Apri il menu principale

Tour de France 1948

Edizione numero 035 della corsa ciclistica a tappe francese
Francia Tour de France 1948
Tour de France 1948.png
Il percorso.
Edizione35ª
Data30 giugno - 25 luglio
PartenzaParigi
ArrivoParigi
Percorso4 992 km, 21 tappe
Tempo147h10'36"
Media33,443 km/h
Classifica finale
PrimoItalia Gino Bartali
SecondoBelgio Brik Schotte
TerzoFrancia Guy Lapébie
Classifiche minori
MontagnaItalia Gino Bartali
SquadreBelgio Belgio
Cronologia
Edizione precedenteEdizione successiva
Tour de France 1947Tour de France 1949

Il Tour de France 1948, trentacinquesima edizione della Grande Boucle, si svolse in ventuno tappe tra il 30 giugno e il 25 luglio 1948, per un percorso totale di 4 992 km.

Fu vinto, per la seconda e ultima volta, dallo scalatore italiano Gino Bartali (i due podi fino a quel momento da lui conseguiti nella Grande Boucle coincisero con i due trionfi). Bartali detiene tuttora il primato di aver vinto due edizioni del Tour con il più lungo periodo di tempo intercorrente tra di esse (1938 e, per l'appunto, il 1948). A detta di molti, la vittoria del fiorentino al Tour del 1948 contribuì inoltre ad allentare il clima di tensione in Italia dopo l'attentato a Palmiro Togliatti del 14 luglio 1948.[1][2]

Si trattò della quarta edizione della corsa che vide il trionfo di un ciclista italiano. Bartali terminò le proprie fatiche sulle roventi strade transalpine con il tempo di 147h10'36". In seconda posizione nella classifica generale si piazzò il passista-finisseur belga Briek Schotte (all'unico podio della carriera al Tour). Il passista francese Guy Lapébie (anch'egli all'unico podio della carriera nella Grande Boucle) si classificò al terzo posto della graduatoria generale.

TappeModifica

Tappa Data Percorso km Vincitore di tappa Leader cl. generale
30 giugno Parigi > Trouville-sur-Mer 237   Gino Bartali   Gino Bartali
1º luglio Trouville-sur-Mer > Dinard 259   Vincenzo Rossello   Jan Engels
2 luglio Dinard > Nantes 251   Guy Lapébie   Louison Bobet
3 luglio Nantes > La Rochelle 166   Jacques Pras   Roger Lambrecht
4 luglio La Rochelle > Bordeaux 262   Raoul Rémy   Roger Lambrecht
5 luglio Bordeaux > Biarritz 244   Louison Bobet   Louison Bobet
6 luglio giorno di riposo
7 luglio Biarritz > Lourdes 219   Gino Bartali   Louison Bobet
8 luglio Lourdes > Tolosa 261   Gino Bartali   Louison Bobet
9 luglio giorno di riposo
10 luglio Tolosa > Montpellier 246   Raymond Impanis   Louison Bobet
10ª 11 luglio Montpellier > Marsiglia 248   Raymond Impanis   Louison Bobet
11ª 12 luglio Marsiglia > Sanremo (ITA) 245   Gino Sciardis   Louison Bobet
12ª 13 luglio Sanremo (ITA) > Cannes 170   Louison Bobet   Louison Bobet
14 luglio giorno di riposo
13ª 15 luglio Cannes > Briançon 274   Gino Bartali   Louison Bobet
14ª 16 luglio Briançon > Aix-les-Bains 263   Gino Bartali   Gino Bartali
17 luglio giorno di riposo
15ª 18 luglio Aix-les-Bains > Losanna (CHE) 256   Gino Bartali   Gino Bartali
16ª 19 luglio Losanna (CHE) > Mulhouse 243   Edward Van Dijck   Gino Bartali
20 luglio giorno di riposo
17ª 21 luglio Mulhouse > Strasburgo (cron. individuale) 120   Roger Lambrecht   Gino Bartali
18ª 22 luglio Strasburgo > Metz 195   Giovanni Corrieri   Gino Bartali
19ª 23 luglio Metz > Liegi (BEL) 249   Gino Bartali   Gino Bartali
20ª 24 luglio Liegi (BEL) > Roubaix 228   Bernard Gauthier   Gino Bartali
21ª 25 luglio Roubaix > Parigi 286   Giovanni Corrieri   Gino Bartali
Totale 4 922

Squadre e corridori partecipantiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Partecipanti al Tour de France 1948.
N. Cod.[3] Squadra
1-10 BEL   Belgio
11-20 NLD/LUX   Paesi Bassi/  Lussemburgo
21-30 INT Internazionali
31-40 ITA   Italia
41-50 FRA   Francia
51-60 AIG   Aiglons Belges
N. Cod.[3] Squadra
61-70 CAD   Cadetti italiani
71-80 CSO   Centro-Sud Ovest
81-90 SOV   Île-de-France Nord-Est
91-100 OVE   Ovest
101-110 PAR   Parigi
111-120 SES   Sud Est

Resoconto degli eventiModifica

La Grande Boucle partì da Parigi dirigendosi verso ovest, per poi far ritorno nella capitale da est. In questo Tour, che sconfinò in tre stati (Belgio, Svizzera e Italia), i partenti furono 120 e a Parigi arrivarono 44 corridori. Le squadre, nazionali e regionali francesi, furono 12, sempre da 10 partecipanti ciascuno: sei francesi, due belghe, due italiane, una mista Olanda/Lussemburgo e una squadra internazionale che comprendeva belgi, italiani, svizzeri e il polacco Edouard Klabinski.

La corsa fu vinta da Gino Bartali dopo un'impresa che rimase nella storia del ciclismo. Il campione toscano a metà Tour aveva accumulato 21 minuti di ritardo dal leader della corsa Louison Bobet che, nonostante le vittorie di tappa di Bartali, si era difeso sui Pirenei, tanto che molti giornalisti italiani a seguito della Grande Boucle se ne erano andati anzitempo, dando Bartali per spacciato.

Nel corso della prima tappa alpina, la tredicesima da Cannes a Briançon, Bartali sui primi due colli, Allos e Vars, controllò gli attacchi di Lazarides, Impanis e Robic, poi sul Colle dell'Izoard sferrò il suo attacco alla maglia gialla. Robic fu l'ultimo a cedere al toscano, mentre Bobet perse svariati minuti. La maglia gialla restò sulle spalle del francese per circa un minuto soltanto, ma Bartali nella tappa successiva, da Briançon ad Aix-les-Bains, con le scalate del Galibier, della Croix de Fer, del Portet, del Coucheron e del Granier, vinse nuovamente e conquistò la leadership, difendendola sino a Parigi.

La vittoria al Tour divenne famosa anche per le vicende politiche a essa legate: In Italia si viveva in quei giorni una situazione tesa dopo l'attentato a Palmiro Togliatti, al punto che il Presidente del Consiglio Alcide De Gasperi telefonò a Bartali, suo amico ed estimatore, la sera prima della quattordicesima tappa, per chiedere esplicitamente al campione toscano di vincere la tappa alpina del giorno seguente, come aveva vinto la medesima tappa, ma ben 10 anni prima, nel tentativo di rovesciare la classifica generale. La sera a Cannes, mentre i giornalisti italiani preparavano già il rientro in Italia dando per scontato l'imminente guerra civile, il suo divario era 21 minuti dalla maglia gialla Louison Bobet.[senza fonte] L'indomani, con il ritardo ridotto a un solo minuto, Vittorio Pozzo seguì Bartali e sull'Izoard gli gridò la famosa frase "Sei Immortale".[senza fonte] La vittoria della tappa sancì il definitivo trionfo al Tour dieci anni dopo l'ultima vittoria, record tutto'ora ineguagliato. Il trionfo di Bartali contribuì a rasserenare il clima di tensione nel Paese, essendo il ciclismo lo sport più popolare in Italia.

Bartali fu anche il corridore che vinse il maggior numero di tappe in questa edizione: sette su ventuno. Il toscano fu maglia gialla al termine di nove delle ventuno tappe previste: fu leader della classifica generale al termine della prima frazione e, poi, alla fine delle ultime otto. Inoltre si aggiudicò la maglia a pois di miglior scalatore.

Gino Bartali fu il nono corridore della storia del Tour de France ad imporsi in almeno due edizioni, dopo Lucien Petit-Breton, Philippe Thys (fino a quel momento unico ad imporsi in tre edizioni), Firmin Lambot, Ottavio Bottecchia, Nicolas Frantz, André Leducq, Antonin Magne e Sylvère Maes. Come Lambot, Leducq, Magne e Maes, e a differenza degli altri, Bartali non vinse queste due edizioni consecutivamente. Tornerà una terza ed ultima volta al podio della corsa a tappe francese nell'edizione successiva (1949), stavolta non come vincitore, ma come secondo classificato dietro il rivale e connazionale Fausto Coppi.

Per il secondo classificato Briek Schotte, che arrivò sempre a Parigi nelle sue quattro partecipazioni alla Grande Boucle, si trattò dell'unica volta in cui arrivò nella top-ten della classifica generale. Il terzo della classifica generale, Guy Lapébie, arrivò sul podio alla prima partecipazione al Tour, e nell'unica volta in cui arrivò a Parigi (avendo concluso anzitempo le edizioni 1949 e 1952).

Classifiche finaliModifica

Classifica generale - Maglia giallaModifica

Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Gino Bartali Italia 147h10'36"
2   Brik Schotte Belgio a 26'16"
3   Guy Lapébie Centro-SO a 28'48"
4   Louis Bobet Francia a 32'59"
5   Jean Kirchen Lussemburgo a 37'53"
6   Lucien Teisseire Francia a 40'17"
7   Roger Lambrecht Internazionali a 49'56"
8   Fermo Camellini Internazionali a 51'36"
9   Louis Thiétard Parigi a 55'23"
10   Raymond Impanis Belgio a 1h00'03"

Classifica scalatoriModifica

Pos. Corridore Squadra Punti
1   Gino Bartali Italia 62
2   Apo Lazaridès Francia 43
3   Jean Robic Francia 38

NoteModifica

  1. ^ (EN) Barry Boyce, Gino “the Pious”, an Inspirational Win, in cyclingrevealed.com.
  2. ^ McConnon Ali e Andres (2013), La strada del coraggio, 66thand2nd, ISBN 978-88-96538-55-5, capitoli 12-13
  3. ^ a b Codici non ufficiali

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE7531057-0
  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo