Apri il menu principale

Topolino e il doppio segreto di Macchia Nera

Topolino e il doppio segreto di Macchia Nera
fumetto
Lingua orig.italiano
PaeseItalia
TestiGuido Martina
DisegniRomano Scarpa
EditoreThe Walt Disney Company
Collana 1ª ed.Topolino n. 116-119
Periodicitàsettimanale
Generegiallo

Topolino e il doppio segreto di Macchia Nera è una storia a fumetti disney pubblicata su Topolino numeri 116, 117, 118 e 119 del 10 giugno 1955, scritta da Guido Martina e disegnata da Romano Scarpa.

Nella storia ricompare nelle avventure Disney, dopo 16 anni, il nemico di Topolino Macchia Nera che prima di allora era stato utilizzato solamente in una storia disegnata da Floyd Gottfredson nel 1939. Un altro personaggio ripescato è Eta Beta che non appariva nelle storie Disney dal 1950.

TramaModifica

Macchia Nera, appena evaso di prigione, vuole vendicarsi di Topolino e del Commissario Basettoni. che lo avevano messo al fresco anni prima. Una sera d'inverno, sale sul tetto della casa di Topolino e collega all'antenna televisiva un dispositivo che fa apparire una spirale ipnotizzante sullo schermo della televisione. In questo stato di trance Topolino, per volere di Macchia Nera, tenta di uccidere il Commissario e, non essendo in sé, confessa il tentato omicidio. Basettoni lo fa allora rinchiudere in cella e lo condanna a morte sulla sedia elettrica.

In prigione, Topolino riceve però la visita di Eta Beta e Flip II che, una volta appurato che Topolino è innocente, lo fanno evadere. Topolino, Eta Beta e Flip II riescono a trovare Macchia Nera e a catturarlo, ma Topolino, ancora sotto l'influsso ipnotico di Macchia Nera, tenta di aggredire Eta Beta, venendo però steso da quest'ultimo. Eta Beta capisce quindi che Macchia Nera aveva ipnotizzato Topolino e lo deipnotizza facendogli guardare di nuovo la spirale. Infine Topolino spiega al Commissario Basettoni, nel frattempo sopraggiunto, che Macchia Nera lo aveva ipnotizzato con la spirale e che quindi non era in sé quando aveva tentato di ucciderlo e gli consegna Macchia Nera.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Disney: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Disney