Apri il menu principale

Toyota TS050 Hybrid

Toyota TS050 Hybrid
Toyota TS 050 IMG 3698 04.jpg
La Toyota TS050 nel giorno della presentazione al Paul Ricard
Descrizione generale
Categoria Campionato del Mondo Endurance FIA
Classe LMP1
Squadra Toyota
Sostituisce Toyota TS040 Hybrid
Descrizione tecnica
Meccanica
Telaio Monoscocca in fibra di carbonio e alluminio
Motore Toyota 2,4 litri V6 da 90 gradi biturbo
Trasmissione Cambio a 7 rapporti + retromarcia, trazione integrale non permanente
Dimensioni e pesi
Lunghezza 4650 mm
Larghezza 1900 mm
Altezza 1050 mm
Peso 878 kg
Altro
Pneumatici Michelin
Risultati sportivi
Debutto 6 Ore di Silverstone 2016
Piloti Fernando Alonso
Stéphane Sarrazin
Kazuki Nakajima
Anthony Davidson
Nicolas Lapierre
Sébastien Buemi
Mike Conway
José María López
Yuji Kunimoto
Kamui Kobayashi
Brendon Hartley
Palmares
Corse Vittorie Pole Giri veloci
21 8 2 1
Campionati costruttori 1
Campionati piloti 1

La Toyota TS050 Hybrid è una vettura da competizione costruita dal reparto sportivo Gazoo Racing dell'omonima casa giapponese nel 2016.

La vettura è stata sviluppata secondo il regolamento LMP1-H per poter competere nel Campionato mondiale Endurance. La vettura sostituisce la Toyota TS040 Hybrid, che ha gareggiato nelle stagioni 2014 e 2015. La TS050 è stato presentata sul circuito Paul Ricard il 24 marzo 2016. Il motore è un biturbo benzina da 2,4 litri con architettura V6.[1] È dotata di un sistema ibrido da 8 megajoule, che utilizza batterie agli ioni di litio. La vettura ha vinto la 24 ore di Le Mans 2018, prima vittoria assoluta del costruttore nipponico nella competizione, e ripetendo il successo nell’edizione 2019 della classica francese.

StoriaModifica

2016Modifica

La Toyota ha iniziato la stagione con un secondo posto a Silverstone, e ha avuto a Spa Francorchamps problemi al motore con entrambe le vetture schierate in gara, causate dalla forza centrifuga della curva dell'Eau Rouge. Nella 24 Ore di Le Mans la vettura numero 5, guidata da Kazuki Nakajima ormai vicinissima alla prima vittoria per il marchio alla classica francese, ha accusato problemi alla sua auto a 3 minuti dal termine della gara, arrestandosi sul rettilineo principale. La Toyota, ormai ferma, viene superata dalla Porsche 919 Hybrid numero 2 guidata dallo Svizzero Neel Jani proprio all' inizio dell'ultimo giro e va a vincere l'edizione 2016 davanti a decine di migliaia di fan rimasti increduli per l'esito finale della corsa.

2017Modifica

Per la prima volta da quando la squadra è rientrata in gara nel 2012, la Toyota ha annunciato che avrebbe utilizzato 3 vetture nella 24 ore di Le Mans 2017.[2] La terza vettura sarebbe stata guidata da Stéphane Sarrazin, (campione della Super Formula Yuji Kunimoto) e Nicholas Lapierre.

Il 15 giugno 2017, la TS050 guidato da Kamui Kobayashi ha fatto segnare il tempo sul giro di 3:14.791 durante una sessione di qualifiche, diventando il giro più veloce mai effettuato al Circuit de la Sarthe da quando furono aggiunte le chicane alla Mulsanne Straight nel 1990.

2018Modifica

 
José María López su una Toyota TS050 alla 6 ore di Silverstone 2018

La Toyota iniziò la stagione 2018-19 del Campionato mondiale Endurance come unica squadra della categoria LMP1 con vetture ibride. Dopo aver conquistato la vittoria e secondo posto alla 6 Ore di Spa-Francorchamps, è diventata la seconda casa automobilistica giapponese a vincere la 24 Ore di Le Mans dopo la Mazda nel 1991 con la Mazda 787B, con la Toyota che ha piazzato le sue vetture al primo e secondo posto. A Silverstone, le Toyota sono state squalificate dopo aver fatto doppietta.

NoteModifica

  1. ^ (EN) TS050 HYBRID: NEW CAR, NEW CHALLENGE FOR TOYOTA GAZOO RACING – TOYOTA Motorsport GmbH, su www.toyotahybridracing.com. URL consultato il 28 maggio 2019.
  2. ^ (EN) Gary Watkins, Toyota expands to three cars for 2017 Le Mans 24 Hours, su Autosport.com. URL consultato il 28 maggio 2019.

Altri progettiModifica

  Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo