Tor di Quinto

18º quartiere di Roma
Disambiguazione – Se stai cercando la voce relativa al suburbio, vedi Tor di Quinto (suburbio di Roma).

Tor di Quinto è il diciottesimo quartiere di Roma, indicato con Q. XVIII.

Q. XVIII Tor di Quinto
Tor di Quinto all'inizio dell'800
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione  Lazio
Provincia  Roma
Città Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma XV
Data istituzione1º marzo 1954
Codice218
Superficie4,89 km²
Abitanti20 497 ab.
Densità4 194,19 ab./km²
Mappa dei quartieri di
Mappa dei quartieri di

Tor di Quinto
StatoBandiera dell'Italia Italia
Regione  Lazio
Provincia  Roma
Città Roma Capitale
CircoscrizioneMunicipio Roma XV
Data istituzione30 luglio 1977
Codice20A
Superficie3,96 km²
Abitanti12 871 ab.
Densità3 250,25 ab./km²
Mappa dei quartieri di
Mappa dei quartieri di

Il toponimo indica anche la zona urbanistica 20A del Municipio Roma XV di Roma Capitale.

Il nome deriva da una torre posta al V miglio dalla Porta Ratumena.

Geografia fisica modifica

Territorio modifica

Si trova nell'area nord della città, a ridosso della sponda destra del fiume Tevere e della sponda destra del rivolo dell'Aniene, affluente del primo.

Il quartiere confina:

La zona urbanistica confina:

Storia modifica

Il quartiere viene definito ufficialmente, insieme al suburbio omonimo, il 1º marzo 1954, mediante variazione del dizionario toponomastico, dalla suddivisione del precedente suburbio S. I Parioli in due comprensori: quartiere Q. XVIII Tor di Quinto e suburbio S. I Tor di Quinto.

Tor di Quinto conobbe un forte impulso edilizio-urbanistico negli anni cinquanta e negli anni sessanta con l'espansione della zona nord della città.

Fino al 1930/40 Tor di Quinto era considerata una zona praticamente fuori città. L'ultimo "avamposto" prima di raggiungere Tor di Quinto era piazzale di Ponte Milvio, dal quale si poteva arrivare per mezzo di un tranvai (la linea 101) ad una delle propaggini settentrionali del quartiere, ossia il capolinea di via dei Due Ponti. Il mezzo pubblico, chiamato dal popolo "er tranvetto" o anche "er 101", collegava due zone che all'epoca dei citati periodi storici erano considerate remote dai più, anche se da Ponte Milvio (chiamato dal popolo romano ancora oggi "Ponte Mollo") si potevano raggiungere facilmente un quartiere altolocato come i Parioli o il popoloso Flaminio.

I Parioli ospitavano la classe alta, il Flaminio la classe media, medio-alta e i ceti artigianali, Ponte Milvio la classe medio-bassa operaia e artigianale, mentre Tor di Quinto, a causa della vocazione "campagnola" e "fuori porta", ospitava una classe medio-bassa contadina (i cosiddetti "vignaroli", piccoli orticoltori/braccianti locali che operavano proprio in quelle zone ove ora vi sono numerose civili abitazioni). Nella zona non c'erano case organicamente distribuite, ma una sorta di villaggio sparso su un territorio che andava da quello che oggi è corso Francia (alcune vecchie case del periodo sono ancora visibili) a via dei Due Ponti, passando per i pressi della caserma di Cavalleria che occupava anche le zone che sono ora di pertinenza dei Carabinieri e di un centro sportivo della Marina militare.

Inoltre, sul viale di Tor di Quinto[6], vi sono ancora antiche strutture di epoca umbertina, separate dai "Lancieri di Montebello" dove l'Arma di cavalleria si addestrava e dove si disputavano tornei equestri di spessore nazionale e internazionale. In tali strutture furono girate nel 1936 anche alcune sequenze del film "Cavalleria" con Amedeo Nazzari, Elisa Cegani, Ernst Nadherny, Enrico Viarisio, Anna Magnani, Mario Ferrari, Silvio Bagolini per la regia di Goffredo Alessandrini.

Descrizione modifica

Tor di Quinto, ancora fino ai primi anni settanta del ventesimo secolo, era considerata zona periferica: basti pensare che in tali periodi si potevano vedere pascolare armenti in alcuni luoghi (nei pressi di via Monterosi) e, più che in altre zone romane, il circondario rammentava come fosse ancora verace (anche se solo in certi rari tratti) la campagna romana con i tipici acquitrini che permanevano anche molto tempo dopo le piogge.

Sempre a Tor di Quinto fu costruita in epoca umbertina una grande struttura detta del TSN (Tiro a Segno Nazionale), tuttora esistente e ubicata sul lungo viale omonimo.

Ad un capo di corso di Francia (verso il centro della città), si trova un monumento ai Caduti di Tor di Quinto nella Grande Guerra realizzato nel 1924 sul quale si trova incisa la scritta in lingua latina: "VICTORES VICTVRI", "Coloro che vincono saranno i vincitori". Tale monumento fu sezionato e trasportato, negli anni sessanta, da una zona limitrofa, al luogo dove attualmente è ubicato ove fu ricostruito e riposizionato, ciò a causa di sostanziali lavori di ampliamento stradale nella zona di Corso di Francia, appunto. Il monumento riporta 52 caduti durante la prima guerra mondiale ed esiste una targa con la seguente incisione: "ROMANI DI TOR DI QVINTO/ IN GVERRA LIBERATRICE/ DI COSCIENZE E DI TERRE DALLO STRANIERO/ PER TE ITALIA/ LE FIORENTI VITE CONSACRAMMO/ AL TVO FATO D'IMPERO/ E VIGILI SIAMO/ SPIRITI ANTICHI E NVOVI/ LEGIONARI DI ROMA/ A DIFESA E CVSTODIA/ DI LEGGI SANTE E CON FINI GIVSTI/ MCMXXIV". Il monumento è stato inserito in un atto discusso in Consiglio del Municipio per essere restaurato e valorizzato.

Sulla lapide è riportato l'elenco delle vittime che il quartiere Tor di Quinto subì durante la Prima guerra mondiale, l'elenco è diviso sui due lati del monumento e così composto: Lato sinistro (guardando il monumento) Lato destro (guardando il monumento) 1. AIOZZI MARIO 2. LAROCCHI BARDO 3. BANCI CESARE 4. BARBARELLA LUIGI 5. BONIFAZI BONIFAZIO 6. CALICCIA PIETRO 7. CARDARELLI CESARE 8. CARDINALI VITALIANO 9. CINGOLANI ROMOLO 10. CLEMENTI ATTILIO 11. COLAZZAANTONIO 12. CRISTOFANI ANTONIO 13. CRISTOFANI LUIGI 14. CROCE GIUSEPPE 15. D'ALFONSO GIOVANNI 27. MAGINI GIOVANNI 28. MARINELLI NICOLA 29. MARINI ALBERTO 30. MALPILLI ATTILIO 31. MENICHELLI ROMOLO 32. MOTTILANGELI GIOVANNI 33. NECCI GREGORIO 34. IACELLI NICOLA 35. PAPI GIOVANNI 36. PAPI ARBACE 37. BAZZILLI GIUSEPPE 38. PILONI BENIAMINO 39. PICCHERI UMBERTO 40. PIERI DOMENICO 41. PROIETTI MICHELE 1 16. DI VALENTINO MARIO 17. FEDERICI MARIO 18. FILIPPETTI GUERRINO 19. FEDERICI MARIO 20. FILIPPETTI GUERRINO 21. FIORELLI ANGELO 22. GILENETTI ANTONIO 23. GROSSI GIUSEPPE 24. IACOANGELI FLORINDO 25. IANNONE GIOVANNI 26. LIBERATI CORRADINO 42. RAIMONDI BENEDETTO 43. PULITI LORENZO 44. RAFFAELLI ANASTASIO 45. ROMANELLI LUIGI 46. SCARAMUCCI GIUSEPPE 47. SCAVOLINI FERDINANDO 48. SCORTICHINI ARMANDO 49. TEMPESTILLI GIOVANNI 50. TUDISCO GENESIO 51. VAY MARIO 52. VITALUCCI BERNARDINO. L'atto che prevede la restaurazione e valorizzazione è il con numero di Protocollo CU/2022/0110764 del 23/11/2022 a firma del Consigliere Massimiliano Petrassi

Durante gli anni venti/trenta, a Tor di Quinto, fu edificata la R. Scuola Elementare "Ferrante Aporti".

Il quartiere ospita alcune caserme militari tra cui:

Per la descrizione degli avvenimenti che portarono alla concessione di tale medaglia vedasi sito della Presidenza della Repubblica. Da un punto di vista urbanistico sorgono all'interno del quartiere importanti manufatti/opere pubbliche come il Ponte Flaminio iniziato sul calare degli anni trenta del XX secolo e completato nel 1951 ed anche il Ponte di Tor di Quinto costruito in occasione delle Olimpiadi di Roma del 1960.

Monumenti e luoghi d'interesse modifica

Architetture religiose modifica

 
La chiesa di Santa Maria Addolorata
Chiesa annessa all'istituto scolastico della Religiose di Gesù e Maria. Luogo sussidiario di culto della parrocchia del Preziosissimo Sangue.

Ponti modifica

Infrastrutture e trasporti modifica

Tor di Quinto è servita dalla omonima fermata posta lungo la ferrovia Roma-Civitacastellana-Viterbo, servita da treni regionali ATAC.

Fra il 1906 e il 1932 la località era servita da una fermata della tranvia Roma-Civita Castellana, gestita dalla Società Romana per le Ferrovie del Nord (SRFN).

Sport modifica

Calcio modifica

  • U.S.D. Tor di Quinto (colori sociali blu cremisi) che, nel campionato 2019-20, milita nel campionato maschile di Prima categoria.[7]
  • LUISS U.S. (colori sociali bianco blu) che, nel campionato 2019-20, milita nel campionato maschile di Promozione.[8]

Calcio a 5 modifica

  • Sporting Juvenia che, nel 2019-2020, milita nel campionato maschile di Serie B.[9]

Pallacanestro modifica

Football americano modifica

  • Grizzlies Roma, squadra che dal 2023 milita nel campionato di seconda divisione.

Note modifica

  1. ^ Separato dal fosso di Acquatraversa, nel tratto da via Cassia altezza via dell'Acqua Traversa 41.952886°N 12.456781°E a via dei Due Ponti.
  2. ^ Separato dal rivolo dell'Aniene, da via Flaminia Vecchia svincolo via dei Due Ponti fino all'immissione nel fiume Tevere.
  3. ^ Separata dal fiume Tevere, dall'immissione del rivolo dell'Aniene 41.953941°N 12.489703°E fino all'immissione del fiume Aniene.
  4. ^ Separato dal fiume Tevere, dall'immissione del fiume Aniene fina al ponte Milvio.
  5. ^ Separato da via Cassia, nel tratto dal ponte Milvio (Tevere) a via della Camilluccia.
  6. ^ Viale del Lazio fino al 1934 quando, con deliberazione del Governatore n. 5396 del 25 agosto, fu modificato in viale di Tor di Quinto.
  7. ^ La squadra sul sito Tuttocampo
  8. ^ La squadra sul sito Tuttocampo
  9. ^ La squadra sul sito Tuttocampo
  10. ^ La squadra sul sito della Lega Pallacanestro
  11. ^ Il campionato regionale sul sito della FIP

Bibliografia modifica

  • Giorgio Carpaneto e altri, I quartieri di Roma, Roma, Newton Compton Editori, 1997, ISBN 978-88-8183-639-0.
  • Maria Rosaria Grifone e Claudio Rendina, QUARTIERE XVIII. TOR DI QUINTO, in I Rioni e i Quartieri di Roma, vol. 7, Roma, Newton Compton Editori, 1991.
  • Claudio Rendina e Donatella Paradisi, Le strade di Roma, vol. 1, Roma, Newton Compton Editori, 2004, ISBN 88-541-0208-3.
  • Claudio Rendina, I quartieri di Roma, vol. 1, Roma, Newton Compton Editori, 2006, ISBN 978-88-541-0594-2.

Altri progetti modifica

Controllo di autoritàLCCN (ENn95077277 · J9U (ENHE987007531148305171
  Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma