Apri il menu principale

Trasporti in Friuli-Venezia Giulia

Sistema ferroviarioModifica

 
Schema delle linee ferroviarie presenti in Friuli Venezia Giulia: in blu la rete fondamentale, in azzurro la rete complementare

La rete ferroviaria del Friuli-Venezia Giulia conta 466 km di linee; 17 sono le principali stazioni, classificate come platinum, gold e silver[1]. Il Friuli-Venezia Giulia è percorso da due importanti direttrici internazionali: la direttrice Adriatica (AustriaItalia meridionale) e la direttrice est-ovest (BarcellonaPianura PadanaTriesteLubianaBudapestKiev)[2]. La competenza regionale in ordine ai servizi ferroviari regionali è divenuta effettiva dal 1º gennaio 2008, dopo il trasferimento dallo Stato alla Regione delle funzioni di programmazione ed amministrazione in materia di servizi pubblici di trasporto di interesse regionale e locale, con qualsiasi modalità di trasporto effettuate[3].

La stazione di Trieste Centrale è lo scalo ferroviario principale della città capoluogo del Friuli Venezia Giulia. Terminale per le linee da Venezia e Udine. Per i collegamenti con la Slovenia è attiva la stazione di Villa Opicina.

La stazione di Udine è una delle principali stazioni del nord-est, tra le più utilizzate del Friuli-Venezia Giulia. Servita da collegamenti a breve e lunga percorrenza, è capolinea delle linee per Venezia, Trieste, Tarvisio (Austria) e Cividale.

Le linee ferroviarie facenti parte della rete fondamentale sono le seguenti:

Vi sono poi delle linee complementari:

Linee ferroviarie dismesseModifica

  Le singole voci sono elencate nella Categoria:Linee ferroviarie dismesse in Friuli-Venezia Giulia

Sistema aeroportualeModifica

Il servizio aeroportuale del Friuli-Venezia Giulia è formato da due aeroporti civili e due basi aeree militari:

Aeroporti civili:

Aeroporti militari:

Sistema stradale e autostradaleModifica

 
La A23 nei pressi del confine con l'Austria

La rete stradale regionale è gestita dalla società Friuli Venezia Giulia Strade, in base all'articolo 4 comma 87 della legge regionale nº 22 del 20 agosto 2007 e all'articolo 63 della legge regionale nº 23 del 20 agosto 2007 che hanno autorizzato l'Amministrazione regionale a "costituire una società a capitale interamente pubblico avente per oggetto sociale esclusivo la progettazione, la realizzazione, la manutenzione, la gestione e la vigilanza di opere di viabilità"[5]. Il Friuli-Venezia Giulia costituisce un importante nodo di direttrici stradali verso l'Europa centro - orientale e balcanica (confina con Austria e Slovenia); l'Italia è separata dalla Croazia da una striscia di territorio sloveno poco estesa: Trieste dista infatti poco più di 30 km dall'inizio della superstrada B9 (Croazia)[6].

Per quanto riguarda la segnaletica stradale, in Friuli è stato adottato l'uso del friulano in particolare nelle indicazioni di localizzazione dei singoli comuni, mentre nelle province di Gorizia e Trieste la segnaletica bilingue presente nei comuni bilingui del Carso dovrebbe riportare sempre le doppie indicazioni italiano/sloveno.

Rete autostradaleModifica

La regione è interessata dalle seguenti autostrade:

SuperstradeModifica

Rete stradaleModifica

 
La SR 305 all'incrocio con la SR 252 a Gradisca d'Isonzo (GO).
 
Un tratto della via Flavia nei pressi di Aquilinia
Strade statali
 
Il monte Malvueric alto visto dal passo di Pramollo

Passi e valichiModifica

Distanze chilometricheModifica

[7] Trieste Udine Pordenone Gorizia Tarvisio Passo di Monte Croce Carnico
Trieste
-----
72 km
114 km
45 km
150 km
144 km
Udine
72 km
-----
50 km
37 km
88 km
86 km
Pordenone
114 km
50 km
-----
93 km
173 km
167 km
Gorizia
45 km
37 km
93 km
-----
138 km
132 km
Tarvisio
150 km
88 km
173 km
138 km
-----
km
Passo di Monte Croce Carnico
144 km
86 km
167 km
132 km
km
-----
 
Presentazione di nuovi autobus ecologici Mercedes-Benz Citaro di Trieste Trasporti

Trasporto pubblicoModifica

In Friuli-Venezia Giulia il trasporto pubblico urbano ed extraurbano è gestito da:

Sistema di navigazioneModifica

In Friuli Venezia Giulia sono presenti due porti: il più importante è quello di Trieste, porto di grandi dimensioni con traffico di traghetti turistici, navi per trasporto merci e pescherecci, e con cantieri navali, un terminal industriale e un terminal petroli, che serve l'oleodotto Trieste - Ingolstadt. Vi è poi il porto di Monfalcone, il porto marittimo più settentrionale dell'Adriatico, porto merci e industriale con servizio container.

NoteModifica

  1. ^ Fonte: Ferrovie dello Stato Archiviato il 18 maggio 2011 in Internet Archive. URL consultato il 07/07/2010
  2. ^ Fonte:www.itccarli.it Archiviato il 6 febbraio 2013 in Internet Archive. URL consultato il 08/07/2010
  3. ^ Fonte: sito ufficiale della Regione Friuli-Venezia Giulia URL consultato il 09/07/2010
  4. ^ (EN) Thorsten Büker et al., Maps of Croatia, Slovenia and Bosnia-Herc. (GIF), Railways through Europe, 2009. URL consultato il 23 febbraio 2010.
  5. ^ Fonte:fvgstrade.it[collegamento interrotto] URL consultato il 08/07/2010
  6. ^ Fonte: Europa - Atlante stradale e Turistico, 1:900.000, Touring editore, 2007
  7. ^ Calcolate prendendo in considerazione la tipologia di strada più veloce (non la più breve); fonte: Italia - Atlante stradale, 1:250.000, Istituto Geografico De Agostini, 2009
  8. ^ Fonte: sito ufficiale della SAF URL consultato il 09/07/2010
  9. ^ Fonte: sito ufficiale dell'ATAP Archiviato il 27 maggio 2010 in Internet Archive. URL consultato il 09/07/2010
  10. ^ Fonte: sito ufficiale dell'APT Gorizia URL consultato il 09/07/2010

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica