Apri il menu principale
Tranvia Vercelli-Casale Monferrato
Vercelli-Casale steam tramway.jpg
InizioVercelli
FineCasale Monferrato
Inaugurazione1886
Chiusura1935
GestoreSocietà Ferrovie del Ticino
Lunghezza28,146 km
Tipotranvia
Scartamento1.445 mm
Vercelli-Casale tramway map.JPG
Trasporto pubblico

La tranvia Vercelli-Casale, esercita con trazione a vapore, faceva parte di un vasto insieme di collegamenti che irradiavano le province di Novara e Vercelli.

Inaugurata nel 1886, era esercita da una società costituita con capitali belgi e rimase in esercizio fino al 1935.

Indice

StoriaModifica

 
Orario del 1888

Realizzata dall'impresa dell'allora celebre costruttore Ercole Belloli, che per l'occasione coniò lo slogan "Tramvia significa via del bene"[1], la tranvia venne inaugurata il 23 dicembre 1886 dopo l'esito positivo del collaudo avvenuto cinque giorni prima. Il percorso veniva coperto in circa due ore[2].

L'impianto era gestito dalla Società per le Ferrovie del Ticino, che arrivarono ad esercire un'estesa rete di ferrovie e tranvie fra il Piemonte e la Lombardia[2].

Il servizio proseguì regolarmente fino a metà degli anni venti, quando la diffusione delle tranvie elettriche prevalse nei confronti di quelle con trazione a vapore, mettendo queste ultime in condizioni di sfavore[2]: l'assenza di traffici significativi, stanti il calo demografico registrato in quegli anni, e la vocazione prevalentemente agricola del territorio contribuirono a penalizzare i risultati di esercizio finché la linea venne chiusa il 20 novembre 1934 e smantellata[2].

CaratteristicheModifica

La tranvia Vercelli-Casale risultava collocata geograficamente più a est rispetto alla preesistente Ferrovia Vercelli-Casale, motivo per il quale i due impianti attuavano solo una modesta concorrenza[2].

Armata con un binario dello scartamento ordinario di 1.445 mm, la linea misurava complessivamente 28,146, presentava pendenze massime del 30 per mille e curve che scendevano al raggio minimo di 50 metri[3].

PercorsoModifica

Percorso[4]
     
ferrovia Torino-Milano
 
0 Vercelli(Stazione Tram)
 
Vercelli Stazione ferrovia
 
1 Vercelli Bivio Cervetto
     
per Biandrate e Fara
 
4 Cappuccini Vecchi
 
7 Prarolo
 
10 Pezzana
 
13 Stroppiana
 
17 Caresana
 
21 Motta de' Conti
 
24 Villanova Monferrato
     
ferrovia Castagnole-Asti-Mortara
         
ferrovia Chivasso-Alessandria
 
27 Casale Rondò M.P.
 
30 Casale Ponte sul Po
     
fiume Po
 
Casale Piazza Castello
 
31 Casale Stazione Tram
 
per Alessandria/Altavilla-Asti

Dalla stazione tranviaria di Vercelli, prossima a quella ferroviaria e a quella delle tranvie SATV per Trino, Aranco e Biella[5] e che sorgeva nel lato sud della strada di Gattinara, i tram raggiungevano il quartiere di porta Milano per lasciare sulla sinistra il binario per Fara. Con una curva e una controcurva verso sud ci si immetteva dunque in quello che in seguito divenne Corso Papa Giovanni Paolo II, proseguendo su via Thaon de Revel e servendo con un'apposita fermata il borgo dei Cappuccini[1].

Il binario tranviario seguiva dunque corso Casale e la strada provinciale 31, attraversando nell'ordine Prarolo, Pezzana e Stroppiana; Da qui la strada, e con essa la tranvia, volgeva ad est alla volta di Caresana, località servita dai tram i quali poi proseguivano verso sud, lungo il tracciato della provinciale 23 e attraversando Motta de' Conti e Villanova Monferrato fino alla strada Vecchia Vercelli che, intersecato due volte il tracciato della Ferrovia Mortara-Casale[6], conduceva infine al capolinea di Casale Rondò[1].

Materiale rotabileModifica

Per il servizio sulle proprie linee sociali del Vercellese e Novarese le SFT disponevano di diversi gruppi di locomotive tranviarie a vapore a due assi; per le linee Vercelli-Fara e Vercelli-Casale, in particolare, furono acquistate sei unità numerate 30-35, costruite da Henschel & Sohn nel 1884. Tali unità, del peso a vuoto di 1,5 t, potevano raggiungere la velocità massima di 30 km/h[7].

NoteModifica

  1. ^ a b c F. Ogliari, F. Sapi, Scintille tra i monti, op. cit., pp. 209-210.
  2. ^ a b c d e M. Matto, Santhià e la ferrovia, op. cit., p. 250.
  3. ^ Francesco Ogliari, Franco Sapi, Scintille tra i monti - Storia dei trasporti italiani - Piemonte, Valle d'Aosta - Volume 2, Milano, 1968, p. 764.
  4. ^ Orario ufficiale delle strade ferrate, delle tramvie, della navigazione e delle messaggerie postali del Regno d'Italia con la indicazione delle principali corrispondenze estere compilato per cura della direzione generale delle Ferrovie dello Stato, Fratelli Pozzo Editori, Torino, gennaio 1911, quadro 330
  5. ^ Aldo Riccardi, Fantasmi DOC - Il tram a vapore Vercelli-Trino, in Tutto Treno, 4/1988, Duegi Editrice, Ponte San Nicolò (PD), pp. 44–46.
  6. ^ Metron, In Lomellina tra tranvie mancate e disastri tranviari, in Mondo Ferroviario, n. 309, aprile 2013, pp. 12-17.
  7. ^ Walter Hefti, Dampf-Strassenbahnen, Birkhäuser Verlag, Basilea, 1984, ISBN 978-3-7643-1536-8, p. 216.

BibliografiaModifica

  • Mario Matto, La tramvia Santhià-Ivrea e la rete tranviaria locale, in Santhià e la ferrovia: una storia che dura 150 anni, GS Editrice, Santhià, 2006, pp. 203–266, ISBN 88-87374-95-3.
  • Francesco Ogliari, Franco Sapi, Scintille tra i monti - Storia dei trasporti italiani - Piemonte, Valle d'Aosta - Volume 1, Milano, 1968.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica