Apri il menu principale
Emanuel Lasker, vincitore del torneo

Il Torneo di New York 1924 è stato un torneo internazionale di scacchi che si è svolto a New York dal 16 marzo al 18 aprile 1924.
È considerato il più forte torneo di scacchi disputato fino ad allora.[1]

Indice

StoriaModifica

Partecipavano il campione del mondo in carica José Raúl Capablanca, il suo predecessore Emanuel Lasker, il futuro campione del mondo Aleksandr Alechin, il campione americano Frank Marshall e altri sette giocatori tra i più forti dell'epoca.

 
Tartakower con Edward Lasker, New York 1924

Il torneo fu organizzato dal Manhattan Chess Club e i primi otto turni si svolsero nei locali del club. Dopo alcuni giorni di pausa si giocò nell'Hotel Alamac di New York. Venne adottata la formula del doppio turno e, per evitare la preparazione con un avversario già noto, ogni turno veniva sorteggiato 15 minuti prima dell'inizio della partita.

C'era molta attesa per il risultato del neo-campione Capablanca e dell'ex-campione Lasker, che si incontravano per la prima volta dopo il match del 1921. La vittoria di Lasker confermò l'opinione, abbastanza diffusa specialmente in Europa, che Lasker fosse ancora, nonostante la sconfitta nel match mondiale, più forte di Capablanca nel gioco di torneo.

Capablanca dovette subire la prima sconfitta dopo oltre otto anni di imbattibilità[2]. Ebbe però la soddisfazione di infliggere a Lasker l'unica sconfitta del torneo.

Vennero assegnati tre "premi di bellezza": il primo (75 dollari e una coppa d'argento) a Réti per la partita contro Bogoljubov, il secondo (50 dollari) a Marshall per la partita contro Bogoljubov, il terzo (25 dollari) a Capablanca per la partita contro Lasker. A tutti i giocatori vennero rimborsate le spese.

Si verificò una singolare coincidenza: i primi tre posti furono gli stessi del torneo di San Pietroburgo 1914.

Tabella del torneoModifica

New York  1924
#  Giocatore  Paese 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 Totale
 1  Emanuel Lasker   Germania xx ½0 ½1 11 11 11 ½1 ½1 ½1 11
16
 2  José Raúl Capablanca     Cuba ½1 xx ½½ ½½ 01 ½1 11 11 ½1 ½1
14 ½
 3  Aleksandr Alechin   Francia ½½ xx ½½ 10 ½½ ½½ 11 ½½ 11
12
 4  Frank James Marshall    Stati Uniti ½0 ½½ ½½ xx ½1 01 ½0 ½1 11
11
 5  Richard Réti   Cecoslovacchia 00 10 01 ½0 xx ½½ 01 11 10 10 11
10 ½
 6  Géza Maróczy   Ungheria 00 ½0 ½½ xx 01 ½½ 11 ½1 10
10
 7  Efim Bogoljubov   Unione Sovietica   00 00 ½½ 10 10 10 xx 01 11 ½1 01
9 ½
 8  Savielly Tartakower   Polonia ½0 00 ½½ ½1 00 ½½ 10 xx 10 ½0 ½1
8
 9  Frederick Yates   Inghilterra ½0 00 ½0 01 00 00 01 xx 11 ½1
7
10  Edward Lasker   Stati Uniti ½0 ½0 ½½ 01 ½0 ½0 ½1 00 xx
6 ½
11  David Janowski   Francia 00 ½0 00 00 00 01 10 ½0 ½0 xx
5

Partite notevoliModifica

Eventi collegatiModifica

Il 27 aprile Alekhine cercò di battere il record di partite in simultanea alla cieca, appartenente all'ungherese Gyula Breyer con 25 partite (Košice, 1921). Sempre nei locali dell'Alamac Hotel di New York affrontò 26 avversari, molti dei quali erano di livello magistrale.

L'esibizione era diretta da Géza Maróczy, che agiva anche da annunciatore delle mosse assieme a Norbert Lederer, uno degli organizzatori del torneo. Il gioco iniziò alle due del pomeriggio e terminò dopo 12 ore (con una pausa per la cena) fino alle due del mattino successivo.

Il risultato finale fu di 16 partite vinte, 5 perse e cinque patte (71 %). Alekhine perse con Isaac Kashdan (il più forte americano dell'epoca assieme a Frank Marshall), Albert S. Pinkus, Mark Peckar, Joseph Saltzman e M.B. Downs; pattò con J.C. Meyers, Erling Tholfsen, J.H. Friedman, Lloyd Garrison e Max Kleiman; vinse con Herman Steiner (uno dei più forti giocatori americani), Milton Pinkus, S. Hecht, Alfred Berman, M. Schleifer, A.H. Pearlman, M. Monsky, Ernest Nebolsine, C.O. Terwilliger, A.B. Yurka, A. Frieman, Charles K. Friedberg, Augustus Kahn, Louis Millstein, M. Yaeger e Norman Light. Il record mondiale di simultanee alla cieca era battuto.

Sono state conservate solo cinque partite di questa simultanea (con Herman Steiner, Milton Pinkus, Alfred Berman, M. Monsky e A. Frieman).[3]

In febbraio dell'anno successivo Alekhine migliorò il record, giocando a Parigi 28 partite in simultanea alla cieca, con il risultato di +22 –3 =3.

NoteModifica

  1. ^ H. Golombek, W. Hartston, The Penguin Encyclopedia of Chess, Penguin Books, 1981, p. 305.
  2. ^ L'ultima sconfitta di Capablanca era del 7 febbraio 1916, quando perse contro Oscar Chajes nel "Rice Memorial" di New York. Perse la partita con Réti il 22 marzo 1924, per cui l'imbattibilità è durata 8 anni, un mese e 15 giorni. È un record di scacchi tuttora imbattuto, ma vi ha contribuito la pausa nei tornei in Europa per la prima guerra mondiale.
  3. ^ Jan Kalendovsky, Vlastimil Fiala: "Complete Games of Alekhine", Vol. 2: 1921-1924, Moravian Chess, 1996, p. 442.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Scacchi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scacchi