Trapeze

gruppo musicale inglese
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Trapeze (disambigua).
Trapeze
Paese d'origineInghilterra Inghilterra
GenereHard rock
Funk rock
Rock progressivo
Periodo di attività musicale1968 – 1982
1991 – 1992
1994 – 2003
Album pubblicati13
Studio6
Live4
Raccolte3

I Trapeze sono stati un gruppo rock britannico, il cui periodo di maggior successo fu negli anni settanta. Il componente più celebre fu il cantante e bassista Glenn Hughes, mentre il principale compositore e unico membro sempre presente fu il cantante e chitarrista Mel Galley.

La band ha avuto molti ammiratori tra i colleghi musicisti, fra cui David Bowie, John Bonham dei Led Zeppelin, Jon Lord e Ian Paice dei Deep Purple, e i Red Hot Chili Peppers.

StoriaModifica

La scalata al successoModifica

Il nucleo originario dei Trapeze proveniva dai Finders Keepers (un gruppo che negli anni sessanta realizzò alcuni singoli e nel quale militavano il batterista Dave Holland, il chitarrista Mel Galley ed il bassista Glenn Hughes) e dai Montanas (del tastierista Terry Rowley e del cantante John Jones).

I Trapeze nacquero nel 1969 dall'incontro di questi cinque musicisti, che pubblicarono già nel 1970 un album omonimo influenzato da sonorità beat e progressive. Ma dopo poco vi fu il primo dei molti cambi di formazione che hanno sempre contraddistinto la storia della formazione: Rowley e Jones lasciarono e Hughes divenne anche cantante. Dopo qualche mese uscì Medusa, un album assai differente dal precedente. Le composizioni sono prevalentemente ad opera di Galley ed esprimono un hard-rock evocativo, con qualche venatura funky (Your love is alright).

I Trapeze iniziarono a riscuotere successo ed incisero nel 1972 il terzo album You are the Music...We are just the Band, assai più funky del precedente, a causa del maggior apporto di Hughes in fase compositiva. Ma da lì a poco vi fu una nuova defezione: dopo un concerto al Marquee, Jon Lord dei Deep Purple chiese a Hughes di sostituire Roger Glover. Tentato dalla fama e dal denaro che l'ingresso nei Purple gli avrebbe portato, il bassista abbandonò il gruppo, pur amandolo.

Entrarono così nel gruppo il buon bassista Pete Wright ed un secondo chitarrista, Rob Kendrick; Galley si dedicò anche al canto. Con questa formazione uscirono Hot Wire nel 1974 e Trapeze (il secondo album omonimo per questo gruppo) nel 1976. Proprio in quell'anno i Deep Purple si sciolsero e sembrava che Hughes potesse tornare all'ovile: in realtà non se ne fece nulla e il bassista si limitò a cantare in qualche canzone di Trapeze.

Il declinoModifica

Con l'uscita di Kendrick dal gruppo venne assoldato un nuovo cantante, Peter Goalby, che divenne anche secondo chitarrista. Ciò fu probabilmente dovuto al fatto che la tenuta vocale di Galley dal vivo era assai limitata (come testimonia il Live At The Boat Club 1975 del 1975). La nuova formazione sfornò il buon Hold on nel 1979, ma un altro cambio di formazione era in arrivo: Dave Holland accettò l'offerta dei Judas Priest di sostituire Les Binks e così venne rimpiazzato da Steve Bray. La nuova formazione era comunque efficace ed in particolare Goalby si rivelò in grado di interpretare degnamente le canzoni di Hughes pur avendo una voce assai diversa come si può ascoltare nel Live in Texas: Dead Armadillos del 1980.

La corsa dei Trapeze stava però per arrivare al capolinea: nel 1982 Goalby lasciò per accettare l'offerta degli Uriah Heep orfani di John Sloman, nei quali avrebbe avuto carta bianca a livello creativo, stravolgendone lo stile caratteristico.

Galley mise in piedi una nuova formazione con sé stesso alla voce, Bray, Mervyn 'Spam' Spence al basso e Richard Bailey alle tastiere, ma nel settembre dello stesso anno accettò l'offerta di David Coverdale di unirsi agli Whitesnake per l'album Slide It In. Il gruppo si sciolse.

Le ultime apparizioniModifica

Nel 1991 un Glenn Hughes artisticamente redivivo animò la riunione della Mark II dei Trapeze, con Geoff Downes in veste di tastierista aggiunto. Il gruppo si imbarcò in un tour di tre mesi in USA e Regno Unito, per sciogliersi nuovamente l'anno seguente. A testimonianza della loro recente attività uscì Welcome to the Real World - Live at the Borderline nel 1993. Nel 1994 la formazione si riunì nuovamente per un concerto commemorativo in onore di Ray Gillen dei Badlands, ma decise poi di estendere l'attività anche ad una piccola serie di concerti.

Nonostante Hughes avesse espresso in varie interviste negli anni successivi il desiderio di riformare i Trapeze per un tour e un nuovo disco, le morti di Mel Galley nel 2008 e di Dave Holland nel 2018 fecero naufragare il progetto.

FormazioniModifica

UltimaModifica

Altri membriModifica

  • John Michael Jones - voce, tromba
  • Terry Rowley - organo, chitarra, piano, flauto
  • Rob Kendrick - chitarra
  • Peter Wright - basso
  • Peter Goalby - voce, chitarra
  • Steven Bray - batteria
  • Mervyn Spence - basso, voce
  • Richard Bailey - tastiere

Cronologia delle formazioniModifica

1969:

1970-1973:

  • Mel Galley - chitarra
  • Glenn Hughes - basso, voce
  • Dave Holland - batteria

1974-1976:

  • Mel Galley - chitarra, voce
  • Dave Holland - batteria
  • Rob Kendrick - chitarra
  • Pete Wright - basso

1978-1979:

  • Mel Galley - chitarra
  • Dave Holland - batteria
  • Pete Goalby - voce, chitarra
  • Pete Wright - basso

1980-1981:

  • Mel Galley - chitarra
  • Pete Goalby - voce, chitarra
  • Pete Wright - basso
  • Steve Bray - batteria

1982:

  • Mel Galley - chitarra, voce
  • Steve Bray - batteria
  • Mervyn 'Spam' Spence - basso, voce
  • Richard Bailey - tastiere

1992

  • Mel Galley - chitarra
  • Dave Holland - batteria
  • Glenn Hughes - basso, voce
  • Geoff Downes - tastiere (non in formazione)

TimelineModifica

DiscografiaModifica

Album in studio
Raccolte
Live

BibliografiaModifica

  • Rizzi, Cesare. Progressive & Underground '67 - '76. Firenze: Giunti Editore (2003), ISBN 88-09-03230-6.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN137390754 · LCCN (ENn95091414 · BNF (FRcb13849171r (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n95091414
  Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock