Trattato di Saragozza

Trattato di Saragozza
Spain and Portugal.png
Il trattato di Tordesillas stipulato nel 1494 (meridiano in viola) e l'antimeridiano passante per le Molucche (in verde), tracciato al trattato di Saragozza nel 1529
Tipotrattato bilaterale
Firma22 aprile 1529
LuogoSaragozza, Spagna
PartiFlag of Cross of Burgundy.svg Carlo I di Spagna
Flag of Portugal (1521).svg Giovanni III del Portogallo
Lingueportoghese, spagnolo
voci di trattati presenti su Wikipedia
Carta delle isole Molucche.

Il trattato di Saragozza fu stipulato il 22 aprile 1529 dalle corone di Spagna e di Portogallo con lo scopo di decidere a quale regno spettasse il controllo delle isole Molucche.

Il trattato precisò le zone d'influenza dei due regni: infatti in queste zone non era chiaro dove il meridiano stabilito dal trattato di Tordesillas passasse e le due monarchie si contendevano le isole. Col trattato di Saragozza si stabilì con precisione la divisione del globo.

Dopo il fallimento delle trattative tra la delegazione spagnola e quella portoghese a Badajoz-Elvas nel 1524, agli inizi del 1528, Carlo inviò ambasciatori in Portogallo proponendo una rapida risoluzione della vertenza sulle Molucche, in cambio della neutralità portoghese nel prossimo conflitto con i francesi. «I termini dell’accordo furono definiti dagli ambasciatori agli inizi del 1529 e il trattato di Saragozza, ratificato dalla Castiglia il 23 aprile 1529 e dai portoghesi otto settimane dopo, stabiliva che Carlo avrebbe rinunciato a ogni pretesa sulle Molucche in cambio di un sostanzioso compenso finanziario, e che qualsiasi castigliano scoperto a commerciare nella regione sarebbe stato punito.»[1]

Secondo le clausole del trattato l'imperatore Carlos V accettò di vendere i suoi presunti diritti per 350.000 ducati e di rinunciare alle Malucche.[2]

NoteModifica

  1. ^ Jerry Brotton, La storia del mondo in dodici mappe, LaFeltrinelli, 2018, p. 234, ISBN 978-88-588-3031-4..
  2. ^ José Luis Martínez, Las primeras expediciones a Filipinas, in El galeón del Pacífico Acapulco-Manila 1565-1815, Gobierno del Estado de Guerrero, p. 72, ISBN 978-968-6258-24-0.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica