Totò d'Arabia

film del 1965 diretto da José Antonio de la Loma

Totò d'Arabia è un film del 1965, diretto da José Antonio de la Loma con Totò che si ispira parodisticamente a Lawrence d'Arabia e ai film di James Bond. È l'ultimo film in cui il nome di Totò compare nel titolo.

Totò d'Arabia
Totò sul cammello
Titolo originaleTotò d'Arabia / Toto de Arabia
Paese di produzioneItalia, Spagna
Anno1965
Durata84 min
Rapporto1,78:1
Generecomico, commedia
RegiaJosé Antonio de la Loma
SoggettoBruno Corbucci[1] e Giovanni Grimaldi
SceneggiaturaBruno Corbucci e Giovanni Grimaldi
ProduttoreAlberto Pugliese e Luciano Ercoli
Casa di produzioneProduzioni Cinematografiche Mediterranee, Producciones Cinematográficas Balcazar
Distribuzione in italianoCineriz
MusicheAngelo Francesco Lavagnino
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Trama modifica

«Caro ragioniere, lei ha omesso il motto più importante! Cca niscuno e fesso, è chiaro?»

Totò, ex-militare italiano al servizio, come domestico, presso l'Intelligence Service britannico viene promosso ad agente segreto con il nome di Agente 00Ø8 (pron. zero, zero, zero barrato, otto) al fine di convincere il regnante di Shamara, lo sceicco Ali El Buzur a cedere il petrolio al Regno Unito. Dopo un breve soggiorno a Barcellona per ricevere ulteriori istruzioni Totò si trasferisce nel Kuwait dove riesce ad evitare attentati ai suoi danni ad opera dei servizi segreti egiziani, turchi e russi. Per superare anche la CIA Totò si servirà delle trenta mogli dello sceicco, che alla fine lo adotterà come El Buzur II e guiderà la raffinazione del petrolio di Shamara da Napoli, fondando a San Giovanni a Teduccio la compagnia petrolifera Totòil.


Note modifica

  1. ^ Bruno Corbucci appare nella parte di uno spettatore alla corrida.

Voci correlate modifica

Collegamenti esterni modifica

  Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema