Trattato di Adrianopoli (1713)

Trattato di Adrianopoli
Firma24 giugno 1713
LuogoAdrianopoli
PartiFlag of Russia.svg Russia
Impero ottomano Impero ottomano
voci di trattati presenti su Wikipedia

Il Trattato di Adrianopoli fu firmato ad Adrianopoli tra Russia e Impero Ottomano il 24 giugno 1713[1] e conferma la Pace del Prut sottoscritta due anni prima che pose fine alla guerra russo-turca del 1710-1711. Il trattato aggiunge le seguenti disposizioni:

  • Il confine russo-ottomano tra i fiumi Samara e Orel divide il territorio delimitato da questi fiumi in due parti uguali[1].
  • Azov è restituita agli Ottomani[2][3].
  • Qualsiasi incursione, offensiva o violenza è vietata tra i sudditi della Russia e quelli dell'Impero Ottomano.
  • I russi devono stare esterni a tutti i conflitti tra i Calmucchi e i popoli della Crimea.
  • Le rivendicazioni dei tatari di Crimea nei confronti del regno russo sono rinviate.

Questo trattato resterà in vigore per venticinque anni[4][5] e sarà sostituito dopo la guerra russo-turca del 1735-1739 dalle disposizioni stabilite dal trattato di Belgrado e dalla trattato di Nyssa.

NoteModifica

  1. ^ a b (FR) Christophe Koch, Histoire abrégée des traités de paix entre les puissances de l'Europe depuis la paix de Westphalie, Volume 4, Meline, Cans et Compagnieª ed., 1838, p. p. 564.
  2. ^ (FR) Roger Portal, Pierre le Grand, Editions Complexeª ed., 1990, pp. p. 61, 308, ISBN 978-2-870-27355-5.
  3. ^ (FR) Jean-Pierre Bois, De la paix des rois à l'ordre des empereurs (1714-1815), Pointsª ed., p. 512, ISBN 978-2-757-83978-2.
  4. ^ (FR) Francine-Dominique Liechtenhan, Pierre Le Grand. Le premier empereur de toutes les Russies, Tallandierª ed., p. 688, ISBN 979-1-021-00714-7.
  5. ^ (FR) Henry Laurens, John Tolan e Gilles Veinstein, Europe et l’Islam (L'): Quinze siècles d’histoire, Odile Jacobª ed., 2009, pp. p. 227, 480, ISBN 978-2-738-19901-0.

Collegamenti esterniModifica