Apri il menu principale

Too Much Monkey Business

singolo di Chuck Berry del 1956
Too Much Monkey Business
ArtistaChuck Berry
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1956
Durata2:54
Album di provenienzaAfter School Session
GenereRock and roll
Rhythm and blues
EtichettaChess Records
ProduttoreLeonard Chess, Phil Chess
NoteChess 1635
Chuck Berry - cronologia
Singolo precedente
(1956)
Singolo successivo
(1956)

Too Much Monkey Business è una canzone di Chuck Berry pubblicata come singolo dalla Chess Records nel 1956.

Il brano venne pubblicato come quinto singolo di Berry nel settembre 1956, in seguito fu incluso nell'album After School Session del maggio 1957, come anche nell'omonimo EP. La canzone raggiunse la posizione numero 4 della classifica di Billboard R&B Singles nel 1956.[1]

Questa canzone è stata indicata da Bob Dylan come fonte di ispirazione primaria per la sua Subterranean Homesick Blues.[2]

Indice

Il branoModifica

Il brano è musicalmente ispirato allo stile "swing-boogie" reso celebre da Louis Jordan, e nei contenuti vengono descritti un campionario di problemi quotidiani con cui inevitabilmente la gente comune deve, prima o poi, misurarsi. Dopo aver concluso la maggior parte delle strofe con un'esclamazione di disgusto e frustrazione, a cui fa seguito l'immancabile ritornello «Too Much Monkey Business for me to be involved in», la canzone si risolve nella finale esortazione liberatoria: «Don't want your botheration! Go away, leave me be!» ("Non voglio le vostre scocciature, andate via, lasciatemi stare!").

Tracce singoloModifica

Chess 1635
  1. Too Much Monkey Business - 2:54
  2. Brown-eyed Handsome Man - 2:15

MusicistiModifica

CoverModifica

La canzone, uno dei motivi più celebri di Berry, è stata reinterpretata da numerosi artisti, tra i quali:

CuriositàModifica

  • Il Punk rocker Johnny Thunders omaggiò la canzone di Berry con un brano dal titolo Too Much Junkie Business, costituito da un misto tra Pills di Bo Diddley, e Too Much Monkey Business. Anche il rapper KMFDM ha omaggiato il brano con la sua Too Much pubblicata sull'album compilation 84-86.

NoteModifica

  1. ^ Chuck Berry | AllMusic
  2. ^ Robert Hilburn, Cornflakes with John Lennon, Rodale, Inc., 2009, p. 256, ISBN 978-1-59486-921-1.
  3. ^ * Mark Lewisohn, The Complete Beatles Chronicle, Hamlyn, 1992, ISBN 0-600-60033-5.
  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock