Trattato di Costantinopoli (1479)

trattato firmato nel 1479
Trattato di Costantinopoli
Gentile Bellini 003.jpg
Ritratto del sultano Mehmet II, del pittore Gentile Bellini
Tipotrattato di pace
ContestoGuerra turco-veneziana (1463-1479)
Firma25 gennaio 1479
PartiImpero ottomano Impero ottomano
Flag of the Republic of Venice.svg Repubblica di Venezia
voci di trattati presenti su Wikipedia

Il trattato di Costantinopoli del 1479 fu un accordo firmato il 25 gennaio dall'Impero ottomano e la Repubblica di Venezia che pose fine alla Guerra turco-veneziana del 1463-1479.

AntefattiModifica

Le terre che gli ottomani conquistarono nei Balcani li resero più vicini ai possedimenti veneziani. Le guerre che ne scaturirono per il predominio del Mediterraneo durarono 16 anni (1463-1479), durante le quali gli Ottomani conquistarono molte isole, in particolare l'Eubea. Alla fine della guerra, venne sottoscritto un trattato di pace tra gli ottomani e i veneziani.

Il trattatoModifica

In base ai termini del trattato, Venezia manteneva i propri possedimenti a Dulcigno, Antivari e Durazzo ma avrebbe dovuto cedere Scutari (che gli ottomani avevano a lungo assediato) e alcuni territori sulla costa dalmata. La Serenissima inoltre rinunciava al controllo sulle isole greche di Negroponte (l'attuale Eubea) e Lemno.

Venezia, inoltre, si impegnava a pagare al Sultano un tributo annuo di circa 10.000 ducati per poter commerciare sul Mar Nero.[1] Secondo un'altra clausola del trattato, un "buon pittore" della Repubblica di Venezia, individuato in seguito dal Senato veneziano in Gentile Bellini, sarebbe stato inviato a Costantinopoli per dipingere il ritratto del sultano Mehmet II.[2]

Come risultato di questo trattato, Venezia acquisì una posizione indebolita nel Levante.[3]

RisvoltiModifica

Il trattato fu violato dal sultano Bayezid II durante la successiva guerra del 1499-1503.

NoteModifica

  1. ^ Conflict and Conquest in the Islamic World: Alexander Mikaberidze, 2011. p. 917.
  2. ^ Ritratti di Venezia, su www.progetti.iisleviponti.it. URL consultato il 28 dicembre 2020.
  3. ^ 5. Venice. 2001. The Encyclopedia of World History, su web.archive.org, 5 luglio 2007. URL consultato il 28 dicembre 2020 (archiviato dall'url originale il 5 luglio 2007).