Apri il menu principale

Tranvia di Washington

Tranvia di Washington
Servizio di trasporto pubblico
DC Streetcar 10 2015 4510.JPG
Un tram della linea su H Street
Tipotranvia urbana
StatiStati Uniti Stati Uniti
CittàWashington
InizioUnion Station
FineOklahoma Avenue
Apertura2016
 
GestoreRATP Dev
Mezzi utilizzatiTrio, United Streetcar
 
N. stazioni e fermate8
Lunghezza3,9 km
Passeggeri
al giorno
all'anno
Fonte:[1]
2 500 (2016)
280 500 (primi 4 mesi)
Trasporto pubblico

La tranvia di Washington (in inglese Washington Streetcar, IPA: [ˈwɒʃɪŋtən ˈstritˌkɑr]) è una tranvia che collega la Washington Union Station con il quadrante nord-est della città. È conosciuta anche come linea H Street/Benning Road dal nome delle strade che attraversa ed è gestita dalla società francese RATP Dev.[2]

Aperta il 27 febbraio 2016 dopo una complessa genesi,[3] rappresenta il ritorno del tram a Washington dopo 54 anni. Dal 1862 al 1962 la città era infatti dotata di un'estesa rete tranvia poi dismessa e sostituita con degli autobus.[4]

Il servizioModifica

La linea è attiva sette giorni su sette, con un servizio ridotto nei fine settimana. La frequenza varia tra i 10 minuti delle ore di punta e i 15 minuti delle ore di morbida. Il tempo necessario per percorrere tutta la linea è di 20 minuti.[5]

NoteModifica

  1. ^ (EN) Transit Ridership Report Second Quarter 2016 (PDF), su apta.com, 22 agosto 2016, p. 3. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  2. ^ (EN) D.C. picks firm to run first streetcar line, The Washington Examiner, 12 luglio 2012. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  3. ^ (EN) Michael Laris, D.C. streetcar makes its first voyages on H Street. ‘Is it really happening?’, The Washington Post, 27 febbraio 2016. URL consultato il 9 febbraio 2017.
  4. ^ (EN) LeRoy O. King, 100 years of capital traction: the story of streetcars in the Nation's Capital, Taylor Publishing Company, 1972, ISBN 0960093818.
  5. ^ (EN) DC Streetcar Schedule, su dcstreetcar.com. URL consultato il 9 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale l'11 febbraio 2017).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica