Apri il menu principale

Tour de France 2006

Edizione numero 093 della corsa ciclistica a tappe francese
Francia Tour de France 2006
Tour de France 2006.png
Il percorso
Edizione93ª
Data1º luglio - 23 luglio
PartenzaStrasburgo
ArrivoParigi
Percorso3 657,1 km, 20 tappe
Tempo89h40'27"
Valida perUCI ProTour 2006
Classifica finale
PrimoSpagna Óscar Pereiro
SecondoGermania Andreas Klöden
TerzoSpagna Carlos Sastre
Classifiche minori
PuntiAustralia Robbie McEwen
MontagnaDanimarca Michael Rasmussen
GiovaniItalia Damiano Cunego
SquadreGermania T-Mobile Team
CombattivitàSpagna David de la Fuente
Cronologia
Edizione precedenteEdizione successiva
Tour de France 2005Tour de France 2007
Le contestazioni dei tifosi

Il Tour de France 2006, novantatreesima edizione della corsa, si svolse in 20 tappe precedute da un cronoprologo iniziale dal 1º al 23 luglio 2006 ed affrontò un percorso totale di 3 657,1 km.

La corsa venne vinta per la prima ed unica volta dal passista-scalatore spagnolo Óscar Pereiro, dopo la squalifica per doping del passista statunitense Floyd Landis, vittorioso soltanto in un primo tempo.

La vittoria venne assegnata a Pereiro poco più di un anno dopo la conclusione di questa edizione del Tour, proprio per le vicende burocratico-giudiziarie successive alla vicenda doping che inchiodò Landis. La vittoria di Floyd Landis venne infatti revocata a causa della positività al testosterone ad un controllo antidoping del ciclista statunitense. Landis venne quindi squalificato; gli vennero annullate le vittorie di tappa e quella finale, cancellando di fatto la sua presenza alla corsa.[1]

Nel gennaio 2007 anche Pereiro venne trovato positivo ad una sostanza dopante (utilizzata per curare l'asma), ma l'UCI gli fornì un permesso retroattivo per motivi di salute. Oltre un anno dopo gli venne ufficialmente assegnata la vittoria del Tour.

A posteriori, quindi, non considerando la presenza di Landis al Tour 2006, Pereiro fu leader della classifica generale di tale edizione nelle ultime otto delle venti frazioni previste. Si trattò della nona edizione della corsa a tappe francese nella quale, a vincere, fu un ciclista spagnolo, esattamente undici anni dopo l'ultima affermazione iberica con Miguel Indurain.

Pereiro (al primo ed unico podio della carriera nei Campi Elisi) concluse vittorioso la Grande Boucle in 89h40'27".

Al secondo posto della classifica generale si piazzò il passista-cronoman tedesco Andreas Klöden (al secondo e ultimo podio al Tour in qualità di secondo classificato, stessa posizione da lui colta nell'edizione del 2004). Klöden fu preceduto di soli 32 secondi da Pereiro, e tale distacco, all'epoca, risultò il secondo minore tra il vincitore e il secondo classificato nella storia del Tour (dopo quello verificatosi nel finale-thrilling del Tour 1989). Tuttavia, già nell'edizione seguente del 2007, si riscontrerà un distacco ancora minore (di ventitré secondi) tra i primi due posizionati della graduatoria generale.

Al terzo posto della graduatoria generale si piazzò un altro spagnolo, lo scalatore Carlos Sastre (per la prima volta sul podio della classifica generale del Tour).

Quattro furono i corridori ad aggiudicarsi il maggior numero di frazioni (due ciascuno) sulle venti previste (considerando anche il cronoprologo in questo còmputo totale): Thor Hushovd, Robbie McEwen, Óscar Freire e Serhij Hončar.

Il vincitore del Tour Pereiro non si aggiudicò alcuna frazione.

Indice

TappeModifica

Tappa Data Percorso km Vincitore di tappa Leader cl. generale
Prol. 1º luglio Strasburgo > Strasburgo (cron. individuale) 7,1   Thor Hushovd   Thor Hushovd
2 luglio Strasburgo > Strasburgo 184,5   Jimmy Casper   George Hincapie
3 luglio Obernai > Esch-sur-Alzette (LUX) 228,5   Robbie McEwen   Thor Hushovd
4 luglio Esch-sur-Alzette (LUX) > Valkenburg (NLD) 216,5   Matthias Kessler   Tom Boonen
5 luglio Huy (BEL) > Saint-Quentin 207   Robbie McEwen   Tom Boonen
6 luglio Beauvais > Caen 225   Óscar Freire   Tom Boonen
7 luglio Lisieux > Vitré 189   Robbie McEwen   Tom Boonen
8 luglio Saint-Grégoire > Rennes (cron. individuale) 52   Serhij Hončar   Serhij Hončar
9 luglio Saint-Méen-le-Grand > Lorient 181   Sylvain Calzati   Serhij Hončar
10 luglio giorno di riposo
11 luglio Bordeaux > Dax 181   Óscar Freire   Serhij Hončar
10ª 12 luglio Cambo-les-Bains > Pau 190,5   Juan Miguel Mercado   Cyril Dessel
11ª 13 luglio Tarbes > Val d'Aran-Pla-de-Beret (ESP) 206,5   Denis Men'šov   Floyd Landis[1]
  Cyril Dessel
12ª 14 luglio Luchon > Carcassonne 211,5   Jaroslav Popovyč   Floyd Landis[1]
  Cyril Dessel
13ª 15 luglio Béziers > Montélimar 230   Jens Voigt   Óscar Pereiro
14ª 16 luglio Montélimar > Gap 180,5   Pierrick Fédrigo   Óscar Pereiro
17 luglio giorno di riposo
15ª 18 luglio Gap > Alpe d'Huez 187   Fränk Schleck   Floyd Landis[1]
  Óscar Pereiro
16ª 19 luglio Bourg-d'Oisans > La Toussuire 182   Michael Rasmussen   Óscar Pereiro
17ª 20 luglio Saint-Jean-de-Maurienne > Morzine 200,5   Floyd Landis[1]
  Carlos Sastre
  Óscar Pereiro
18ª 21 luglio Morzine > Mâcon 197   Matteo Tosatto   Óscar Pereiro
19ª 22 luglio Le Creusot > Montceau-les-Mines (cron. individuale) 57   Serhij Hončar   Floyd Landis[1]
  Óscar Pereiro
20ª 23 luglio Antony-Parc de Sceaux > Parigi Champs-Élysées 152   Thor Hushovd   Floyd Landis[1]
  Óscar Pereiro
Totale 3 657,1

Squadre e corridori partecipantiModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Partecipanti al Tour de France 2006.

Vi presero parte 20 squadre. I corridori iscritti erano 180: i partecipanti effettivi furono però 176, perché quattro (Ivan Basso, Jan Ullrich, Oscar Sevilla, Francisco Mancebo) furono bloccati immediatamente prima del via, e non poterono essere sostituiti. Dei corridori effettivamente partecipanti, 139 arrivarono al traguardo finale di Parigi: dopo l'esclusione successiva di Floyd Landis, ora ne sono classificati 138. Le squadre partecipanti erano 6 francesi, 3 italiane, 3 spagnole, 2 belghe, 2 tedesche, 1 olandese, 1 svizzera, 1 danese, 1 statunitense.

N. Cod. Squadra
1-9 DSC   Discovery Channel
11-19 CSC   Team CSC
21-29 TMO   T-Mobile Team
31-39 A2R   AG2R Prévoyance
41-49 GST   Gerolsteiner
51-59 RAB   Rabobank
61-69 DVL   Davitamon-Lotto
71-79 PHO   Phonak Hearing Systems
81-89 LAM   Lampre-Fondital
91-99 CEI   Caisse d'Epargne-Illes Balears
N. Cod. Squadra
101-109 QSI   Quick Step-Innergetic
111-119 C.A   Crédit Agricole
121-129 EUS   Euskaltel-Euskadi
131-139 COF   Cofidis, Credit par Telephone
141-149 SDV   Saunier Duval-Prodir
151-159 FDJ   Française des Jeux
161-169 LIQ   Liquigas
171-179 BTL   Bouygues Télécom
181-189 MRM   Team Milram
191-199 AGR   Agritubel

Resoconto degli eventiModifica

Alla vigilia, a seguito dello scandalo doping spagnolo, l'Operación Puerto, nato intorno ad intercettazioni telefoniche, vennero esclusi dalla corsa due dei favoriti, Ivan Basso del Team CSC e Jan Ullrich della T-Mobile. Altri ciclisti esclusi furono Francisco Mancebo dell'AG2R Prévoyance, Óscar Sevilla della T-Mobile e cinque atleti dell'Astana-Würth, ex Liberty Seguros, ovvero Sérgio Paulinho, Isidro Nozal, Allan Davis, Alberto Contador e Joseba Beloki.[2] Come diretta conseguenza l'Astana-Würth non poté prendere il via per mancanza del numero sufficiente di atleti, solo quattro tra cui un altro dei favoriti, Aleksandr Vinokurov.[3]

Dettagli delle tappeModifica

Modifica

 
Il norvegese Thor Hushovd in azione
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Thor Hushovd Crédit Agricole 8'17"
2   George Hincapie Discovery Ch. a 0"73
3   David Zabriskie Team CSC a 4"122
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Thor Hushovd Crédit Agricole 8'17"
2   George Hincapie Discovery Ch. s.t.
3   David Zabriskie Team CSC a 4"
Descrizione e riassunto

Il Tour parte da Strasburgo con un classico cronoprologo che viene vinto dal norvegese Thor Hushovd, in genere ottimo velocista. Tra i ciclisti che partono con ambizioni di classifica, vanno molto forte lo statunitense George Hincapie (beffato dal vincitore per circa sette decimi di secondo) e lo spagnolo Alejandro Valverde; abbastanza guardinghi tutti gli altri, a cominciare dall'esordiente (in terra francese) Damiano Cunego.

1ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Jimmy Casper Cofidis 4h10'00"
2   Robbie McEwen Davitamon s.t.
3   Erik Zabel Team Milram s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   George Hincapie Discovery Ch. 4h18'15"
2   Thor Hushovd Crédit Agricole a 2"
3   David Zabriskie Team CSC a 6"
Descrizione e riassunto

Una volata decide la seconda tappa: a 6 km dall'arrivo la fuga di sette uomini viene ripresa, a meno 500 parte la volata, Tom Boonen si trova al vento e Jimmy Casper precede tutti, da Robbie McEwen a Erik Zabel da Daniele Bennati a Luca Paolini. La maglia gialla, grazie agli abbuoni dei traguardi volanti, va a George Hincapie.

2ª tappaModifica

 
L'australiano Robbie McEwen
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Robbie McEwen Davitamon 5h36'14"
2   Tom Boonen Quick Step s.t.
3   Thor Hushovd Crédit Agricole s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Thor Hushovd Crédit Agricole 9h54'19"
2   Tom Boonen Quick Step a 5"
3   Robbie McEwen Davitamon a 8"
Descrizione e riassunto

Tappa caratterizzata dalla fuga di spagnoli, Aitor Hernández e David de la Fuente. Nel finale Matthias Kessler prova un attacco da finisseur ma viene ripreso dal gruppo all'ultimo chilometro. Robbie McEwen vince in volata. La maglia torna a Thor Hushovd.

3ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Matthias Kessler T-Mobile Team 4h57'54"
2   Michael Rogers T-Mobile Team a 5"
3   Daniele Bennati Lampre s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Tom Boonen Quick Step 14h52'23"
2   Michael Rogers T-Mobile Team a 1"
3   George Hincapie Discovery Ch. a 5"
Descrizione e riassunto

Vince Matthias Kessler, che aveva tentato il colpaccio già il giorno precedente, ma era stato ripreso a 200 metri dall'arrivo. In questa tappa dà invece la stoccata vincente sul Cauberg, asperità che precede di due km il traguardo. Quest'ultimo strappo viene aggredito a gran velocità dal gruppo, che viene però bruciato dallo scatto di Kessler, che se ne va al traguardo. La maglia gialla va Tom Boonen.

4ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Robbie McEwen Davitamon 4h59'50"
2   Isaac Gálvez C. d'Epargne s.t.
3   Óscar Freire Rabobank s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Tom Boonen Quick Step 19h52'13"
2   Michael Rogers T-Mobile Team a 1"
3   George Hincapie Discovery Ch. a 5"
Descrizione e riassunto

Frazione senza grandi emozioni, vinta in maniera relativamente facile da Robbie McEwen in volata. In precedenza c'era stato un tentativo di fuga di cinque atleti (Christophe Mengin, Egoi Martínez, Laurent Lefevre, Bradley Wiggins e Cedric Coutouly). neutralizzato dal gruppo a 2 km dall'arrivo.

5ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Óscar Freire Rabobank 5h18'50"
2   Tom Boonen Quick Step s.t.
3   Iñaki Isasi Euskaltel s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Tom Boonen Quick Step 25h10'52"
2   Michael Rogers T-Mobile Team a 13"
3   Óscar Freire Rabobank a 17"
Descrizione e riassunto

Ancora una volata di gruppo, vinta stavolta in maniera autorevole dallo spagnolo Oscar Freire. Molto generosi i due fuggitivi di giornata, Samuel Dumoulin e Björn Schröder, che collaborano tra di loro dando il massimo venendo però riacciuffati dal grosso del plotone a 3 km dalla meta.

6ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Robbie McEwen Davitamon 4h10'17"
2   Daniele Bennati Lampre s.t.
3   Tom Boonen Quick Step s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Tom Boonen Quick Step 29h21'00"
2   Robbie McEwen Davitamon a 12"
3   Michael Rogers T-Mobile Team a 21"
Descrizione e riassunto

Grazie ad un gregario del calibro di Gert Steegmans, l'australiano Robbie McEwen si aggiudica l'ennesima volata di gruppo, portando a tre le sue vittorie in questo Giro di Francia.

7ª tappaModifica

 
Serhij Hončar
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Serhij Hončar T-Mobile Team 1h01'43"
SQ   Floyd Landis[1] Phonak a 1'01"
2   Sebastian Lang Gerolsteiner a 1'04"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Serhij Hončar T-Mobile Team 30h23'20"
SQ   Floyd Landis[1] Phonak a 1'00"
2   Michael Rogers T-Mobile Team a 1'08"
Descrizione e riassunto

La prima cronometro lunga del Tour viene vinta nettamente dal trentaseienne ucraino Serhij Hončar, che conquista anche la maglia gialla. In prospettiva vittoria finale tuttavia il maggior balzo in avanti viene compiuto dallo statunitense Floyd Landis, 2° al traguardo, che distanzia di tanti secondi i suoi diretti rivali per la classifica. Tra i "promossi" della tappa odierna Sebastian Lang (3°) e Markus Fothen (7°), mentre vanno molto male gli statunitensi Levi Leipheimer e George Hincapie e gli italiani Gilberto Simoni e Damiano Cunego.

8ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Sylvain Calzati AG2R Prév. 4h13'18"
2   Kjell Carlström Liquigas a 2'05"
3   Patrice Halgand Crédit Agricole s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Serhij Hončar T-Mobile Team 34h38'53"
SQ   Floyd Landis[1] Phonak a 1'00"
2   Michael Rogers T-Mobile Team a 1'08"
Descrizione e riassunto

Per la prima volta in questo Tour de France va in porto una fuga: è il transalpino Sylvain Calzati a giungere per primo al traguardo, mentre gli altri due contrattaccanti si devono consolare con i gradini più bassi del podio. Il gruppo, capitanato da McEwen, giunge ad oltre due minuti.

9ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Óscar Freire Rabobank 3h35'24"
2   Robbie McEwen Davitamon s.t.
3   Erik Zabel Team Milram s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Serhij Hončar T-Mobile Team 38h14'17"
SQ   Floyd Landis[1] Phonak a 1'00"
2   Michael Rogers T-Mobile Team a 1'08"
Descrizione e riassunto

Nello sprint finale Oscar Freire concede il bis e vince la sua seconda tappa al Tour, la terza della sua carriera. Migliore degli italiani Cristian Moreni 5°: Luca Paolini giunge infatti 8° mentre Daniele Bennati non partecipa alla volata.

10ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Juan Miguel Mercado Agritubel 4h49'10"
2   Cyril Dessel AG2R Prév. s.t.
3   Iñigo Landaluze Euskaltel a 56"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Cyril Dessel AG2R Prév. 43h07'05"
2   Juan Miguel Mercado Agritubel a 2'34"
3   Serhij Hončar T-Mobile Team a 3'45"
Descrizione e riassunto

Con una fuga da lontano lo spagnolo Juan Miguel Mercado dell'Agritubel vince la prima tappa pirenaica del Tour. Il francese Cyril Dessel, anch'egli in fuga, va a vestire la maglia gialla.

11ª tappaModifica

 
Il francese Cyril Dessel in maglia gialla alla firma
Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Denis Men'šov Rabobank 6h06'25"
SQ   Levi Leipheimer[4] Gerolsteiner s.t.
SQ   Floyd Landis[1] Phonak s.t.
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
SQ   Floyd Landis[1] Phonak 49h18'07"
1   Cyril Dessel AG2R Prév. 49h18'15"
2   Denis Men'šov Rabobank a 53"
Descrizione e riassunto

È il russo Denis Men'šov ad accendere il Tour nel tappone pirenaico, vincendo allo sprint davanti a allo statunitense Levi Leipheimer della Gerolsteiner. La maglia gialla va allo statunitense Floyd Landis della Phonak.

12ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Jaroslav Popovyč Discovery Ch. 4h34'58"
2   Alessandro Ballan Lampre a 27"
3   Óscar Freire Rabobank a 29"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
SQ   Floyd Landis[1] Phonak 53h57'30"
1   Cyril Dessel AG2R Prév. 53h57'38"
2   Denis Men'šov Rabobank a 53"
Descrizione e riassunto

Yaroslav Popovych, ucraino della Discovery Channel vince dopo aver staccato a tre chilometri dal traguardo i compagni di fuga, l'italiano Alessandro Ballan e lo spagnolo Óscar Freire. In giallo resta lo statunitense Floyd Landis della Phonak.

13ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Jens Voigt Team CSC 5h24'36"
2   Óscar Pereiro C. d'Epargne s.t.
3   Sylvain Chavanel Cofidis a 40"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Óscar Pereiro C. d'Epargne 59h50'34"
SQ   Floyd Landis[1] Phonak a 1'29"
2   Cyril Dessel AG2R Prév. a 1'37"
Descrizione e riassunto

Dopo una lunga fuga a cinque Jens Voigt, tedesco della CSC, batte allo sprint lo spagnolo Óscar Pereiro, che però sfila la maglia gialla a Floyd Landis. Il gruppo arriva a 29'57" dal vincitore di tappa: prima della tappa Pereiro si trovava a ben 28' da Landis, che inaspettatamente non ha fatto tirare la squadra permettendo allo spagnolo di recuperare l'abissale svantaggio.

14ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Pierrick Fédrigo Bouygues Tél. 4h14'23"
2   Salvatore Commesso Lampre s.t.
3   Christian Vande Velde Team CSC a 3"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Óscar Pereiro C. d'Epargne 64h05'04"
SQ   Floyd Landis[1] Phonak a 1'29"
2   Cyril Dessel AG2R Prév. a 1'37"
Descrizione e riassunto

È il francese Pierrick Fédrigo della Bouygues Télécom ad aggiudicarsi questa tappa, battendo in uno sprint a due il napoletano Salvatore Commesso della Lampre-Fondital dopo una fuga a sei.

15ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Fränk Schleck Team CSC 4h52'22"
2   Damiano Cunego Lampre a 11"
3   Stefano Garzelli Liquigas a 1'10"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
SQ   Floyd Landis[1] Phonak 69h00'05"
1   Óscar Pereiro C. d'Epargne 69h00'15"
2   Cyril Dessel AG2R Prév. a 1'52"
Descrizione e riassunto

È il lussemburghese Fränk Schleck a "spianare" l'Alpe d'Huez e ad aggiudicarsi la vittoria nella tappa. Damiano Cunego della Lampre-Fondital va in fuga intorno al 30° chilometro. Landis riprende la maglia gialla.

16ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Michael Rasmussen Rabobank 5h36'04"
2   Carlos Sastre Team CSC a 1'41"
3   Óscar Pereiro C. d'Epargne a 1'54"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Óscar Pereiro C. d'Epargne 74h38'05"
2   Carlos Sastre Team CSC a 1'50"
3   Andreas Klöden T-Mobile Team a 2'29"
Descrizione e riassunto

Con un attacco da lontano va in fuga solitaria per 176 chilometri e si aggiudica il tappone alpino. È Michael Rasmussen della Rabobank. Il leader della classifica generale, Floyd Landis, va invece in crisi (perde quasi 9 minuti) e si vede sfilare la maglia gialla, che torna sulle spalle di Óscar Pereiro.

17ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
SQ   Floyd Landis[1] Phonak 5h23'36"
1   Carlos Sastre Team CSC 5h29'18"
2   Christophe Moreau AG2R Prév. a 16"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Óscar Pereiro C. d'Epargne 80h08'49"
2   Carlos Sastre Team CSC a 12"
SQ   Floyd Landis[1] Phonak a 30"
Descrizione e riassunto

Dopo la crisi nera del giorno precedente, Floyd Landis fa faville e si impone in quest'ultima tappa alpina. Attacca da solo dopo appena 60 chilometri sul Col de Saisies. Poi si riporta su una fuga di una decina di corridori che erano partiti attorno al 10° chilometro. Va poi via da solo, imprendibile per tutti. Taglia per primo il traguardo e recupera 7'38" sul leader Óscar Pereiro, da cui adesso è separato da soli 30".

18ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Matteo Tosatto Quick Step 4h16'15"
2   Cristian Moreni Cofidis s.t.
3   Ronny Scholz Gerolsteiner a 2"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Óscar Pereiro C. d'Epargne 84h33'04"
2   Carlos Sastre Team CSC a 12"
SQ   Floyd Landis[1] Phonak a 30"
Descrizione e riassunto

È Matteo Tosatto della Quick Step a vincere in volata questa tappa, primo italiano a salire sul gradino più alto del podio in questo Tour 2006. In giallo resta Óscar Pereiro, seguito a 12" da Carlos Sastre e a 30" da Landis.

19ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Serhij Hončar T-Mobile Team 1h07'45"
2   Andreas Klöden T-Mobile Team a 41"
SQ   Floyd Landis[1] Phonak a 1'11"
Classifica generale
Pos. Corridore Squadra Tempo
SQ   Floyd Landis[1] Phonak 85h42'30"
1   Óscar Pereiro C. d'Epargne 85h43'29"
2   Andreas Klöden T-Mobile Team a 30"
Descrizione e riassunto

La cronometro viene vinta da Serhij Hončar, seguito al secondo posto da Andreas Klöden, entrambi della T-Mobile. Landis è terzo ma riconquista la maglia gialla. Oscar Pereiro è adesso secondo nella classifica generale con 59" di distacco.

20ª tappaModifica

Risultati
Classifica di tappa
Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Thor Hushovd Crédit Agricole 3h56'52"
2   Robbie McEwen Davitamon s.t.
3   Erik Zabel Team Milram s.t.
Descrizione e riassunto

La tappa va al norvegese Thor Hushovd della Crédit Agricole, che rimonta in volata l'australiano Robbie McEwen della Davitamon-Lotto. Il Tour 2006 va a Landis (89.39'30"). Poco tempo dopo l'americano risulta positivo a un controllo antidoping (che era stato effettuato dopo la grande cavalcata nella 17ª tappa). Il Tour gli viene tolto. Oltre un anno dopo la vittoria sarà ufficialmente assegnata al secondo classificato, Oscar Pereiro.

Evoluzione delle classificheModifica

Classifiche finaliModifica

Classifica generale - Maglia giallaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Tour de France 2006 classifica finale.
Pos. Corridore Squadra Tempo
SQ   Floyd Landis[1] Phonak 89h39'30"
1   Óscar Pereiro C. d'Epargne 89h40'27"
2   Andreas Klöden T-Mobile Team a 32"
3   Carlos Sastre Team CSC a 2'16"
4   Cadel Evans Davitamon a 4'11"
5   Denis Men'šov Rabobank a 6'09"
6   Cyril Dessel AG2R Prév. a 7'44"
7   Christophe Moreau AG2R Prév. a 8'40"
8   Haimar Zubeldia Euskaltel a 11'08"
9   Michael Rogers T-Mobile Team a 14'10"
10   Fränk Schleck Team CSC a 16'49"

Classifica a punti - Maglia verdeModifica

Pos. Corridore Squadra Punti
1   Robbie McEwen Davitamon 288
2   Erik Zabel T-Mobile Team 199
3   Thor Hushovd Crédit Agricole 195
4   Bernhard Eisel F. des Jeux 176
5   Luca Paolini Liquigas 174

Classifica scalatori - Maglia a poisModifica

Pos. Corridore Squadra Punti
1   Michael Rasmussen Rabobank 166
2   David de la Fuente Saunier Duval 113
3   Carlos Sastre Team CSC 99
4   Fränk Schleck Team CSC 96
5   Michael Boogerd Rabobank 93

Classifica giovani - Maglia biancaModifica

Pos. Corridore Squadra Tempo
1   Damiano Cunego Lampre 89h58'49"
2   Markus Fothen Gerolsteiner a 38"
3   Matthieu Sprick Bouygues Tél. a 1h29'12"
4   David de la Fuente Saunier Duval a 1h36'00"
5   Moisés Dueñas Agritubel a 1h48'40"

Classifica a squadre - Numero gialloModifica

Pos. Squadra Tempo
1   T-Mobile Team 269h08'46"
2   Team CSC a 17'04"
3   Rabobank a 23'26"
4   AG2R Prévoyance a 33'19"
5   Caisse d'Epargne-Illes Balears a 56'53"

NoteModifica

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab Landis, l'ultima condanna Addio al Tour del 2006, gazzetta.it, 30 giugno 2008. URL consultato il 1º agosto 2014.
  2. ^ Operacion Puerto, cronaca di un terremoto, tuttobiciweb.it. URL consultato il 1º agosto 2014.
  3. ^ Il Tour ha deciso di escludere la Astana Wurth di Vinokourov, tuttobiciweb.it, 30 giugno 2006. URL consultato il 1º agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2014).
  4. ^ Levi Leipheimer fu squalificato nell'ottobre 2012 dalla USADA dal 1º settembre 2012 al 1º marzo 2013 per uso di sostanze dopanti nel corso della sua militanza nelle seguenti squadre: US Postal Service, Rabobank, Gerolsteiner e Discovery Channel. L'agenzia antidoping americana gli revocò inoltre tutti i risultati sportivi conseguiti dal 1º giugno 1999 al 30 luglio 2006 e dal 7 al 29 luglio 2007, compreso il piazzamento al Tour de France 2006. Cfr. (EN) Daniel Benson, Six former Armstrong USPS teammates receive bans from USADA, in Cyclingnews.com, 10 ottobre 2012. URL consultato il 17 giugno 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE10140032-9
  Portale Ciclismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ciclismo