Apri il menu principale

Tour de France 2003

Edizione numero 090 della corsa ciclistica a tappe francese
Francia Tour de France 2003
Tour-de-France-2003.png
Il percorso
Edizione90ª
Data5 luglio - 27 luglio
PartenzaParigi
ArrivoParigi
Percorso3 427,5 km, prol. + 20 tappe
Tempo83h41'12"
Media40,940 km/h
Classifica finale
PrimoStati Uniti Lance Armstrong[1]
SecondoGermania Jan Ullrich
TerzoKazakistan Aleksandr Vinokurov
Classifiche minori
PuntiAustralia Baden Cooke
MontagnaFrancia Richard Virenque
GiovaniRussia Denis Men'šov
SquadreDanimarca Team CSC
CombattivitàKazakistan Aleksandr Vinokurov
Cronologia
Edizione precedenteEdizione successiva
Tour de France 2002Tour de France 2004

Il Tour de France 2003, novantesima edizione della corsa e Tour del centenario, prese il via il 5 luglio da Parigi e si concluse il 27 luglio con la classica passerella sugli Champs-Élysées, sempre a Parigi.

Si tratta della quinta di sette edizioni consecutive del Tour senza vincitore, a causa della squalifica, sancita successivamente nel tempo una volta emerso lo scandalo doping che lo coinvolse, dello statunitense Lance Armstrong.

Il 23 agosto 2005, una inchiesta del giornale sportivo L'Équipe, accompagnata dall'analisi di un campione di urina, ha dimostrato che Lance Armstrong risultò positivo all'eritropoietina (EPO) durante il Tour del 1999.[2]

Il 22 ottobre 2012 l'UCI riconobbe la sanzione imposta dall'USADA a Lance Armstrong, accusato di aver utilizzato sostanze dopanti durante la sua permanenza alla US Postal Service, e confermò di fatto la cancellazione delle sue sette vittorie al Tour de France.[3] Il 26 ottobre la stessa UCI ufficializzò la decisione di non attribuire ad altri corridori le vittorie ottenute dallo statunitense e di non modificare i piazzamenti degli altri ciclisti.[4]

Tale decisione, seppure tardiva, simboleggiò una sorta di ripudio da parte del Tour a quel difficile periodo.

Lance Armstrong aveva a lungo negato il sistematico utilizzo di pratiche dopanti nei suoi team; ma poi, messo con le spalle al muro anche dalle confessioni (spontanee presso la Usada, in interviste agli organi di stampa o in autobiografie) di alcuni dei suoi vecchi compagni di squadra, soltanto il 17 gennaio 2013, durante un'intervista con Oprah Winfrey, egli ammise per la prima volta di aver alterato illegalmente le proprie prestazioni sportive, sia durante il periodo in cui vinse i suoi sette Tour de France, sia durante il periodo precedente al cancro.[5]

Al secondo posto della graduatoria generale del Tour de France 2003 si classificò nuovamente il passista-cronoman tedesco Jan Ullrich (al sesto podio su sei partecipazioni nella Grande Boucle, dopo altri quattro secondi posti ed il trionfo nella edizione del 1997).

Nella terza posizione della classifica generale si piazzò il finisseur kazako Aleksandr Vinokurov (per la prima ed unica volta in carriera salito sul podio dei Campi Elisi).

PercorsoModifica

Il percorso del Tour de France 2003 prevedeva 20 tappe più un prologo iniziale, per un totale di 3 427,5 km intervallati da due giornate di trasferimento, il 16 luglio e il 22 luglio. Il paese veniva attraversato in senso orario: sette erano le tappe di montagna, tre sulle Alpi e quattro sui Pirenei, mentre dieci quelle pianeggianti. Le prove a cronometro erano in tutto quattro, tre individuali (il prologo, la 12ª e la 19ª frazione) e una a squadre, nella quarta frazione.

TappeModifica

Tappa Data Percorso km Vincitore di tappa Leader cl. generale
prol. 5 luglio Parigi > Parigi (cron. individuale) 6,5   Bradley McGee   Bradley McGee
6 luglio Saint-Denis > Meaux 168   Alessandro Petacchi   Bradley McGee
7 luglio La Ferté-sous-Jouarre > Sedan 204,5   Baden Cooke   Bradley McGee
8 luglio Charleville-Mézières > Saint-Dizier 167,5   Alessandro Petacchi   Jean-Patrick Nazon
9 luglio Joinville > Saint-Dizier (cron. a squadre) 69   US Postal Service p/b Berry Floor   Víctor Hugo Peña
10 luglio Troyes > Nevers 196,5   Alessandro Petacchi   Víctor Hugo Peña
11 luglio Nevers > Lione 230   Alessandro Petacchi   Víctor Hugo Peña
12 luglio Lione > Morzine 230,5   Richard Virenque   Richard Virenque
13 luglio Sallanches > Alpe d'Huez 219   Iban Mayo   Lance Armstrong[1]
14 luglio Le Bourg-d'Oisans > Gap 184,5   Aleksandr Vinokurov   Lance Armstrong[1]
10ª 15 luglio Gap > Marsiglia 219,5   Jakob Piil   Lance Armstrong[1]
16 luglio giorno di riposo
11ª 17 luglio Narbona > Tolosa 153,5   Juan Antonio Flecha   Lance Armstrong[1]
12ª 18 luglio Gaillac > Cap'Découverte (cron. individuale) 47   Jan Ullrich   Lance Armstrong[1]
13ª 19 luglio Tolosa > Ax 3 Domaines 197,5   Carlos Sastre   Lance Armstrong[1]
14ª 20 luglio Saint-Girons > Loudenvielle 191,5   Gilberto Simoni   Lance Armstrong[1]
15ª 21 luglio Bagnères-de-Bigorre > Luz-Ardiden 159,5   Lance Armstrong[1]   Lance Armstrong[1]
22 luglio giorno di riposo
16ª 23 luglio Pau > Bayonne 197,5   Tyler Hamilton   Lance Armstrong[1]
17ª 24 luglio Dax > Bordeaux 181   Servais Knaven   Lance Armstrong[1]
18ª 25 luglio Bordeaux > Saint-Maixent-l'École 203,5   Pablo Lastras   Lance Armstrong[1]
19ª 26 luglio Pornic > Nantes (cron. individuale) 49   David Millar   Lance Armstrong[1]
20ª 27 luglio Ville-d'Avray > Parigi 152   Jean-Patrick Nazon   Lance Armstrong[1]
Totale 3 427,5

Squadre e corridori partecipantiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Partecipanti al Tour de France 2003.
N. Cod. Squadra
1-9 USP   US Postal Service
11-19 ONC   ONCE-Eroski
21-29 TEL   Team Telekom
31-39 BAN   iBanesto.com
41-49 RAB   Rabobank
51-59 SAE   Saeco
61-69 COF   Cofidis
71-79 CSC   Team CSC
81-89 FAS   Fassa Bortolo
91-99 FDJ   fdjeux.com
101-109 KEL   Kelme-Costa Blanca
N. Cod. Squadra
111-119 QSD   Quick Step-Davitamon
121-129 C.A   Crédit Agricole
131-139 TBI   Team Bianchi
141-149 LOT   Lotto-Domo
151-159 A2R   AG2R Prévoyance
161-169 VIN   Vini Caldirola-So.Di.
171-179 EUS   Euskaltel-Euskadi
181-189 BLB   Brioches La Boulangère
191-199 GST   Gerolsteiner
201-209 ALS   Alessio
211-219 DEL   Jean Delatour

Resoconto degli eventiModifica

Al Tour de France 2003 parteciparono 198 corridori. Di questi 147 arrivarono al traguado finale di Parigi; dopo l'esclusione di Lance Armstrong ne rimangono classificati 146. Le squadre partecipanti erano 6 francesi, 4 italiane, 4 spagnole, 3 tedesche, 2 belghe, 1 olandese, 1 danese, 1 statunitense. I corridori partecipanti erano 43 spagnoli, 39 francesi, 35 italiani, 18 tedeschi, 8 belgi, 7 australiani, 7 olandesi, 6 statunitensi, 5 russi, 4 svizzeri, 4 danesi, 3 austriaci, 3 colombiani, 2 ucraini, 2 cechi, 1 croato, 1 sudafricano, 1 britannico, 1 norvegese, 1 estone, 1 svedese, 1 sloveno, 1 lettone, 1 portoghese, 1 kazako, 1 venezuelano, 1 ungherese.

La corsa fu molto combattuta. Il tedesco Jan Ullrich batté infatti Armstrong nella prima gara a cronometro e la battaglia fra i due si fece serrata sulle montagne; a essi si aggiunse Aleksandr Vinokurov, che grazie ad attacchi spettacolari rimase sempre vicino alla testa della corsa (sino a Luz-Ardiden, dove fu costretto a cedere).

Dopo le tappe pianeggianti, quattro delle quali vinte in volata da Alessandro Petacchi, la prima tappa di montagna, con arrivo a Morzine, fu appannaggio di Richard Virenque, che fece sua anche la maglia gialla. Il giorno dopo, sull'Alpe d'Huez, andò a vincere lo spagnolo Iban Mayo (il quale concluse la corsa al sesto posto) mentre il simbolo del primato passò sulle spalle di Armstrong, che da lì in poi non lo perse più.

Il giorno dopo, nella tappa di Gap, lo spagnolo Joseba Beloki, fino ad allora secondo nella generale a 40" dalla testa, dovette abbandonare la corsa in seguito alla frattura del femore, rimediata in una rovinosa caduta in discesa; nella stessa azione rischiò anche di coinvolgere Armstrong, che si vide costretto a uscire di strada e a percorrere un breve tratto in un campo.

Ullrich, dopo aver vinto la cronometro di Cap'Découverte, attaccò sul Tourmalet nella tappa di Luz-Ardiden, non riuscendo però a staccare Armstrong. Nell'ultima salita della medesima frazione lo statunitense cadde a terra dopo aver impattato contro il sacchetto giallo del rifornimento sventolato da un giovane spettatore; il gruppo di testa, fermato da Hamilton, attese che rientrasse: Armstrong quindi contrattaccò e andò a vincere la frazione.

Lo statunitense Tyler Hamilton vinse la tappa di Bayonne dopo una lunga fuga solitaria, riuscendo a lottare con gli altri big pur avendo riportato la frattura di una clavicola in una delle prime tappe e finendo poi al quarto posto in classifica generale. Nell'ultima decisiva cronometro, vinta da David Millar, Armstrong amministrò il vantaggio di 1'05" su Ullrich, che invece cadde perdendo diversi secondi. Il tedesco chiuse al secondo posto in classifica generale per la quinta volta al Tour.

Dopodiché, dal 2005 al 2012, si succedettero nella maniera sopra citata le decisioni che corressero la classifica di questa edizione del Tour de France.

Evoluzione delle classificheModifica

Classifiche finaliModifica

Classifica generale - Maglia giallaModifica

Pos. Corridore Squadra Tempo
SQ[6]   Lance Armstrong[1] US Postal 83h41'12"
2   Jan Ullrich Team Bianchi a 1'01"
3   Aleksandr Vinokurov Team Telekom a 4'14"
4   Tyler Hamilton Team CSC a 6'17"
5   Haimar Zubeldia Euskaltel a 6'51"
6   Iban Mayo Euskaltel a 7'06"
7   Ivan Basso Fassa Bortolo a 10'12"
8   Christophe Moreau Crédit Agricole a 12'28"
9   Carlos Sastre Team CSC a 18'49"
10   Francisco Mancebo iBanesto.com a 19'15"

Classifica a punti - Maglia verdeModifica

Pos. Corridore Squadra Punti
1   Baden Cooke fdjeux.com 216
2   Robbie McEwen Lotto-Domo 214
3   Erik Zabel Team Telekom 188
4   Thor Hushovd Crédit Agricole 173
5   Luca Paolini Quick Step 156

Classifica scalatori - Maglia a poisModifica

Pos. Corridore Squadra Punti
1   Richard Virenque Quick Step 324
2   Laurent Dufaux Alessio 187
SQ[6]   Lance Armstrong[1] US Postal 168
4   Christophe Moreau Crédit Agricole 137
5   Juan Miguel Mercado iBanesto.com 136

Classifica giovani - Maglia biancaModifica

Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Denis Men'šov iBanesto.com 84h00'56"
2   Mikel Astarloza AG2R Prév. a 42'29"
3   Juan Miguel Mercado iBanesto.com a 1h02'48"
4   Sylvain Chavanel La Boulangère a 1h05'17"
5   Andy Flickinger AG2R Prév. a 1h09'09"

Classifica a squadre - Numero gialloModifica

Pos. Squadra Tempo
1   Team CSC 248h18'18"
2   iBanesto.com a 21'46"
3   Euskaltel-Euskadi a 44'59"
4   US Postal Service p/b Berry Floor a 45'53"
5   Team Bianchi a 1.12'40"

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t Il 22 ottobre 2012 l'UCI riconosce la sanzione imposta dall'USADA a Lance Armstrong, accusato di aver utilizzato sostanze dopanti durante la sua permanenza alla US Postal Service, e conferma di fatto la cancellazione dei suoi piazzamenti e delle vittorie dall'agosto del 1998 fino al termine della carriera. Cfr. (EN) Laura Weislo, USADA's reasoned decision on Lance Armstrong follows the money trail, in Cyclingnews.com, 10 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012. (EN) The UCI recognises USADA decision in Armstrong case, in Uci.ch, 22 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2013). (EN) UCI backs stripping Lance Armstrong of Tour de France wins, in Usatoday.com, 22 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012. Il 26 ottobre la stessa UCI ufficializza la decisione di non attribuire ad altri corridori le vittorie ottenute dallo statunitense e nemmeno di modificare i piazzamenti degli altri corridori. Cfr. (EN) Press release: UCI takes decisive action in wake of Lance Armstrong affair, in Uci.ch, 26 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2012).
  2. ^ http://www.lequipe.fr/Cyclisme/DOPAGE_ARMSTRONG_2.html Archiviato il 6 settembre 2012 in Internet Archive.
  3. ^ (EN) Laura Weislo, USADA's reasoned decision on Lance Armstrong follows the money trail, in Cyclingnews.com, 10 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012. (EN) The UCI recognises USADA decision in Armstrong case, in Uci.ch, 22 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 18 marzo 2013). (EN) UCI backs stripping Lance Armstrong of Tour de France wins, in Usatoday.com, 22 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  4. ^ (EN) Press release: UCI takes decisive action in wake of Lance Armstrong affair, in Uci.ch, 26 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2012).
  5. ^ Massimo Lopes Pegna, Armstrong: "Doping in tutti i 7 Tour vinti. Era come riempire le borracce", in La Gazzetta dello Sport, 18 gennaio 2013. URL consultato il 18 gennaio 2013.
  6. ^ a b Il 26 ottobre 2012 l'UCI, preso atto dei risultati dell'inchiesta della USADA relativa all'uso di sostanze dopanti da parte di Armstrong e di diversi altri ciclisti, stabilì la non alterabilità di tutte le classifiche generali, così come delle vittorie di tappa, relative a tutti gli eventi sportivi inerenti al periodo 1998-2005. La stessa UCI dispose quindi la non riassegnazione di tutte le vittorie o dei piazzamenti conseguiti dagli atleti squalificati per doping nel periodo sopra menzionato. Cfr. (EN) Brian Homewood, No winner for 1999-2005 Tours, says UCI, in Reuters.com, 26 ottobre 2012. URL consultato il 17 giugno 2015. (EN) UCI to leave Tour de France winner list blank from 1999-2005, in Ctvnews.ca, 26 ottobre 2012. URL consultato il 17 giugno 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN243898616 · GND (DE7576639-5 · WorldCat Identities (EN243898616
  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo