Apri il menu principale
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la frazione della provincia di Lodi, vedi Tormo (Crespiatica).
Tormo
StatoItalia Italia
RegioniLombardia Lombardia
Lunghezza34 km
Portata media3,5 m³/s
Altitudine sorgente100 m s.l.m.[1]
NasceFontanile ad Arzago d'Adda (BG)
45°27′39.88″N 9°33′14.73″E / 45.461078°N 9.554093°E45.461078; 9.554093
SfociaAdda ad Abbadia Cerreto (LO)
45°18′18.82″N 9°35′52.32″E / 45.305228°N 9.597867°E45.305228; 9.597867Coordinate: 45°18′18.82″N 9°35′52.32″E / 45.305228°N 9.597867°E45.305228; 9.597867

Il Tormo è un fiume che nasce presso alcuni fontanili (Tormo-Murata, Renga, Renghelletto, Lazzi e Signora), posti nel comune di Arzago d’Adda (Bergamo). Dopo aver attraversato in provincia di Cremona i comuni di Agnadello, Pandino, Palazzo Pignano, Monte Cremasco e Dovera, entra in provincia di Lodi e attraversa i comuni di Crespiatica, Corte Palasio e Abbadia Cerreto prima di sfociare nell'Adda dopo circa 34 km.

Il letto si trova interamente nella piana alluvionale dell'Adda, un tempo occupata dal Lago Gerundo: è considerato un fiume perché ne possiede le caratteristiche, quali il regime d'acqua perenne, la larghezza ed il fondo variabili, il fondo piatto e ghiaioso, l'andamento sinuoso e meandriforme, sebbene alcuni tratti siano stati rettificati.

Il Tormo attraversa una campagna intensamente coltivata: vi si produce soprattutto foraggio per gli allevamenti zootecnici, cosicché poche sono ormai le aree boscate: tuttavia non mancano zone con vegetazione di ripa, sia sul corso principale che sui canali derivati, soprattutto nei punti dove maggiormente si sono accumulati depositi di sabbia, punti che conferiscono al paesaggio un aspetto tipicamente fluviale.

Per consentire la tutela dell'ambiente e dei beni storici ed architettonici (tra i quali l'area archeologica di Palazzo Pignano), e in previsione di uno sviluppo di percorsi ciclabili e ciclo-pedonali, l'area del Tormo è dal 2004 protetta da un Plis (Parco Locale di Interesse Sovracomunale) vasto 4.406 ettari. La sede si trova presso il Comune di Pandino.

NoteModifica

Voci correlateModifica

  Portale Lombardia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Lombardia