.

I pettegolezzi e l'abbandonoModifica

Negli anni novanta Lee diventa un simbolo del gossip, facendosi notare più nelle riviste di pettegolezzi che in quelle musicali. Era già famoso alla stampa quando si sposò con l'attrice Heather Locklear, ma il suo nome acquisterà ancor più notorietà grazie all'unione con la prosperosa diva di Baywatch, Pamela Anderson, da poco uscita dal fidanzamento con Bret Michaels, leader dei Poison.

I due si separarono dopo una relazione tempestosa durata circa sei anni (e dopo essersi sposati tre volte), ricorrendo a varie battaglie legali per la custodia dei figli. La coppia registrò anche un video pornografico amatoriale che fece il giro del mondo e Lee passò anche alcuni mesi in galera per aver picchiato e molestato l'ex moglie.

Ormai distrutto dalle droghe e dall'alcol, Lee abbandona i Mötley Crüe (che lo rimpiazzano con Randy Castillo) per divergenze con Vince Neil e, dopo una lunga pausa passata nelle cliniche per disintossicarsi, fonda il gruppo crossover rock / rapcore Methods of Mayhem che, però, non viene accolto calorosamente dai vecchi fans dei Mötley Crüe.

Eventi recentiModifica

Successivamente ha pubblicato due album da solista, Never a Dull Moment (2002) e Tommyland: The Ride (2005); si è poi riunito con i Mötley Crüe ed ha creato un gruppo chiamato Rock Star Supernova (solamente per il reality show omonimo e non per scopi commerciali) con il bassista Jason Newsted, il chitarrista Gilby Clarke e il cantante Lukas Rossi. Nel 2006 ha partecipato ai Rock Honors, suonando una canzone dei Kiss (God of Thunder) con Ace Frehley, Rob Zombie, Slash, Scott Ian e Gilby Clarke,

Dopo essersi riunito alla sua band e partecipando a due edizioni del Gods of Metal nel 2005 e 2007, Lee abbandona improvvisamente il gruppo. Il motivo sarebbe che i restanti membri lo abbiano accusato di aver danneggiato l'immagine dei Mötley Crüe attraverso il suo reality Tommy Goes to College, che lo ha anche costretto a non suonare in alcune date con la sua band. Perciò Sixx, Neil e Mars hanno chiesto un risarcimento a Lee di 20 milioni di dollari. La situazione si è recentemente risolta, e Lee è rientrato nella band.

Partecipa anche ad alcune esibizioni come DJ e batterista di musica elettronica. Nel 2012 è apparso nel video Rock N' Roll (Will Take You to the Mountain) di Skrillex. Nel 2013 suona la batteria nel brano Raw dell'album HIDE del progetto punk-elettronico The Bloody Beetroots del suo amico Sir Bob Cornelius Rifo. Venerdi 21 febbraio 2014 Tommy Lee si esibisce al Festival di Sanremo con Bloody Beetroots, e Raphael Gualazzi, portando la canzone Nel blu dipinto di blu.

Nel luglio 2017 si fidanza con l'attrice e star di internet Brittany Furlan.

Vita privataModifica

La sorella, di nome Athena, anch'ella batterista (nella band KrunK), è moglie di James Kottak, batterista degli Scorpions.

StrumentazioneModifica

Lee è stato endorser negli anni ottanta di batterie Pearl e piatti Paiste, e nel decennio successivo di batterie DW e piatti Zildjian. Il suo set base odierno comprende:

Batteria DW
  • Cassa 26"
  • Cassa 32"
  • Tom da 14"
  • Timpano 16"
  • Timpano 18"
Piatti Zildjian
  • 15" A New Beat Hats
  • 12" Z3 Splash
  • 19" Z3 Thrash Ride
  • 20" A Custom Medium Crash
  • 22" K Custom Ride
  • 9.5" Zil-Bel
  • 20" Z3 Medium Crash
  • 19" Z3 Rock Crash
  • 20" Oriental China Trash

Dal 2012 Lee è tornato di nuovo alla Pearl. Il nuovo set comprende:

Batteria Pearl
  • Cassa 16x26
  • Rullante 6.5x14
  • Tom 11x14 tom
  • Floor tom 11x14
  • Floor tom 14x16
  • Pelli Pearl Tru-Trac
Piatti Avedis Zildjian
  • 14" Z Custom Splash
  • 15" A Rock HiHats
  • 15" A New Beat HiHats
  • 18" Z Custom Projection Crash
  • 19" Z Custom Medium Crash
  • 20" A Custom Medium Crash
  • 20" Z Custom Ride
  • 9.5" Large Zil Bell
  • 22" Oriental China Trash
Hardware
  • Pearl Demon Double Bass Drum Pedals.
  • 9500 Hi-Hat Stand
  • 9300 Snare Drum Stand (x2)
  • 9900 Double Tom Stand
  • 9700 Cymbal Stand (x5)
  • 9100 Drum Throne
Bacchette

DiscografiaModifica

Da solistaModifica

Con i Mötley CrüeModifica

Album in studio
Live
Raccolte

Con i Methods of MayhemModifica

Con i Jack's MannequinModifica

Con i Rock Star SupernovaModifica

Con i FuelModifica

Con i The Smashing PumpkinsModifica

PartecipazioniModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN84245920 · ISNI (EN0000 0000 7826 6088 · LCCN (ENn2004077630 · GND (DE129843016 · BNF (FRcb140502636 (data) · NLA (EN35203206 · NDL (ENJA00901674 · WorldCat Identities (ENn2004-077630